Dettagli Recensione

 
Il selvaggio
 
Il selvaggio 2018-12-27 18:02:49 Giovannino
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Giovannino Opinione inserita da Giovannino    27 Dicembre, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un vero capolavoro.

Non conoscevo Arriaga come scrittore fino ad un mese fa, ma solo come sceneggiatore (per chi non lo sapesse infatti lo scrittore messicano è stato lo sceneggiatore della Trilogia della Morte con Inarritu: Amores Perros, 21 Grammi, Babel) e devo dire che non solo mi ha sorpreso ma è stata probabilmente la più bella sorpresa letteraria dell’ultimo anno. Il romanzo è corposo, oltre 600 pagine, ma si legge veramente bene ed è difficile staccarsi dalle pagine.

Il romanzo ci racconta la storia di un giovane, Juan Guillermo, che nasce da un parto gemellare nel quale il fratello perde purtroppo la vita. Questo è solo un oscuro presagio di quello che sarà la morte per il nostro protagonista nel corso della sua vita. Infatti Guillermo vedrà morirà praticamente tutti i suoi parenti, dalla morte tragica del fratello assassinato al suicidio dei genitori, passando per quello della nonna, del cane e dei pappagalli.
Cresce da solo Guillermo, come un selvaggio appunto, gli unici suoi compagni di vita sono tre amici ed una ragazza, Chelo, che non lo abbandonerà mai, nonostante i mille problemi.
L’unico altro fido compagno di Guillermo è Colmillo, un lupo vero e proprio che inizialmente era stato scambiato per un cane e che, proprio come Guillermo, non ama gli esseri umani e aggredisce tutto ciò che si muove intorno a lui.
La storia si sviluppa con il tentativo di vendetta di Guillermo nei confronti dei “bravi ragazzi”, un gruppo di esaltati che con l’aiuto della polizia e la scusa della religione si fanno giustizia da soli.
Il racconto principale è intervallato dalla storia di Amaruq, un giovane cacciatore canadese alle prese con un selvaggio lupo nelle gelide terre dello Yukon. Solo alla fine scopriremo il legame tra le due storie.

Il romanzo è scritto in maniera sublime. Bellissime le scene di alta tensione dove lo scrittore con frasi brevi e a volte singole parole mantiene altissimo il pathos. Strepitosi anche i racconti che inframezzano i vari capitoli con racconti su tribù locali o storie varie che poi scopriremo essere attinenti al racconto principale.

Insomma un libro fantastico, una storia stupenda, scritta in maniera sublime. Bellissimo anche il finale dove Guillermo dopo aver trovato una famiglia, un amore e un po’ di civiltà decide di non abbandonare la parte selvaggia che è in lui ma di farla vivere in “qualcun altro”. Uno dei libri più belli del 2018 forse.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri