Dettagli Recensione

 
Nel guscio
 
Nel guscio 2017-03-20 11:08:16 68
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    20 Marzo, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Attesa ed esitazione, la sola speranza...

C'è un feto dai tratti peculiari, a testa in giù in una donna, in attesa, a braccia conserte, chiedendosi chi è, e chi sarà, spesso in preda all' ansia ed alla nostalgia al ricordo del dolce fluttuare nella bolla dei suoi pensieri.
È un feto che giocherella con il proprio cordone ombelicale e che resta, ascolta, impara, vive e percepisce intensamente.
È se' e non se', intimamente ( fisicamente ed affettivamente ) legato alla propria madre Trudy, in una duplicità Eros-Thanatos (...." l' amore per mia madre è direttamente proporzionale all' odio che le porto"... ) che ha il sapore di una tragedia annunciata.
Dalla sua piccola porzione di mondo ascolta e riflette, si interroga su vita privata e destino nell' aporia di una vita per lui già segnata ed ostaggio di altri ( i propri genitori e chi per essi ), impossibilitato ad agire, ovattato in una realtà amniotica e claustrofobica, così seducente ma terribilmente limitante in qualsivoglia possibilità di indirizzo.
..." E se un feto venisse al mondo conoscendo già tutto dei suoi genitori e di quello che lo aspetta?..." Questo il dubbio e l' esitazione amletica, ( ...." potrei anche essere confinato in un guscio di noce e sentirmi il re di uno spazio infinito se non fosse la compagnia di brutti sogni"...) ma qui non vi sono spettri ne' castelli popolati da spiriti secolari, solo una marcescente contemporaneità ( vive con la madre in un edificio georgiano che è un rudere ) ed un bieco desiderio di sopraffazione, crudo, materiale, ammantato di " amore " e buoni sentimenti ma traspirante indifferenza e noncuranza.
Il nascituro ha lo stigma di un oggetto qualunque, dimenticato, ignorato, sopraffatto, sospeso tra egoistici effluvi ed eccessi sconsiderati, sbornie alcoliche ed abbuffate nauseabonde, impeti sessuali imminenti e cefalee prolungate, speranza di vita e possibilità di morte, alla mercé di una madre insondabile ed ondivaga, sovente misconosciuta ( nella accezione di madre ).
È un feto che vive una realtà capovolta ( anche fisicamente ), sente ma non vede, immagina, pensa, decodifica, struttura il proprio mondo, al contrario della fattualita' circostante, così veloce, superficiale, senza memoria, inserita nel semplice e banale fotogramma di un attimo.
Il suo animo da autodidatta è profondo, sensibile, critico, colto, una voce della coscienza che assapora, dosa e riflette su un mondo esterno ( ed estraneo ) paradossale, intriso di scontri frontali, ingiustizie, barriere e preconcetti, in cui la vita privata sovrasta ed elude il dramma migratorio e l' odio e l' indifferenza sovrastano un senso di globalità, proprio come accade nel suo piccolo angolo di mondo ( la famiglia).
Dalla propria prigione dorata diviene esperto di sogni collettivi, sente e non sente, investiga ma fatica a raccogliere le prove. Inizia a dubitare persino dell' amore materno ( ma è un dubbio ampiamente giustificato dai fatti ), viceversa ama lo scanzonato e sublime poetare del padre John e quei versi che egli si ostina a recitare alla moglie Trudy, rattristato dal fallimento del suo poetare, ed odia lo zio Claude, che dapprincipio non conosceva, immobiliarista zotico e duro di mente.
La congiura degli amanti nei confronti del padre ( e dello stesso protagonista ), quella passione sfrenata ( che tale non è ) ed accecante che li guida e li rende cinici e machiavellici, trasforma la trama in un thriller in attesa di una risoluzione scontata ( per la loro palese dabbenaggine ).
In una narrazione apparentemente poco includente ed affettivamente asciutta si costruisce un viaggio ricco e sublime in quel paese diverso che è la mente umana. In fondo ...." è così ingiusto avere tanto male prima ancora che la vita cominci "... e ...." fa così male ad un bambino sentire la propria madre piangere "....
Il feto stesso, in fieri, si spingerà oltre i recessi della pura immaginazione, in una neo-consapevolezza indirizzante la storia, servendosi di quello che gli fa comodo, verso una improbabile via di fuga ed una salvezza agognata.
Dopo riflessioni protratte accede e lotta per lo scopo di ogni vita, la semplice possibilità di essere vissuta, eludendo una condanna già scritta, indirizzando un destino segnato, trasformando i sogni in desideri, gli incubi in brutti ricordi e la semplice immaginazione in realtà.
Quante volte dal proprio giaciglio angusto e ristretto ( solo di fatto ) ha immaginato il volto della propria madre, nel quale ora gli sembra di vedere il mondo intero, bellissima, amorevole, assassina.
Sta tutto qui: prima il dolore, poi la giustizia ed infine un senso, quel...." senso che sta nell' attesa, nel pensiero. Tutto il resto e' caos "....
L' ultimo McEwan ha il respiro di una apparente intimità ( continuamente violata ) con una narrazione dosata e centellinata inclusa in un turpiloquio di inventività ed in monologhi sferzanti. In uno scenario spoglio ma complesso ( cerebralmente ) ed in una virtualità sospesa tra il percepito e l' insondabile, con una barriera ( la placenta ) che tramuta i sogni in speranze ed in mostruose presenze, si compie un viaggio mentale e fisico terribilmente crudo alla scoperta di un mondo sempre e solo immaginato e di fatto peggiore di quel che inizialmente sembrava.
Virtuosismi sintattici e giuochi di parole scorrono in un flusso di coscienza che alterna crudezze e disillusioni a spaventevoli immagini di un reale disconosciuto.
Lo spirito narrante, tra umorismo e situazioni paradossali, lotta per accedere ad una vita donatagli e sottrattagli in un viaggio che impone riflessioni doverose, il senso della famiglia, il tradimento, l' egoismo, il rapporto figliale, la realizzazione dei sogni, la contrapposizione realtà-desiderio, ma anche elementi della contemporaneità e della globalizzazione, l' indifferenza, la noncuranza, il non ascolto, le barriere fisiche e mentali, il rifiuto, il contrasto ricchezza- povertà, il bieco materialismo imperante, il decadimento morale ed artistico, la morte della poesia.
È un occhio all' apparenza distaccato ( perché non ancora operativo nel mondo ), esterno ma non estraneo, una voce fuori dal coro, profondo conoscitore dei recessi dell' umana specie, in attesa di qualsivoglia sorte o giustizia o fine imminente.
Il forte desiderio di vita porterà all' autodeterminazione, i colori immaginati si faranno finalmente realtà ( e saranno dei bellissimi colori ), l' immaginario solo percepito duro e consapevole presente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Matelda
20 Marzo, 2017
Ultimo aggiornamento:
20 Marzo, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Eccellente recensione, molto ben argomentata , ma non sono una fan di McEwan
Un'interessante recensione, Gianni.
Con l'autore, sono rimasto a "Espiazione". Questo nuovo libro mi pare originale senz'altro. L'alta valutazione rassicura che non si tratta di semplice escamotage, come forse si potrebbe sospettare.
In risposta ad un precedente commento
68
21 Marzo, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, credo che questo romanzo, che si discosta radicalmente da "Espiazione" ( che resta a mio parere tra le prove migliori dell' autore ), al di là' dell' idea di fondo che parrebbe piuttosto furba e già nota ( un feto parlante ) ed i rimandi e parallelismi shakespeariani ( piuttosto evidenti ), sia da apprezzare al contrario del solito per flusso e velocità di pensiero in una stasi apparente, che lo rende molto godibile e quasi un thriller, conservando sempre una scrittura che dosa e giuoca con le parole creando dei virtuosismi linguistici cari all' autore L' alta valutazione risente della godibilita' del testo, non è una comparazione ad altri McEwan
In risposta ad un precedente commento
68
21 Marzo, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Questo McEwan è un poco diverso, non di certo quello di " Espiazione "', personalmente il romanzo mi e' piaciuto per idea, flusso di pensieri e velocità narrativa, pur in una staticità apparente, e per il giuoco e l' uso virtuoso delle parole in cui l' autore di certo ci sa fare. È un testo che di discosta dagli ultimi McEwan.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri