Dettagli Recensione

 
Un ragazzo
 
Un ragazzo 2019-08-03 08:11:03 archeomari
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    03 Agosto, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

About a man and a boy

Scopro Nick Hornby per la prima volta, a caso, complice una offerta lampo nello store cui mi rivolgo regolarmente. È un ex insegnante che decide di dedicarsi alla narrativa e lo fa con successo, poiché i suoi libri sono divenuti dei best seller famosissimi che hanno visto la trasposizione cinematografica. Sto parlando di “Alta fedeltà”, per citare il più famoso, di “Un ragazzo”, di cui mi accingo a lasciare una sincera opinione.
I protagonisti sono due: un dodicenne, Marcus, e un uomo, Will Freeman, trentaseienne. Il primo, un ragazzino figlio di genitori separati ed inetti, che deve adattarsi alla metropoli londinese dopo aver trascorso l’infanzia a Cambridge, trova molte difficoltà nel farsi accettare dal gruppo dei pari. E il secondo, dal cognome simbolico che esprime già la sua condizione di scapolo inguaribile, rifugge da ogni legame ed ogni responsabilità, vive di rendita, non lavora, cerca di colmare il vuoto della sua vita corteggiando solamente belle donne, cui chiede un legame di breve durata.
Le vite dei due coprotagonisti ad un certo punto si incontrano e da lì comincia un percorso che, intrecciato ad altri eventi significativi, condurrà ad una crescita per entrambi, ad un cambiamento di prospettiva quasi necessario, direi, per la costruzione di un nuovo equilibrio.
Il romanzo è stato definito divertente e viene spesso consigliato a chi cerca una lettura leggera che faccia sorridere e al tempo stesso permetta di riflettere sulle tragedie della vita moderna. La madre di Marcus è una donna profondamente depressa, che tenta spesso di togliersi la vita; Ellie, la migliore amica di Marcus, è una ribelle, una quindicenne disinibita, con una mamma separata inetta quasi quanto quella di Marcus. È il romanzo della società delle coppie “scoppiate”, vi riporto infatti un passo con la battuta del dodicenne Marcus quasi alla fine del libro:

[Will dice, riferendosi alla donna di cui è innamorato]
“Se restiamo insieme per sempre?»
«Bene. Splendido. Vedremo. È che non penso che il futuro sia delle coppie.»

Altro che libro divertente e leggero! Un ragazzino di dodici anni che, alla luce di quanto ha visto succedere ai suoi genitori e ai genitori degli altri ragazzi, con tanta non chalance distrugge le idee (finalmente!) romantiche di Will... fa riflettere. È una storia dove le figure genitoriali, in particolare quella paterna, risultano completamente distrutte, poiché totalmente incapaci di fare da guida al proprio figlio che sta per lasciare, per usare la metafora di Hesse a me tanto cara, la sponda dell’infanzia per attraversare l’impervio fiume dell’adolescenza e raggiungere la riva della nuova consapevolezza dell’essere adulti.
Nell’età più critica i genitori dell’età contemporanea, separati ed inetti, non sanno più ricoprire il loro ruolo di educatori e di sostenitori della crescita.
Paradossalmente Will, che è scapolo, fa finta invece di essere padre single, iscrivendosi al GASS, associazione genitori separati, per accalappiare belle donne. Assurdamente in questo caso la figura paterna è un meschino mezzo per far colpo e portarsi le belle mamme separate a letto.

Un questo romanzo è assente ogni idealismo ed ogni ipocrisia, non ci sono troppe descrizioni, la scrittura è fluida e meravigliosamente scorrevole. I personaggi sono reali, credibili, tangibili, privi di ogni filtro, calati profondamente nella realtà metropolitana londinese attuale. Una realtà dove è difficile crescere senza, duro ad ammettere, omologarsi agli altri.
Marcus, ragazzino particolare, timido, abituato a vestirsi secondo i gusti della mamma, ad ascoltare la musica di Mitchell, cambia : si fa comprare scarpe e vestiti di moda, ascolta i Nirvana. Essere se stessi e diversi non paga. Questo è il messaggio finale, condivisibile o meno.
Un bel libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a tutti, un vero peccato perdersi la scrittura di Nick Hornby!
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Bella recensione Marianna. Non ho mai letto niente di Nick Hornby, forse dovrei rimediare! :)
In risposta ad un precedente commento
archeomari
04 Agosto, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Chiara! Veramente da scoprire. È piacevole e divertente...stranamente anche amaro.
Voglio leggere anche "Alta fedeltà" . Buone letture e grazie per ciò che hai scritto.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri