Dettagli Recensione

 
Antichi Maestri
 
Antichi Maestri 2020-04-06 15:18:51 siti
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    06 Aprile, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Brontolo ergo sum

Kunsthistorisches Museum, un uomo è in anticipo di un’ora su un appuntamento datogli da un altro uomo, il suo a dir poco zelante tempismo è studiato perché gli serve per osservare o meglio spiare l’uomo che gli ha dato l’appuntamento, dalla Sala Sebastiano verso la Sala Bordone, indisturbato e da un’angolazione che definisce ideale. Reger può essere finalmente fatto oggetto di studio da Atzbacher, con la complicità del sorvegliante Irrsigler che è appunto colui, lo verremo a sapere più avanti , che rende possibile anche la visuale esclusiva di Reger, in posizione privilegiata di fronte al quadro di Tintoretto, l’Uomo dalla barba bianca, seduto su una panca rivestita di velluto, pura licenza poetica del nostro autore rispetto al luogo reale di cui si parla. Reger a sua volta osserva un uomo che guarda, di sbieco, da una posizione non frontale, un vecchio dallo sguardo teso e indagatore, sospeso nell’attimo della ricerca. Di che cosa non so, della verità , forse. Questo interessante gioco di specchi e di rimandi , del tutto borgesiano, è poi impreziosito e amplificato dalla originale gestione della voce narrante che in terza persona (“ scrive Atzbacher”)riporta le impressioni del secondo narratore in prima persona, per cui per tutto il tempo leggiamo un lungo e ininterrotto monologo che a sua volta introduce il terzo narratore, ovvero lo stesso Reger. Insomma siamo di fronte a uno spazio fisso che si potrebbe paragonare al palco di un teatro dove in scena ci sono degli attori che sono al tempo stesso degli spettatori, in un perfetto triangolo che tramite Reger si prolunga verso un’altra dimensione che è quella del quadro che, a sua volta, rimanda ad altro spazio. Spazio infine che è attraversato da molteplici voci e amplificato ancora da inserzioni narrative che fluttuano nella dimensione del ricordo. In un’ora Il narratore primario permette a quello secondario che ci intrattiene di dare a sua volta la parola al terzo narratore che, in sostanza, è il protagonista primario. Un brontolone, un misantropo, un dissacratore che man mano svelerà la sua teoria del tutto, a partire dalle osservazioni sullo spazio museale e sulla sua funzionalità per allargarle a raggiera sui suoi avventori, bulimici e ignari, sui critici d’arte, sul sistema stato, sull’intera nazione, sull’Austria, cattiva maestra, sui maestri e sugli antichi maestri per andare a sventrare il significato stesso dell’arte, in tutte le sue espressioni, non solo pittoriche. Alla base l’assunto che nega la perfezione per giungere poi alla constatazione che l’arte è per noi semplicemente il bastone su cui ci appoggiamo, o l’elemento su cui proiettiamo, da fruitori, ma probabilmente anche, per chi riesce, da creatori, la nostra finitezza, la nostra imperfezione, la nostra insulsaggine che probabilmente è solo da accettare riuscendo a riderci un po’ su. Insomma, non prendiamoci sul serio, scendiamo dal piedistallo, riconosciamoci tutti un po’ Reger: adorabili brontoloni e , se vi va, ascoltiamo le nostre tirate reciproche accettando anche l’improbabile nel comportamento altrui.
Gradevole caleidoscopio che può stordire come un giro di giostra ma che lascia l’euforia dell’osare

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
non saprei, molto originale, difficilmente accostabile ad altri autori
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

10 risultati - visualizzati 1 - 10
Ordina 
Molto stimolante il tuo paragonare il romanzo a un palco teatrale "dove in scena ci sono degli attori che sono al tempo stesso degli spettatori". La tua analisi é condivisibilissima e la tua recensione molto bella. Complimenti, e grazie per aver condiviso questa esperienza di lettura.
In risposta ad un precedente commento
Molly Bloom
07 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Bravissima Laura per questa tua bella recensione che offre una interessante interpretazione. Grazie per la compagnia e al prossima GDL!
Mi intriga molto il modo singolare di gestire la narrazione. Grazie della segnalazione Laura, lo segno subito. Di Bernhard finora ho letto solo "Il soccombente" e ne ho un piacevole ricordo.
Laura, "un giro di giostra" che m'incuriosisce sempre di più
In risposta ad un precedente commento
siti
07 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Giulio, speriamo in un prossimo GDL più sincrono.
In risposta ad un precedente commento
siti
07 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì Ioana, sempre pronta a nuove esperienze di lettura!
In risposta ad un precedente commento
siti
07 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Enrico, lo leggerò anche io.
In risposta ad un precedente commento
siti
07 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
te lo consiglio!
archeomari
09 Aprile, 2020
Ultimo aggiornamento:
09 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Bel titolo a questa recensione interessante! Sono d'accordo sull'adorabile brontolone, una voce dalle ripetizioni portate ad uno spasimo, grottesco molte volte, questa mannaia che taglia la testa a grandi autori ed artisti, per non parlare dei Viennesi, dello Stato...fa sorridere ed anche riflettere. Burbero, ma simpatico.
In risposta ad un precedente commento
siti
11 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Marianna!
10 risultati - visualizzati 1 - 10

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai
Gli ansiosi
Il guardiano notturno
Le vie dell'Eden
La lingua perduta delle gru
Tomas Nevinson
La promessa
L'uomo che amava i bambini