Dettagli Recensione

 
Soffocare
 
Soffocare 2020-04-18 15:12:18 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    18 Aprile, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Victor Mancini

«Immaginati una persona che cresce tanto stupida da non sapere che la speranza non è che una delle tante fasi che prima o poi si superano. Che davvero ha pensato fosse possibile fare qualcosa, una cosa qualsiasi, che durasse per sempre»

Un giovane americano, Victor Mancini, con un lavoro arrangiato e uno stipendio ancor meno ben remunerato che si inventa uno stratagemma per guadagnare facile e pagare la retta della residenza psichiatrica in cui la madre soggiorna, altro non è che il protagonista di questa eclettica storia a firma Chuck Palahniuk. Opera, quest’ultima, che o si ama o si odia perché già dal suo incipit l’avvertimento è chiaro: “Se stai per metterti a leggere, evita. Tra un paio di pagine vorrai essere da un’altra parte. Perciò lascia perdere. Vattene. Sparisci, finché sei ancora intero”.
Ed effettivamente nessun avvertimento può essere più azzeccato perché la sensazione che sussegue nella lettura è esattamente quella di un volersi trovare da tutt’altra parte. Perché l’autore nulla risparmia al conoscitore che viene travolto da descrizioni talvolta molto volgari (sessuali, sull’infanzia e non) e da un costante senso di “navigazione a vista” e da un travagliato senso di vivere allo sbando mixato al perenne senso di solitudine.
Perché il messaggio che arriva si riassume nell’espressione: “Si nasce soli e si muore soli”. Ogni individuo è affiancato da relazioni di maggiore o minore intensità, amicizie, conoscenze, legami, relazioni e chi più ne ha, più ne metta, che non fanno altro che far da cornice al vissuto perché nulla può colmare davvero quel bisogno di affetto e di costante ricerca di quel qualcosa che ci faccia sentire pieni.
Pagina dopo pagina iniziamo inoltre a scoprire del passato di questo antieroe cresciuto con una madre che a sua volta vive di espedienti (addirittura prostituendosi) ma che sinceramente prova affetto per quel figlio che viene di poi affidato ad una famiglia affidataria ma che ella a tutti i costi vuole riavere con sé.
Un libro caratterizzato da una penna cruda e da un messaggio duro che divide. O si ama, o si odia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Ciao Maria,
Palahniuk è un autore particolarissimo... molto crudo nei messaggi e nella penna proprio come dici tu. Io non ho ancora capito se lo amo o lo odio... ho amato Fight Club, ma il film che ne è stato tratto più del libro. Tuttavia, non si può negare che l'idea di base sia contenuta in quest'ultimo... cavolo, divide pure nella decisione sul se lo si ama o lo si odia! :D
In risposta ad un precedente commento
Mian88
20 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Vale, mi credi se ti dico che ancora non l'ho capito nemmeno io se lo amo o lo odio? Sarà il terzo o quarto libro che leggo a sua firma e con questo confidavo in una chiarificazione, una definizione oggettiva e definitiva di sentimenti d'amore o di odio e invece... Pensa, l'ho ultimato da oltre due mesi, ho aspettato a recensirlo e se non fosse che il titolo è un prestito della biblioteca e che quindi appena riaprirà dovrà restituirlo, forse avrei aspettato ancora. Perché credimi, l'incipit non può essere più che appropriato. Ma per davvero!
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
20 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Se dopo tre o quattro libri la cosa non è ancora chiara, immagino non si chiarirà. E forse questa è proprio una peculiarità dell'autore... chissà.

22 Aprile, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Beh a questo punto se gli incipit generano interesse, questo è quello della mia recensione:
”Troppi ma e troppi se in tutte le recensioni e commenti che leggo qui dentro. Il libro è una merda. Punto.”

durante la lettura di questo libro ci sono stati momenti in cui piuttosto che proseguire avrei preferito pagare il bollo dell’auto.
Ho portato a termine la lettura solo per quella parvenza di disturbo ossessivo-compulsivo che avrebbe potuto lasciarmi accesa qualche spia luminosa nel cervello. Punto.
Frasi arricchite da descrizioni così lunghe che è quasi impossibile non pensare che si tratta di un brodo allungato con del vino annacquato.
Finalmente questa notte sono giunto al termine di questo che a questo punto non mi resta che definire un semplice quaderno dopato per sembrare un libro e che, tra l’altro, si conclude con una supercazzola di cui non ho capito un cazzo.
Spero la mia schietta sincerità non scandalizzi nessuno perchè...avete sicuramente letto di peggio.
Punto.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri