Dettagli Recensione

 
L'estate incantata
 
L'estate incantata 2020-01-17 09:26:04 Valerio91
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    17 Gennaio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'incanto della vita

Quando ami uno scrittore, la lettura di un suo lavoro è un’esperienza diversa. Percepisci ogni battito del tuo cuore; ogni parola letta pare scavare nel tuo essere, nella tua memoria, nella tua anima, per cavarne fuori cose che credevi di aver seppellito, intenzionalmente o meno. E per me Ray Bradbury è così: spesso declassato perché scrittore di fantascienza (etichetta che lui stesso rifiutava), ma che nella mia personale scala di preferenze pongo all’altezza dei vari McCarthy, Dostoevskij, Dickens; quegli autori che toccano le mie corde più intime e le scuotono senza ritegno.
“L’estate incantata” è un libro meraviglioso, che probabilmente ricorderò per sempre, come succede per tutti i libri che finiamo per amare. Poetico, profondo, riesce quasi a toccare le altezze raggiunte da quel capolavoro che è “Cronache marziane”; è un libro che non puoi fare a meno di chiudere e stringere al petto… perché alla fine diventa tuo. Eppure “L’estate incantata" non parla d'altro che, appunto, un'estate. Ma come lo fa, Bradbury, come lo fa! Ambienti, odori, sapori, sensazioni, emozioni: c'è tutto, ed è descritto con una poeticità che può anche non piacere, che può risultare pesante soprattutto al lettore medio di oggi (che si annoia), ma che io reputo fuori dal comune. La visione delle cose e della vita di Bradbury è quanto di meglio un uomo possa ambire per sé: una visione ottimistica; un continuo concentrarsi sul bene e sulla bellezza. Ciò non significa ignorare il male e la tragedia, ma affrontarla con quella forza che può dare solo un profondo amore per la vita. E se guardate le interviste di Bradbury, capirete quanto l’uomo Bradbury ha in comune coi suoi scritti; capirete che Douglas, il protagonista di questa storia, quando scopre di essere veramente vivo non è che l'alter ego dell'autore, che ha vissuto quest'esperienza comune a tutti noi ma che lui è riuscito a rendere al meglio con la bellezza delle sue parole.
Quanta nostalgia ha generato in me questa lettura, quanta amarezza nel ricordo dell'infanzia ormai passata; eppure quanta gioia nell'abbandonarvisi! Per un giorno svestiamoci del cinismo e del gelo che l'era moderna ci ha gettato addosso; inebriamoci del calore di un'estate incantata che un autore enorme ha condensato in questo libro, imbottigliando la bellezza della vita come fosse vino di dente di leone (chi leggerà il libro capirà), così da poterlo assaggiare ogni volta che ne avremo voglia semplicemente sfogliando, leggendo. Amando.

L'estate incantata in fondo non ha trama; anzi, direi che può definirsi una successione di raccontini con dei personaggi in comune (su tutti i piccoli Douglas e Tom Spaulding) e che nel loro insieme formano il quadro dell'estate incantata che apparirà sempre più nitidamente.
Ci divideremo tra la bellezza dei giorni estivi; personaggi bizzarri; automobili verdi e macchine della felicità; macchine del tempo che nulla hanno di meccanico, ma sono frutto dei ricordi di uomini che, se solo li ascoltassimo, potrebbero farci viaggiare lontano pur stando seduti.
Amicizia, amore, bellezza, tristezza, dolore. Ve l'ho già detto: in questo libro c'è tutto.
Che state aspettando?

“Era più grande, più forte, più intelligente di lui, non è vero? Sentiva anche lei la minaccia intangibile che saliva dalle tenebre, la malvagità delle cose che s’acquattavano nell’ombra? Se era così, allora non si acquistava più forza quando si diventava grandi; non si trovava pace nell’essere adulti; non esisteva, nella vita, nessun rifugio sicuro; nessuno era tanto forte da resistere agli incubi, o alla mezzanotte. […] Si rese conto che tutti gli uomini erano così: che ciascuno, ai propri occhi, era perduto e solo. Un’unità che insieme ad altre unità formava una città, ma che pur sempre rimaneva singola e spaurita. Come loro, sul bordo del crepaccio. Se Tom avesse urlato, se avesse chiamato aiuto, a pieni polmoni, sarebbe servito a qualcosa?”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

9 risultati - visualizzati 1 - 9
Ordina 
Vero Valerio, quando trovi "quell'autore", quello che sa riscoprire sul tuo fondo ciò che pensavi di aver perso, allora non solo hai fatto un incontro fortunato, ma hai anche trovato un amore, e il tuo sis ente tutto, sia per Bradbury sia per questo libro.
Quanto è vero Valerio, quanto è vero Daniele. Ho amato molto questo libro, ne ho un ricordo un po' nostalgico e un po' malinconico ma concordo: quando trovi quell'autore, il cuore batte al ritmo.
Ciao Maria, ciao Daniele,
mi sa che siamo del tutto d'accordo... per quanto mi riguarda poi, quando parlo di qualcosa che ho particolarmente amato o disprezzato, le parole mi vengono fuori come un fiume in piena :D

Vale.
Ottima recensione. Come un flusso di coscienza per ciò che consideri ammirevole e quant’altro; per curiosità: chi “classifichi” come lettore medio? Capisco che ti riferisci al lettore che si annoia...ma questo non è un lettore, bensì chi, tra le varie attività quotidiane, trova un po’ di tempo per la lettura che diventa “passatempo”. Ciao. Ferruccio

siti
18 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Vale, a me non è piaciuto il suo più famoso Fahrenheit 451 però qui sembriamo in un altro mondo narrativo; nessuna distopia?
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
19 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Feruccio,
mi riferisco al lettore per il quale una scrittura che sia un po’ più articolata e riflessiva dei vari Volo e Ferrante risulta prolissa o pesante. Guardando le classifiche italiane, almeno, mi pare che questo sia il trend...

Vale.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
19 Gennaio, 2020
Ultimo aggiornamento:
19 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Laura,
siamo in un contesto totalmente diverso... qui Bradbury non racconta altro che un’estate, un periodo della vita che qualunque ragazzino può aver vissuto o potrà vivere nella sua vita. Nulla di più.

Vale.
Che sensazione di "balsamo per l'anima" si prova leggendo le parole che dedichi al libro...
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
09 Luglio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille Liviana!
La verità è che proprio Bradbury è un balsamo per l'anima, soprattutto in questo caso! :)
9 risultati - visualizzati 1 - 9

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri