Dettagli Recensione

 
Via col vento
 
Via col vento 2017-08-25 18:25:15 Cathy
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Cathy Opinione inserita da Cathy    25 Agosto, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il crepuscolo degli dei

Nell’aprile del 1861 la sedicenne Rossella O’Hara è la regina della contea di Clayton, in Georgia: graziosa, vivace, in grado di incantare tutti con un sorriso seducente e un battito di ciglia, innamorata della vita, dei balli e dei bei vestiti, civetta con chiunque le capiti a tiro e si diverte a far cadere ai suoi piedi tutti i giovanotti della contea. Il suo cuore, però, appartiene ad uno solo di essi: Ashley Wilkes, raffinato, colto e intelligente, amante dell’arte, della poesia, della musica. Profondamente diverso dagli uomini con i quali Rossella ha a che fare abitualmente, è proprio l’unico che resta immune al suo fascino e non va oltre la cortese ammirazione per lei, deciso a sposare la donna che la tradizione familiare gli impone: sua cugina Melania, fanciulla dolce e delicata, di una bontà e una benevolenza verso il prossimo quasi eccessive. Rossella detesta l’angelica promessa sposa di Ashley, così perfetta e così diversa da lei, ed è determinata a fare qualunque cosa per conquistarlo, ma la Guerra di Secessione si abbatte di colpo su tutti loro come un vento burrascoso che spazza via sogni e speranze, la pace, il benessere economico, l’esistenza quieta e sonnolenta delle agiate famiglie del sud.
Per Rossella la guerra non significa soltanto sofferenze e privazioni, ma è anche l’occasione di crescere e mettersi alla prova, misurando la propria forza, il proprio coraggio, la capacità di rialzarsi sempre e continuare a lottare, scacciando le riflessioni tristi o troppo dure da affrontare dicendo a se stessa: “Ci penserò domani”. E mentre i delicati e aristocratici signori del sud periscono nella fame e nelle difficoltà, Rossella prospera e si arricchisce, determinata a sopravvivere e incurante del giudizio degli altri. In lei, figlia di un coltivatore irlandese emigrato in Georgia e di un’aristocratica di Savannah dalle origini francesi, convivono due anime contrastanti: la rigida educazione che le è stata inculcata da bambina grazie agli sforzi congiunti di sua madre e della sua balia nera, Mammy, all’insegna dell’onore, della gentilezza, del pudore, del rispetto per le convenienze, è solo la vernice che copre lo spirito più profondo di Rossella, l’anima irlandese di suo padre, caparbia, volitiva, appassionata, impetuosa, senza scrupoli nel raggiungere i propri obiettivi, proiettata verso il futuro e insofferente alle vecchie, sciocche e sacre tradizioni del sud.
Ma qualcuno in grado di vedere sotto la superficie c’è: Rhett Butler, affascinante, cinico, spregiudicato, scettico nei confronti dei valori e della causa del sud proprio come Rossella. Rhett sembra essere l’unico in grado di capirla davvero e di amarla per ciò che è e le sarà accanto per buona parte della sua vita, eppure tra matrimoni sbagliati e figli indesiderati Rossella continua negli anni a inseguire Ashley, sperando in un futuro che forse non fa parte del suo destino e in una felicità sempre sfuggente che forse non esiste davvero o che potrebbe già essere in suo possesso, purché Rossella riesca ad accorgersene prima che sia troppo tardi.
Pubblicato nel 1939, vincitore del Premio Pulitzer nell’anno successivo e diventato celeberrimo anche grazie al perfetto adattamento cinematografico realizzato nel 1939, "Via col vento" è ben più di una semplice storia d’amore, come potrebbe apparire. È un romanzo storico che poggia sulla descrizione accurata e approfondita di fatti bellici, sociali, politici, consuetudini, usi e costumi del tempo, al punto da dare l’impressione che l’autrice abbia visto, toccato e vissuto tutto ciò che racconta: l’ingenuo entusiasmo dei confederati allo scoppio del conflitto e le umiliazioni brucianti della sconfitta, i balli e le merende all’aperto nelle grandi piantagioni di cotone e l’invasione di feriti e moribondi nella città di Atlanta prima dell’incendio che la raderà al suolo, i vaporosi abiti multicolore delle ragazze che civettano garbatamente con gli ufficiali e le sofferenze e le privazioni della guerra, i colorati e sereni paesaggi della Georgia e le devastazioni compiute dai soldati yankee, gli ultimi bagliori di vita di un mondo chiuso, aristocratico, orgoglioso, arroccato su vecchi valori (l’onore, la patria, il coraggio), la sua rovinosa caduta – un vero e proprio Götterdämmerung, dirà Ashley Wilkes, "il crepuscolo degli dei", che nella mitologia nordica indica la fine del mondo – e l’avvento di una nuova era fondata sul guadagno, sull’avidità, sull’arrivismo, sull’ascesa dei parvenu.
Un grandioso affresco storico, dipinto con stile vivace, coinvolgente e straordinariamente evocativo, arricchito da personaggi vivi e pulsanti (l’inflessibile Mammy, il fedele Will Benteen, la dolce e incrollabile Melania, la buffa zia Pitty, gli indomabili gemelli Tarleton), ma anche romanzo di formazione: quella della giovane Rossella, protagonista fuori dal comune e ben diversa dalla classica eroina piena di virtù dei romanzi rosa, sveglia, pronta ad ogni sacrificio e dotata di una forza inesauribile, ma anche vanitosa, capricciosa, egoista, testardamente legata all’amore infantile per Ashley. Solo a poche pagine dalla fine Rossella si renderà conto di aver inseguito un’illusione per tutta la vita, che forse il romantico, sognatore, nostalgico Ashley, incapace di vivere nel mondo nuovo, non è mai stato e non sarà mai l’uomo giusto per lei e che si è lasciata sfuggire tra le dita la possibilità della vera felicità. Ma Rossella non si arrende, neanche quando tutto sembra perduto, e ormai ha imparato che si può sopravvivere a qualsiasi cosa, perché nulla può uccidere uno spirito fiero e coraggioso che, come la gente del sud, «non riconosce la sconfitta neanche quando se la trova di fronte», e che niente dura per sempre. Nella vita tutto passa e va "via col vento" – i giorni spensierati dell’infanzia, il delicato e arcaico mondo del passato, gli orrori della guerra, i ricordi, i rimpianti – e domani potremo ricominciare daccapo, perché «domani è un altro giorno».
Riuscirà Rossella a riconquistare il vero amore della sua vita? Non lo sapremo mai e l’incertezza del futuro della protagonista, come quello di ciascuno di noi, conferisce un ultimo tocco di stile e di fascino ad un romanzo straordinario.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Bella recensione, complimenti! Ho amato tantissimo il film "Via col vento" ma non ho mai letto il libro.
Ho letto la tua recensione con i brividi dall'emozione. Ho appena finito di leggere il libro e mi è piaciuto tantissimo. Davvero complimenti!
In risposta ad un precedente commento
Cathy
01 Settembre, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie! Be', te lo consiglio assolutamente. Il film è bellissimo, come il libro... sono due cose diverse, ma entrambi trasmettono grandissime emozioni.
In risposta ad un precedente commento
Cathy
01 Settembre, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille, sono onorata dal tuo complimento! Io avevo i brividi leggendo il libro, quindi sono molto felice di essere riuscita a trasmettere ad altri questa sensazione straordinaria. Grazie ancora!
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri