Dettagli Recensione

 
La danza dell'orologio
 
La danza dell'orologio 2020-01-04 11:31:28 lapis
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
lapis Opinione inserita da lapis    04 Gennaio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Seconde occasioni

Vincitrice del Premio Pulitzer 1989 con “Lezioni di respiro”, Anne Tyler è a tutti gli effetti una delle più importanti scrittrici statunitensi viventi. Le sue storie sono come disegni a colori pastello, gentili e delicati, di famiglia e vita domestica, capaci di raccontare con sensibilità il dolore quotidiano dell’esperienza umana. I suoi personaggi sono figure semplici e buone che resistono ogni giorno tanto alle difficoltà quanto alle comodità del tempo che passa.

Protagonista de “La danza dell’orologio” è Willa, una sessantenne americana come tante, affidabile, ragionevole, accomodante.
La conosciamo ragazzina, alle prese con una madre incline alle sparizioni e alle irrequietezze emotive. E così, per reazione, Willa ha fatto della prevedibilità l’obiettivo della propria esistenza, lasciandosi trasportare in un percorso di vita dettato sempre dalle esigenze altrui. Senza rabbia o rancore, con la mitezza di chi, per caso o vocazione, pensa sempre a come aggiustare i pezzi, chiedere scusa, accontentare gli altri, mettere pace.
La telefonata di uno sconosciuto la porterà all’improvviso lontano, in un inatteso viaggio a Baltimora per prendersi cura, diventandone la nonna surrogata, di una bambina di nove anni. Accettare, per l’ennesima volta, una richiesta d’aiuto diventerà invece un’occasione di novità e scoperta. Di un quartiere caotico e variopinto. Di una famiglia fuori dagli schemi tradizionali. Di un vicinato bizzarro ma anche pieno di gentilezza. E, soprattutto, di una sé stessa diversa, più audace, disordinata, imprevedibile, libera per una volta del proprio ruolo.

Penna raffinatissima, la narrazione ha la naturalezza di una chiacchierata, e anche gli stessi difetti, se vogliamo. A tratti il ritmo è piuttosto lento, l’intensità sfumata e alcuni episodi si dissolvono, appena risolti e solo parzialmente spiegati. Forse questa è proprio la cifra di Anne Tyler, ma a lettura ultimata lasciano una sensazione di inespresso, di incompiuto, che ne inficia la piacevolezza, a mio avviso.
Un romanzo apparentemente leggero, ma la peculiarità di quest’autrice è proprio celare spunti di riflessione interessanti sotto vesti di semplicità, dando voce a piccoli gesti ed emozioni che fanno parte della vita di tutti noi. Una normalità destinata solitamente a restare inascoltata.

"E' più che altro una questione di... di trovare un motivo per vivere. E' questo il grande problema alla mia età. Lei per cosa vive?"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Bel commento, Manuela.
So della qualità letteraria di questa autrice . Ho in lista un suo libro che mi è stato vivamente consigliato da una lettrice che stimo ("Un matrimonio da dilettanti") . Ma, come sai, ci sono spesso precedenze di lettura.
In risposta ad un precedente commento
lapis
05 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, la Tyler è a mio avviso una scrittrice di grande qualità, sebbene questo non sia probabilmente il suo miglior lavoro. Non conosco però il titolo che ti è stato consigliato, aspetto quindi con grande interesse di leggere la tua opinione, quando arriverà il tempo di questa lettura :)
Grazie per il commento, come sempre.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri