Dettagli Recensione

 
Oltre l'inverno
 
Oltre l'inverno 2020-06-02 17:52:42 marinablu
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
marinablu Opinione inserita da marinablu    02 Giugno, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

OLTRE IL PASSATO ATTRAVERSO IL PRESENTE

In un giorno di neve le storie di tre personaggi molto diversi tra loro si intrecciano e ne diventano una.
Tutto inizia quando Richard Bowmaster, un accademico sulla sessantina che vive una vita regolare e a dir poco noiosa, tampona l'auto guidata da Evelyn Ortega, una giovane immigrata clandestina del Guatemala.
E’ un semplice tamponamento niente di grave, ma la sera stessa Evelyn bussa alla sua porta disperata per chiedere aiuto, Richard impacciato nel gestire la situazione si rivolge a Lucia Maraz, la sua affittuaria cilena che lavora anch’essa come professoressa nella sua stessa università.
La comunicazione tra loro tre è difficile e anche improbabile, Richard e Lucia cercano di capire cosa terrorizza Evelyn che a stento riesce a dire una parola, finché con non pochi sforzi la giovane guatelmaltese rivela che nel bagagliaio dell’auto c’è un cadavere, il corpo di una giovane donna esanime avvolto in un tappeto. Di chi è il corpo della giovane donna? Chi è stato ad ammazzarla? Cosa fare in questa situazione? Denunciare tutto alla polizia sarà opportuno? Se sì quali saranno le conseguenze per Evelyn?
Fondamentalmente è con questa trama non molto originale ma “in qualche modo” plausibile, che passeremo attraverso le storie di ciascuno dei personaggi, nello stesso momento in cui cercheremo di scoprire cosa accadrà al cadavere.
Leggeremo come eventi passati, che pochi avrebbero la capacità di superare e sopportare, segnano il comportamento di ognuno di loro. Per Richard la sua attuale quotidianità tranquilla e monotona è il frutto della sua precedente vita e del suo precedente matrimonio; il silenzio misterioso di Evelyn appare più chiaro quando veniamo a scoprire delle torture subite in patria durante l'infanzia e la giovinezza e infine Lucia che, a sua volta, porta con sé la storia di coloro che hanno bisogno di andare in esilio per motivi politici perché si sentono stranieri nel loro stesso paese, Lucia questo personaggio “dal carattere stoico come la gente del suo paese, abituata a terremoti, inondazioni, tsunami e cataclismi politici; se in un arco di tempo ragionevole non si verificava nessuna disgrazia, si preoccupava.” Lucia che in qualche modo potrebbe impersonare l’autrice stessa, dovendo andare in esilio durante la sanguinosa dittatura che portò via suo fratello e la lasciò con la sensazione permanente di essere straniera nel suo paese.
Man mano che si svolge il romanzo è chiaro quanto le personalità e caratteristiche dei protagonisti siano dovute a ciò che hanno vissuto nel passato e come tutto questo passato influisca nelle decisioni prese in quel momento.
Se il fine ultimo del libro era parlare di questioni molto importanti come i diritti umani e la situazione degli immigrati e dei rifugiati allora l’obbiettivo è stato raggiunto, il ritorno alla memoria passata dei personaggi riesce a catturare l’attenzione del lettore e meno male che c’è perché invece l’evoluzione di tutta la storia risulta davvero poco convincente, la voglio chiamare la “storia superficiale”, l’evento che fa incontrare ed avanzare i personaggi nel romanzo è un bel pò carente e manca proprio di realismo.
Diciamo che questa storia un po’ zoppica, nulla a che vedere con il grande D’amore e ombra, La casa degli spiriti o Ritratto in Seppia, ad esclusione del tema di fondo che espone una questione specifica dell’esistenza umana ahimè sempre più attuale e sempre più affrontata attraverso dinamiche politiche e non di cuore, ecco è lì che rivedo la penna dell’ Allende quando con una pacata franchezza parla delle brutture che ha visto, che le hanno lasciato il segno ma che ora fanno parte del suo passato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai
Gli ansiosi
Il guardiano notturno
Le vie dell'Eden
La lingua perduta delle gru
Tomas Nevinson
La promessa
L'uomo che amava i bambini