Dettagli Recensione

 
Tutto è possibile
 
Tutto è possibile 2020-04-25 12:54:50 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    25 Aprile, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Si dice casa

"... essere capaci di provare rimorso, e di mostrarsi pentiti se abbiamo fatto qualcosa che ha ferito altre persone, è questo che ci mantiene umani" .

Devo premettere che ho scelto questa lettura pensando di trovarvi la continuazione di "Lucy Barton", romanzo che avevo apprezzato .
C'è anche lei, certo, e ci sono (in presenza o in memoria) i suoi famigliari. Si conosce la brillante carriera letteraria di Lucy, ora è celebre, spesso appare in televisione; ma troviamo anche il suo disagio nel tornare alla vecchia casa, ora abitata dal fratello. Poi i ricordi del passato, carenze e quant'altro : "Lucy Barton aveva avuto la sua dose di vergogna; accidenti se l'aveva avuta. E si era rialzata esattamente da lì ".
Il fratello, dopo tanti anni che non la rivede, "si era aspettato (...) che la presenza di Lucy avrebbe scintillato di luce propria. Lei invece era più bassa di come la ricordava, e molto più magra. Ed era vecchia! " .

La struttura del libro però è poco lineare, per cui s'intercalano capitoli che vertono su altri personaggi, altre vicende. Una struttura a me poco congeniale, non essendo un lettore di racconti.
La scrittura della Strout è come sempre abbastanza scorrevole, ma qui piuttosto dispersiva, per cui ho trovato poco agevole la leggibilità.

Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Ciao Emilio, peccato che questo libro ti abbia un po' deluso. Io ne ho un ricordo molto gradevole, forse è il genere di letture che ti fa un'impressione diversa a seconda del momento e dello stato d'animo che hai.
Devo dire che a me invece i racconti piacciono molto, certe volte li preferisco ai romanzi e ho trovato interessante la formula della Strout di intrecciarli, facendo interagire i diversi personaggi.
Ho acquistato ma non ancora letto Mi chiamo Lucy Barton, aspetto il momento giusto :-)
Tu lo preferisci al suo seguito in assoluto oppure perché il secondo non aggiunge nulla di più?
Ciao Emilio, vedo grande delusione, peccato, io non ho ami letto niente di suo.
Ciao Pierpaolo. Ho indubbiamente preferito "Mi chiamo Lucy Barton" : E' un libro non dispersivo, con una rappresentazione psicologica-relazionale assai più profonda. E m'è parso anche di migliore scrittura.
Laura, ritengo i libri della Strout spesso di gradevole lettura e tutt'altro che banali. Penso però che non raggiunga l'eccellenza di altri scrittori contemporanei, come Marilynne Robinson o Tony Morrison (ma di quest'ultima la mia conoscenza è assai ridotta).
Fra i libri letti della Strout, ho preferito "I ragazzi Burgess" , con una sorprendente parte finale (un piccolo 'colpo di genio' ) che porta il lettore a ripensare retrospettivamente l'intera vicenda.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fiore di roccia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.6 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri