Dettagli Recensione

 
Un incantevole aprile
 
Un incantevole aprile 2017-09-07 20:05:52 ALI77
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    07 Settembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una ritrovata felicità


Un incantevole aprile è un romanzo affascinante e che trasmette al lettore un senso di pace e di tranquillità.
Lo stile di Elizabeth Von Armin è molto curato e ricercato, oltre che essere molto elegante e pacato e ha un modo sublime nel descrivere i paesaggi e l’ambientazione della storia.
Le protagoniste della storia sono quattro donne inglesi che decidono di andare a fare una vacanza in Italia a San Salvatore, una piccola cittadina della costa ligure.
Siamo negli anni venti del Novecento e quindi le donne sono ancora legate all’idea di famiglia, di devozione al marito e a Dio, il loro divertimento e i loro desideri rimangono in secondo piano.
Mrs Wilkins sta aspettando di avere una svolta nella sua vita fin troppo ordinaria, è sposata ad un avvocato ma non è ricca e soprattutto la figura del marito la rende una persona invisibile e poco interessante.
Mellersh Wilkins è un uomo che cerca di apparire migliore di quello che è in realtà, l’unico suo motivo che lo spinge ad essere gentile o a parlare con questa o quest’altra persona, è il suo lavoro e il suo volersi arricchire.
Così un giorno Mrs Wilkins legge sul Times un annuncio per un castello in affitto e guardando fuori dalla finestra e vedendo la pioggia che scende e il grigiore della giornata, capisce che lei ci deve andare, anche se suo marito non approverebbe.
Poco più in là la donna vede Mrs Rose Arbuthnot, una signora elegante e distinta che vede sempre in chiesa e che fa parte del suo stesso club, ma con la quale non ha mai scambiato neanche una parola. Decide così istintivamente di andare a parlare con lei e le fa una proposta: andare insieme in quel castello, in Italia a riposarsi e a passare dei giorni spensierati.
Per Mrs Arbuthnot questa proposta è assurda, per lei Mrs Wilkins è pazza ad aver solo pensato a una cosa del genere, per lei ci sono solo Dio, suo marito, la casa e il suo dovere verso i poveri. Lei è felice dalla sua vita e per lei questa vacanza non sarebbe decorosa e troppo immorale per la sua posizione e per la sua famiglia.
Ma l’idea di questo posto così bello, così pacifico le solletica la mente e alla fine decide di scrivere al proprietario per sapere delle informazioni.
Il prezzo dell’affitto però è molto alto, quindi le due donne decidono di coinvolgere altre persone e rispondono al loro annuncio Lady Caroline e Mrs Fisher.
Mrs Fisher è una signora anziana con la puzza sotto il naso e Lady Caroline è una giovane donna intelligente e di bell’aspetto che vuole allontanarsi dall’Inghilterra e dalla vita mondana.
In queste settimane riaffiorano tutte le problematiche e anche i desideri che erano ormai soppressi da anni di vita monotona e abitudinaria.
Ogni donna reagisce in maniera diversa a questa vacanza, chi gioisce, chi è ringiovanita, chi invece cade in una depressione e crede di aver sprecato il suo tempo e chi invece capisce di aver vissuto fino ad allora, una vita mediocre.
Nella vacanza verranno anche coinvolti Mr Wilkins e Mr Arbuthnot e anche per loro questa vacanza sarà terapeutica e ritroveranno l’amore per le loro mogli. Successivamente arriverà anche il proprietario del castello, George Briggs.
Insomma una storia che unisce una ricerca interiore di se e un’analisi della propria vita con un paesaggio di sole, mare e dell’inebriante profumo di glicine.
Consiglio questo libro per la meravigliosa scrittura della Von Armin e per la storia che ci ha proposto uno spaccato di vita di quattro donne diverse e radicate nel loro tempo, ma che iniziano anche a guardarsi intorno e a cercare di trovare la loro felicità.
Magari non ci riusciranno ma vediamo una piccola evoluzione nel modo di pensare delle donne, della voglia di prendersi del tempo per se stesse e per riscoprire i loro interessi e i loro desideri e non assecondare sempre quelli del marito.
Una storia di donne, di coraggio, di nuovi percorsi, di nuove strade da percorrere, di felicità conquistata e di un nuovo equilibrio interiore tutta da scoprire.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gli altri libri di Elizabeth Von Armin
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
A me questa scrittrice piace quando descrive la natura e il suo rapporto con essa, ad esempio in "Il giardino di Elizabeth" e nell'ideale seguito "Un'estate da sola". Questo libro invece mi ha piuttosto deluso perché trovo la vicenda troppo forzata e artificiosa, e che lo stile talvolta rasenti il lezioso.
In risposta ad un precedente commento
ALI77
10 Settembre, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, sinceramente l'ho trovato molto affascinante, ma non ho letto gli altri libri che hai citato, provvedo a farlo.
Grazie per il tuo pensiero.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Indipendenza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La non mamma
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri