Dettagli Recensione

 
La casa sul'isola
 
La casa sul'isola 2017-06-27 15:58:20 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    27 Giugno, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un'affascinante saga familiare su di un'isola

La casa sull’isola è il romanzo d’esordio della scrittrice britannica Catherine Banner, che ha lavorato come insegnante per alcuni anni, spostata con un italiano, vive a Torino.
“Un miracolo, due gemelli nati da madri diverse che vengono al mondo come se avessero fatto un patto. Una notte nei primi anni del XX secolo a Castellamare, erano nati due bambini maschi, figli dello stesso padre, “il collezionista di storie”.
Amedeo Esposito era stato lasciato neonato a gennaio del 1875 nella “ruota” del brefotrofio di Firenze. Il bambino era cresciuto a vista d’occhio: più diventava grande, più era desideroso di conoscere le storie delle balie che lo avevano allattato e poi allevato.
A sei anni, unico maschio rimasto nell’orfanotrofio, il piccolo era stato preso a benvolere dal medico, ivi presente nella struttura. Il dottore aveva regalato ad Amedeo un taccuino. Da allora Amedeo era solito farsi narrare storie da tutti: infermiere, suore, i preti della Santissima Annunziata che passavano davanti agli scalini della struttura, benefattori in visita. Diventato adulto, si laurea in Medicina, ed era andato a vivere con il medico dell’Istituto, scapolo e ormai avanti con gli anni. Uomo solitario, corporatura alta ed imponente, folte sopracciglia, abbigliamento serio, abitudini riservate, Amedeo trascorreva le sere a studiare riviste mediche e le domeniche nella casa del suo vecchio padre adottivo. Si sentiva una persona senza radici e forse per questo cercava Amedeo . Quest’ultimo cercava un posto fisso e stabile. Nel 1914 il sindaco della cittadina di Castellamare scriveva se Amedeo era disposto a trasferirsi al Sud, c’era un’isola del tutto priva di assistenza medica che poteva offrirgli un posto fisso. In quest’isola a Sud-Est della Sicilia, un puntino sull’atlante del suo padre adottivo, Amedeo avrebbe trascorso la sua intera esistenza.
L’autrice compone una emozionante saga familiare, una piccola, ma toccante storia incastonata nella Grande Storia del Novecento che arriva fino ai giorni nostri.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto Giuseppina Torregrossa, Cortile nostalgia.
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 

22 Marzo, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
E' possibile individuare l'isola dove si svolge il racconto?
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri