Dettagli Recensione

 
Reincarnation blues
 
Reincarnation blues 2018-02-20 10:25:25 Valerio91
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    20 Febbraio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Perfezioni indesiderate

Se dovessi trovare un aggettivo per questo libro, sarebbe senza ombra di dubbio: "Magnetico".
Sì, "Reincarnation Blues" ti attira a sé già prima di aquistarlo: ha un bel titolo, una bellissima copertina, una trama interessante, e l'autore viene paragonato a colleghi del calibro di Kurt Vonnegut e Neil Gaiman. Alla fine l'ho acquistato, cedendo a questi innumerevoli richiami, e ho cominciato a leggere. A quel punto, ho scoperto che quest'opera è magnetica anche perché ti tiene incollato alle pagine, è avvincente pur non essendo un thriller. La prosa dell'autore scorre via che è una bellezza: pur non raggiungendo alcuna vetta letteraria, va avanti fluida e lascia che il lettore consumi le pagine (che a primo impatto possono sembrare tante).
Ho trovato un'incongruenza logica non di poco conto, nella gestione dello spazio-tempo nella realtà e nell'Aldilà immaginato da Michael Poore, ma data la natura del testo non ho voluto dargli troppo peso (anche se un po' ha influito sul mio voto al contenuto, insieme al finale che non mi ha convinto troppo).

Milo è l'anima più vecchia che sia mai esistita, che si è reincarnata in diverse vite quasi diecimila volte. Ha vissuto, sofferto, gioito, ed è morto in migliaia di modi diversi (a volte anche in maniera molto cruenta). È stato una guida spirituale, un saggio, un criminale, un killer, un genio ingiustamente gettato in galera e chi più ne ha, più ne metta.
Gli rimangono le ultime vite, da vivere; quello che non sa è che una volta raggiunta la reincarnazione numero diecimila, se la sua anima non dovesse raggiungere la Perfezione per unirsi alla Superanima, verrà gettato nell'oblio, distrutto per sempre. Per intenderci, la Perfezione la raggiungono personalità tipo il Buddha o San Francesco d'Assisi, per citarne un paio.
Tuttavia, Milo non sembra molto attratto da questa prospettiva: gli piace reincarnarsi e vivere vite così diverse tra loro, e soprattutto è innamorato di Suzie, una bella donna che nell'Aldilà ricopre il ruolo della Morte. Ogni volta che muore, Milo la trova ad aspettarlo lungo il fiume dell'Aldilà, e insieme passano quel po' di tempo tra una reincarnazione di Milo a un'altra. Tuttavia, l'universo non sembra volergli concedere la bellezza del loro amore, la gioia dello stare insieme; entrambi però non si daranno per vinti, pur attraversando mille difficoltà.
Dunque, ci troveremo ad assistere alle ultime reincarnazioni di Milo: ci troveremo in India; in un futuro lontano in cui l'umanità ha colonizzato lo spazio e la terra è stata distrutta; in un futuro prossimo in cui questa colonizzazione è agli albori e gran parte dell'umanità è ridotta in schiavitù dai Cartelli delle Risorse; nell'Ohio; sul Sole. Tutte queste reincarnazioni sembrano essere tanti piccoli racconti, legati da un filo conduttore tenuto integro dalla storia di Suzie e Milo, alla ricerca di una Perfezione che non avrebbe senso, se non dovessero essere insieme.
Una storia piacevole, con qualche lacuna, ma comunque bella e godibile.

"Mi piacciono le mie imperfezioni. Insomma, quando parlano di imperfezioni si riferiscono ai desideri umani, giusto? Avere qualcuno che ti ami, trovare un buon lavoro, comprare una macchina, sperare che i tuoi figli vadano all'università, essere rispettato dalla gente. Oppure si riferiscono a esperienze dolorose come quando muore tua mamma, vivi in condizioni di povertà o di pericolo, hai il diabete, dei procioni fanno la tana nella tua spazzatura. In altre parole, tutto ciò che ti rende vivo."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Mattatoio n.5
Guida Galattica per Autostoppisti
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Ti ringrazio per la recensione in quanto trattasi di libro che avevo messo nella mia "wish list" e che mi riproponevo di leggere a breve termine....lo farò sicuramente!
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
20 Febbraio, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Anche tu ne sei stato attratto come me! È una letteratura assolutamente piacevole e per nulla impegnativa, come non ne facevo da tempo. Ovviamente non ci si può aspettare una grossa profondità letteraria, ma ogni tanto letture del genere ci vogliono.

Vale.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri