Dettagli Recensione

 
L'alcol e la nostalgia
 
L'alcol e la nostalgia 2018-02-19 08:11:52 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    19 Febbraio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un lungo viaggio nella Siberia della nostalgia

L’alcol e la nostalgia di Mathias Enard è la storia di un viaggio interminabile attraverso la Siberia, una vicenda di amore, letteratura, amicizia: una storia d’amore, ma anche la cronaca di una sconfitta. La febbre di vita di tre ragazzi incendia le pagine e li risucchia in un turbine deleterio di passione e morte. Mathias è innamorato di Janne che ama la Russia e Vladimir, si sogna scrittore ma forse non è abbastanza pazzo e alcolizzato, cerca negli stupefacenti e nella Russia l’ispirazione. Il triangolo amoroso si sgretola quando Vladimir muore e Mathias raccoglie i ricordi di una gioventù consumata dalla solitudine. Mathias intraprende il viaggio per accompagnare alla sepoltura nel suo villaggio natale il grande amico Vladimir.

“Questo treno si trascina prima di affrontare gli Urali, con gli occhi rivolti verso il finestrino oltre il quale non c’è niente, l’immensità asiatica di questi altopiani, di queste montagne desolate dove si fatica a immaginare la vita.”.

La Russia è una divagazione narrativa nel tempo e nello spazio: si descrive un viaggio fisico, reale tra città metalliche e sanguinosa, fiumi e foreste, poi un viaggio personale in cui confluiscono le memorie e l’ombra lunga di Cechov, Nabokov, Achmatova e Gogol. E’ il romanzo di un sofferto rapporto tra Occidente e Russia dove scorrono i fantasmi visti dallo sguardo di un francese che passeggia nella letteratura russa con sconfinata devozione. Si tratta della trascrizione rielaborata di un radiodramma che rientra nel progetto di iniziative tese a rivendicare proprio il rapporto tra la Russia e l’Occidente. Indimenticabili le pennellate di ambiente:

“Il nevischio a Mosca copriva la città di un sudario di sporcizia… si sentiva l’alito ghiacciato del fiume.”

Un romanzo coraggiosamente triste dove si colgono il rimpianto per i momenti di tenerezza e la terribile morale biologica che ha condannato i giovani alla corrispondenza biunivoca. Il finale riapre alla speranza di una corrispondenza amorosa.

“Tutti i cuori battono in tutte le mani… Prima o poi sorgerà il sole.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri