Dettagli Recensione

 
Sorgo rosso
 
Sorgo rosso 2020-01-18 17:31:58 archeomari
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    18 Gennaio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SORGO ROSSO SANGUE

Dalla Cina, Premio Nobel 2012.
Potenza narrativa, personaggi indimenticabili, una storia epica familiare di tre generazioni.
“Sorgo rosso” è narrato in terza persona: la voce narrante riferisce la storia d’amore tra suo nonno Yu Zhan’ao, comandante e bandito e sua nonna, la bella Dai Fengliang, uniti contro l’invasione giapponese nel Gaomi (villaggio nella regione dello Shandong). Una famiglia particolare, dai legami alquanto liberi, dove le passioni più ardenti e le gelosie più spietate vivacizzano la vita durante le tregue della guerra Cino-Nipponica. La narrazione parte “dall’ottavo mese lunare” del 1939 e arriva al 1972, fino al comunismo in Cina, ma gli eventi non seguono l’ordine cronologico naturale, la storia procede per continui e lunghi flashback con intreccio di più piani narrativi, in cui si inseriscono anche i genitori della “nonna”, Lian’er”la seconda nonna” divenuta amante di Yu Zhan’ao, Zio Liu.
L’azione si svolge in un solo piccolissimo luogo, il Gaomi:
“Un posto che è il più bello e il più orribile del mondo, il più insolito e il più comune, il più puro e il più corrotto, il più eroico e il più vile, il paese dei più grandi bevitori e dei migliori amanti”.
Ora sullo sfondo ora in primo piano, le immense distese di sorgo, delle sfumature calde più disparate a seconda delle stagioni, il fiume Moshui, le sue acque ora limpide ora rosso del sangue degli uomini e degli animali uccisi.

Grazie alla scrittura di Mo Yan, così vivida e così profonda, mi sono immersa nelle passioni che hanno ispirato questa storia magnifica.
Il sorgo è presente quasi in ogni pagina: campi sterminati di sorgo, fusti di sorgo intessuti per ricavarne tappeti e ceste, piante di sorgo pettinate dal vento che hanno una sonorità particolare, il vino di sorgo e le distillerie, il sorgo con le più svariate sfumature di rosso, tra cui spicca il rosso sangue. Non a caso, il rosso sangue.
Bisogna avvisare i lettori che “Sorgo rosso”, così come le altre opere di Mo Yan, non è una rilassante passeggiata nel bosco, ma è un calarsi in situazioni violente e dure, con continuo spargimento di sangue, scene raccapriccianti (come la descrizione dello scuoiamento di zio Liu vivo, scena in cui l’autore ha indugiato particolarmente, rispetto alle altre).
Mo Yan significa “non parlare”, un nome d’arte di per sé provocatorio, in quanto l’autore attraverso la scrittura denuncia tutta la bruttura e la violenza della guerra, quando ci si uccide tra esseri umani e brutalmente anche tra esseri umani ed animali. Un mondo, una realtà, dove il bisogno di mangiare e sentirsi vivi hanno la loro prepotenza sia nella società degli uomini che in quella degli animali più intelligenti. Non solo maiali, capre, galline,si accetta senza troppi scrupoli e cerimonie la carne del cane, di cui si mangia tutto.

Questi “dettagli” inconcepibili per noi occidentali, contemporanei, li ho visti come importanti da segnalare. Se è vero da un lato che, nonostante la violenza e il sangue, il libro di Mo Yan è un capolavoro indimenticabile, che va letto e conosciuto, è anche vero che il lettore va avvisato. Io, ad esempio, mi ero già imbattuta nelle sue tematiche, ma in “Sorgo rosso” le scene sono più crude. Se credete che esista un dovere di conoscenza dei capolavori della letteratura mondiale, bisogna imbattersi in “Sorgo rosso”, leggerlo vale la pena di sopportare qualche passaggio che ferisce la nostra sensibilità e ci impressiona profondamente.
“Sorgo rosso” è un capolavoro indimenticabile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Cent’anni di solitudine, G.Garcia Marquez
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Marianna grazie del commento! Lo volevo leggere da un po', anche per tornare a libri un po' più "lunghi" e distesi di quelli che leggo ultimamente e questo me lo hanno consigliato in molti. Non ti nego però che tutte queste scene di violenza, ultimamente, mi turbano un po. Vedremo.
In risposta ad un precedente commento
archeomari
19 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Dany, è doveroso segnalare che è crudo, conosco molte persone che non tollerano scene troppo violente. È veramente grandioso, fosse stato un po' meno truce, 5 stelle anche alla piacevolezza sarebbero state assicurate!
Bella recensione, Marianna, di un romanzo che non lascia indifferenti (la scena dello scuoiamento, un po' come quella dell'impalamento ne "Il ponte sulla Drina", non la scorderò mai... anche se il romanzo, come ben sottolinei anche tu, sta nella fusione perfetta tra personaggi, Storia e natura). Ti consiglio vivamente anche la stupenda trasposizione cinematografica di Zhang Yimou, con Gong Li: un autentico capolavoro, girato quando il regista cinese non era così famoso, prima di "Lanterne rosse".
siti
19 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Marianna, lo segno sicuramente anche se temo l'aspetto violento.
Lettura impegnativa ma di grande fascino. Ottima recensione Marianna.
In risposta ad un precedente commento
archeomari
20 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Emilio, non ho ancora visto il film, lo farò quando ne avrò la possibilità. Sì volevo leggere il libro “Lanterne rosse” di Su Tong, che prima si intitolava “Mogli e concubine”...quando i film hanno più successo dei libri!
In risposta ad un precedente commento
archeomari
20 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Enrico, ho visto che avete recensito in molti. Effettivamente...gran bel libro!
In risposta ad un precedente commento
archeomari
20 Gennaio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ora che sei stata avvertita, lo leggerai senza problemi!
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai
Gli ansiosi
Il guardiano notturno
Le vie dell'Eden
La lingua perduta delle gru
Tomas Nevinson
La promessa
L'uomo che amava i bambini