Dettagli Recensione

 
All'ombra di Julius
 
All'ombra di Julius 2018-08-23 19:25:06 68
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    23 Agosto, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Illusioni e speranze amorose...

I resti di una famiglia, un marito, Julius, misteriosamente deceduto venti anni prima durante la Grande guerra, una moglie Esme, alla soglia dei sessant’anni, sola, che vive di una ripetuta e noiosa mondanità, due figlie ancora da maritare, Cressy, la maggiore, piuttosto inquieta, maliziosa ed estroversa, da sempre persa in relazioni disastrose e senza futuro, ed Emma, disillusa e mansueta, che pare non avere mai conosciuto l’ amore.
Tra loro l’ improvvisa ed ingombrante comparsa di due uomini ed un weekend da condividere nella abitazione di famiglia. Felix, ex amante di Esme, ed unico uomo che abbia amato, è un medico senza fissa dimora, Dan uno sconosciuto aspirante poeta nullafacente.
In questa famiglia allargata e ritrovata l’ ombra di Julius, da cui il titolo del romanzo, si mostra e scompare nei ricordi personali, avendone definito i tratti, indirizzato le vite, un uomo piuttosto enigmatico e del tutto sconosciuto, forse un eroe, un padre premuroso o semplicemente un egoista, volutamente assente o solo profondamente ferito.
Di fatto le vite delle tre donne paiono nebulose e controverse, costruite su solitudini e balbettii, sottratte da tempo alla solidità di un pater familias la cui ombra è comunque sempre presente.
Al momento vivono una confusione manifesta, un giuoco cinico e fatalista inserito in questi pochi giorni condivisi, nella formalità di gesti ripetuti, dialoghi spezzettati, dubbi, ansie, aspettative, una fragilità di sentimenti che ricerca ciò che si è smarrito o semplicemente mai conosciuto, una personale dose di amore e felicità .
In un crescendo relazionale, sullo sfondo di un desiderio di accomodamento matrimoniale che ci riporta a “Orgoglio e pregiudizio “ di Jane Austen ( attuale lettura di Esme ), nulla è come sembra, Julius è stato presto dimenticato e prematuramente sostituito, da qualcuno rimpianto, e la disgregazione affettiva e famigliare è segnata da una lacerazione personale e dall’ incapacità di stabilire rapporti profondi e duraturi.
Ecco che, nel respiro di una fragilità protratta, ha inizio una tragi-commedia degli equivoci, tra amori scaduti ed inattese albe sentimentali, trascinando i resti di storie di declino personale e riaccomodando giorni inutili e lontani.
Si intrecciano anime solidali, vite incontratesi in attesa di altro, impaurite, ciniche, disamorate e la scoperta tardiva di un uomo ( grazie ai suoi scritti ), Julius, dotato di sentimenti e profondità cristalline.
Di certo il mondo a cui ci ha abituato la Howard e che è espressione della sua essenza, in una linearità ed eleganza di forma e contenuti, traccia e delinea femminilità fragili e complesse ed un universo maschile spesso brutale ma capace di slanci inaspettati.
In questo angolo di falsità, sotterfugi, fine psicologia, arrendevole e silenzioso, malizioso ed invadente, si aspira ad eludere un certo male di vivere accudendo l’altro ed unendo solitudini apparentemente senza speranza.
Ma c’ è anche chi, china e raccolta nel proprio passato, vive il silenzio del presente, prendendosi tutto il tempo necessario per se’….

….” per la prima volta da quando era morto, desidero’ ardentemente che Julius fosse lì con lei e non in una tomba, distante, inaccessibile, immobile ed inutile, per essere andato a soccorrere delle persone che nemmeno conosceva “….

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Quest'autrice m'incuriosisce, ero anche tentato di leggere la sua lunga saga familiare. Continuo però ad attendere, anche perché sui suoi libri leggo opinioni piuttosto eterogenee. Anche tu non sembri particolarmente entusiasta di questo libro, di cui non sapevo neppure dell'esistenza.
In risposta ad un precedente commento
68
26 Agosto, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciò che penso di questa autrice, avendo letto la “ Saga dei Cazalet “, è che rientri in un certo genere di ispirazione ottocentesca ( chiaro il riferimento a Jane Austen ) trasferito al secolo successivo, laddove l’ implicazione psicologica e la crisi individuale sovrastano ed eccedono, generando sovente una contrapposizione tra forma e contenuto, non sempre apprezzabile e talvolta stucchevole. Per essere più precisi, è preferibile la leggerezza ( famigliare ) di alcuni romanzi della Von Arnim, anche se non è il genere da me preferito.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri