Dettagli Recensione

 
Come fermare il tempo
 
Come fermare il tempo 2019-01-05 09:09:39 Ginevrosità
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Ginevrosità Opinione inserita da Ginevrosità    05 Gennaio, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Da leggere ma non rileggere

Restando in superficie potrei dire che è la storia di un uomo fortunato.
E’ effettivamente ciò che ho pensato alla prima pagina, leggendo un concetto come “Sono vecchio, invecchio lentamente e mi hanno detto che per questo, Dio mi ha sorriso”.
Beh, chi non vorrebbe poter vivere cavalcando i secoli? Chi non vorrebbe insegnare al prossimo la storia dell’umanità affermando di averla vissuta sulla propria pelle? A questo punto, chi non vorrebbe vivere da semi-dio e innamorarsi di una donna “normale”, di una lei che vive meno di un secolo? Ops.
Ed ecco perché Tom, il protagonista non tanto fortunato, si definisce maledetto e nel corso del romanzo descrive il modo in cui ha gestito la sua “disfunzione” in una vita costellata di avventure per mare, villaggi, città sperdute e metropoli in tempo di guerra, di pace e di confusione.

L’uomo che vive attraverso i secoli è un topos delle letteratura, per cui niente di geniale sotto il punto di vista della trama, il che non fa di questo un libro da scartare a prescindere, con l'accusa di non dare nulla di nuovo; anzi credo che sia valido per come è organizzato l’impianto narrativo: non lineare per quanto riguarda l’arco temporale degli eventi ed appagante ogni capitolo in inizia e si esaurisce un argomento lasciandomi fino alla fine con la stessa domanda (e adesso che succede?).
Questa disposizione e linguaggio lo rendono facilmente comprensibile.

L'elemento che ho apprezzato di più è il protagonista, in lui ho notato la bravura dell'autore nel costruire un personaggio più credibile della storia e degli eventi, un Tom smarrito e malinconico, umanissimo nella sua condizione eccezionale.
Si tratta di una personalità senza ghingheri, mossa da desideri così comuni, -come ritrovare la propria figlia perduta e sentirsi libero di amare e specialmente di essere amato per l'uomo che è-, da permettere al lettore di sovrapporsi a lui e di immedesimarsi tanto da sentirsi anch'esso un "alba".
E' ben sviluppato anche il tema del segreto, di un non-detto che Tom si porta dentro che lo rende frustrato e insicuro, portandolo, per la volontà di proteggere i suoi affetti, ad affidarsi alle mani sbagliate.

Tutti gli altri personaggi non sono egualmente degni di nota, ecco perché non do il massimo dei voti e non mi interessa se costruire dei buoni personaggi non è il primo obiettivo di Haig; perché per un buon libro è quello che descrive l'anima umana e non in modo così credibile che solo attraverso quella visione la storia si impregna di realtà.
Con un libro io voglio conoscere una o più persone.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mastro Geppetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sconosciuta della Senna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri