Dettagli Recensione

 
Nel guscio
 
Nel guscio 2017-10-19 10:19:19 Elena72
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Elena72 Opinione inserita da Elena72    19 Ottobre, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

l'angoscia è il prezzo della coscienza

Un appartamento caotico e sporco situato in un immobile londinese di prestigio fa da scenario alle vicende di una coppia in crisi (lui, lei e l'altro, fratello del legittimo consorte) e vede dipanarsi la tragedia di un duplice tradimento e di un omicidio premeditato per avidità ed inespressi antichi rancori. “Nel guscio” mette in scena un dramma ancestrale, quello del fratello cattivo che uccide il fratello buono per potersi impossessare senza scrupoli dei suoi beni e della sua donna. Claude, ricco e becero agente immobiliare, contro John, poeta povero e sconosciuto. Tra i due c'è Trudy, graziosa ventottenne ormai al nono mese di gravidanza, divisa tra il passato amore romantico per John e la presente squallida passione per Claude. E poi c'è lui, il quarto incomodo, il bimbo che sta per nascere, presente nel corpo di Trudy, ma assente dalla sua mente ed ignorato dal suo cuore. Senza corredino, senza un padre e con forti dubbi sull'affetto della madre, il feto è la voce narrante che, ancora prima di nascere, della vita e delle brutture del mondo sa anche troppo e che spesso si domanda se valga davvero la pena di uscire dal grembo materno.

“Saremo sempre angosciati dalla realtà circostante: è il prezzo da pagare per il complicato dono della coscienza. (p. 30)

Le tematiche trattate in questo breve romanzo sono tante e complesse; dalle frequenti riflessioni dell'alter ego dell'autore emerge il quadro di un’umanità egoista, ipocrita ed avida di potere, un'Europa “in piena crisi esistenziale, debole e litigiosa”. Pagine costellate di condivisibili pensieri, direi perfino un po' scontati. Meno scontato invece il dramma esistenziale di chi si ritrova a dover nascere in un contesto pressoché totalmente privo di affetto. Il dubbio di Amleto riveduto e corretto in una chiave un po' diversa: amare o non amare una madre assassina?

“Io la capisco mia madre, le leggo nel cuore. Cerca di considerare i fatti dalla sua prospettiva. (…) il delitto, l’oggetto dei suoi pensieri, non è affatto un delitto. Bensì un errore. Lo è sempre stato. Ne aveva avuto il sospetto. E più se ne allontana, più le è chiaro. Si è semplicemente sbagliata, ma non è cattiva, e non è una criminale. (p. 95)

Accettazione e comprensione. Rimango perplessa e dubbiosa: non so se l'amore di un figlio possa davvero arrivare a considerare semplice errore l'assassinio di un padre innocente perpetrato da una madre volubile, incoerente, egocentrica, vendicativa e totalmente priva di istinto e atteggiamenti materni. Le argomentazioni del nascituro non mi convincono e Trudy resta, a mio avviso, il personaggio più inquietante e disturbante di una vicenda che rimane aperta e per molti aspetti inconcludente.

“Prima il dolore, poi la giustizia e infine il senso. Tutto il resto è caos.” (p. 168)

“Nel guscio” è un'opera difficilmente catalogabile, originale e spiazzante; lo stile è dotto, il periodare articolato, il lessico ricercato (e magistralmente tradotto da Susanna Basso). La penna di McEwan è arguta, spietata e a tratti ironica: si respira tra le pagine un velato umorismo nero, cinico e sferzante. Romanzo piacevole, non imperdibile, coinvolgente a livello cerebrale, ma non sul piano emotivo; di McEwan continuo a preferire “Espiazione”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Elena, dalla tua bella recensione ho captato che questo romanzo non deve essere affatto male, oltre che piuttosto originale. Al momento, comunque, voglio prendere una pausa da questo autore, di cui ho appena terminato di leggere "La ballata di Adam Henry" , libro che non mi ha lasciato molto soddisfatto.
In risposta ad un precedente commento
Elena72
19 Ottobre, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì Emilio, romanzo interessante del quale forse non ho colto tutte le sfumature. Dopo la giusta pausa da McEwan qualora tu decidessi di leggerlo sarei curiosa di conoscere la tua opinione. Elena
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri