Dettagli Recensione

 
Mi chiamo Lucy Barton
 
Mi chiamo Lucy Barton 2018-03-16 15:19:56 Chiara77
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    16 Marzo, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Madre e figlia

Eccoci di fronte ad un romanzo intimo ed intimista: la penna della Strout scorre sapiente nel tratteggiare il ritratto di una donna, una madre, che a sua volta è stata una figlia. Questa persona sta attraversando un momento difficile: un'operazione, che sembrava una sciocchezza, le ha lasciato invece addosso una fastidiosa infezione che anche i medici faticano a spiegare. Lei adesso è costretta in ospedale già da alcuni giorni e le mancano terribilmente le sue due figlie piccole.
Il marito della donna odia gli ospedali e va raramente a trovarla. La protagonista sta vivendo un momento di particolare fragilità: la solitudine, la preoccupazione per la salute e per le sue bambine. E' in questa situazione che vede arrivare sua madre, che non vedeva da anni, a prendersi cura di lei, lì, in ospedale. La mamma rimarrà con Lucy per cinque giorni.
Siamo in presenza di un romanzo particolarmente delicato dove le emozioni e l'interiorità dell'io narrante occupano gran parte della narrazione. Non leggiamo per sapere cosa succederà, come finirà, ma per ricordare insieme alla protagonista alcuni episodi della sua vita e fermarci insieme a lei sulle sensazioni, turbamenti, impressioni e riflessioni che l'hanno animata.
Lucy Burton ci racconta la sua storia, l'unica che sia veramente in grado di scrivere, a partire dall'esperienza vissuta in ospedale, il sollievo e la vera gioia di avere finalmente accanto sua madre, con la quale ha un rapporto difficile. Facendo dei salti temporali in avanti e indietro, nella sua vita precedente e successiva al ricovero, la protagonista ci racconta la sua infanzia difficile, la tormentata relazione con i genitori e i fratelli, la fuga da quelle persone e da quella vita, tanto cercata e alla fine raggiunta, ma che poi ha provocato inevitabilmente dei sensi di colpa.
La lettura di quest'opera mi ha lasciato un senso di malinconia e lieve tristezza ma anche di profonda tenerezza verso questa donna e la sua storia quasi sussurrata, come affidata al vento oppure ad un tramonto sulla campagna. Una storia che viene richiamata attraverso frammenti, in modo sempre molto sobrio ma anche poetico, e che ci parla del complicato e insieme profondissimo legame tra madri e figlie.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Chiara, condivido il tuo apprezzamento. Anche a me questo libro è assai piaciuto : fra i migliori della Strout, con "I fratelli Burgess" (fra quelli che ho letto io, almeno).
Ciao Emilio, in effetti sto apprezzando molto questa scrittrice. Non ho letto "I fratelli Burgess" ma penso di farlo in futuro. Il prossimo che mi aspetta sul comodino della Strout è "Tutto è possibile".
Cari saluti
Chiara
Ciao Chiara, bel commento, rende chiaramente l'idea di cosa ci si debba aspettare da questa lettura.
In risposta ad un precedente commento
Chiara77
17 Marzo, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Laura, una lettura che sicuramente consiglio.
Buon fine settimana e buone letture
Chiara
Una recensione molto bella, Chiara!
Autrice per me ancora da scoprire!
In risposta ad un precedente commento
Chiara77
20 Marzo, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Laura! Un'autrice che anch'io ho scoperto da non molto tempo, ma che non posso fare altro che consigliarti.
Un abbraccio
Chiara
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri