Dettagli Recensione

 
Il frutteto
 
Il frutteto 2019-08-21 08:17:14 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    21 Agosto, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Odio tra fratelli

Il frutteto è un libro strano, di piacevole lettura e di sapore biblico.. Due fratellastri figli dello stesso padre hanno un rapporto fatto di amore e rivalse. Il maggiore è figlio della serva, il minore della legittima e colta moglie. Il maggiore è strappato alla madre brutalmente per essere allevato dal padre assieme al fratello minore. Ma appena possibile scappa di casa, non dà più notizie e va a lavorare presso lo strano frutteto di un ricco arabo che ha una ancora più strana figlia adottiva. Tra i due ragazzi nasce una relazione non si sa se anche sentimentale o solo erotica, che è simile alla relazione che lega il giardiniere alla sua terra cioè al frutteto. Il fratello minore a un certo punto arriva anche lui nel paese, si innamora perdutamente della ragazza e la sposa. Ha ereditato tutte le ricchezze del padre, anche la parte del fratello, il quale non può quindi chiedere in sposa la ragazza. Non si sa se la chiederebbe potendo. Nemmeno sono noti in tutto il romanzo i sentimenti della misteriosa ragazza, Luna, se ne ha. Ma forse non ha sentimenti anche se sembra una persona buona. Il narratore è un agronomo responsabile del frutteto dell’arabo, amico di entrambi i fratelli. Questo frutteto che non rende, pieno di piante dove entrano cavallette eccetera ricorda la vigna biblica che a sua volta ricorda la sposa di Dio, Israele, la sposa infedele. Nel libro c’è un discorso molto palese sull'assurdità dell’odio fratricida tra arabi e musulmani per la stessa donna, Luna-Israele. Si arguisce il rammarico dell’autore che pensa che sarebbe stato meglio non sposare la donna Israele, e lasciare che l’amore per questa donna-terra restasse un sogno. C’è l’idea che la realizzazione del sogno sia stato una chimera, un inganno, che sotto questa realizzazione ci sia una specie di maleficio, che la soluzione più giusta sarebbe stata rinunciare al proprio sogno, con tutto il dispiacere che questo avrebbe comportato. Solo il sacrificio del proprio bene a favore di quello del fratello, avrebbe potuto ricucire un rapporto nato malato. Molte cose restano misteriose nel romanzo anche a fine lettura, anzi il mistero di Luna ( quante Lune ci sono, una due tre?) si infittisce. Luna è come la donna città della Bibbia, la donna Israele o donna Gerusalemme, ricorda anche la donna dell'Apocalisse dove in effetti le donne sembrano due, la santa Gerusalemme e Babilonia la prostituta, come due forse sono le Lune del romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mastro Geppetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sconosciuta della Senna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri