Dettagli Recensione

 
Lamento di Portnoy
 
Lamento di Portnoy 2020-06-18 11:44:58 Molly Bloom
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Molly Bloom Opinione inserita da Molly Bloom    18 Giugno, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lasciate libero il mio pippino

Portnoy-oy-oy-oy-oy… ma finalmente ti conosco! Anzi, finalmente leggo la tua delirante e divertentissima e drammatica confessione.

Philp Roth è un autore che ho iniziato a leggere da poco, questa è la mia terza lettura ed è stata sicuramente quella decisiva che mi ha fatto apprezzare appieno il suo talento. Già “La macchia umana” mi aveva segnata in qualche modo e con il Lamento, P. Roth ha avuto la meglio su di me. Un libro a dir poco brillante, con uno stile frizzante e dei contenuti scabrosi è riuscito a tenermi viva l’attenzione per l’intera durata della lettura. So che è un libro scritto agli inizi della sua carriera e sicuramente più vivace e giovane rispetto al maturo “La macchia umana” ma non per questo più acerbo! La differenza sta, a mio avviso, nello stile. Ho apprezzato moltissimo la freschezza del linguaggio, l’ironia e l’autoironia che regna in ogni pagina, la velocità nell'esprimersi e nel narrare gli avvenimenti come se fosse una valanga ma anche i contenuti seppur altamente erotici da sfiorare quasi i scritti di Henry Miller. Però l'insieme non mi è mai risultato fastidioso o volgare o scandaloso etc, e ciò per via dell'utilizzo dell'ironia che trasforma tutte le scene in una delirante commedia pregna però di tante piccole verità. 
Per un lettore più attento, però, c'è anche molta tristezza e dramma in queste pagine lamentose, perché come lo si indica già dal titolo, è un continuo lamento di Alex Portnoy, una esplosione vulcanica di tutti i suoi "rovelli", sin dall'infanzia e che determinano senza ombra di dubbio l'uomo di domani, e se Alex possiede oggi questa vita sfrenata all'insegna della concupiscenza e l'impossibilità di amare una donna e farsi una famiglia, non è tanto perché è un maniaco sessuale ma la ragione sta nel come è stato educato in famiglia. Infatti, gli esilaranti racconti erotici vanno a braccetto con i tormentati aneddoti della sua infanzia in cui i due "imbottigliatori di colpe", e soprattutto "Mammina", cercano di dare il loro meglio nell'allevare il figlio ebreo perfetto! Il troppo amore, la troppa attenzione, il prendersi cura di troppo, la troppa invadenza, nuoce altrettanto quanto la sua assenza e da qui l'aspetto drammatico del libro in cui spesso la risata viene intrecciata con il senso di claustrofobia. 
Prima dicevo che non lo trovo un libro più acerbo rispetto agli altri ma solo più fresco come stile. Mi spiego: in questo libro le tematiche importanti ci sono ed esse vengono approfondite in modo soddisfacente solo che in modalità diversa: se in romanzi più tardivi lo fa attraverso passaggi diretti introspettivi che accompagnano la trama, qui invece sono gli eventi a gridare forte e chiaro il loro messaggio e riuscirci non credo che sia così scontato per uno scrittore. L'impronta dell'infanzia sull'adulto, i pregiudizi, l'uomo perfetto fuori ma con le sue macchie interiori, la reciproca scontrosità ebreo- non ebreo, la difficoltà di un rapporto sentimentale tra due persone che provengono da strati sociali e culturali molto diversi tra loro, il prendere coscienza della propria vita e di quello che si desidera, l'odio ma anche l'amore delle proprio radici, la necessità di allontanamento ma anche di ritrovo di queste radici che continuano sempre a richiamare in un sordo eco.
Roth ha dimostrato la sua bravura anche nella struttura: seppur delirante come prima impressione, e con discorsi acrobatici che ora prendono una strada e ora deviano per poi far ritorno, la forma dell'opera risulta molto solida, matematica e riesce con grande armonia a riprendere le redini del filone centrale dopo aver divagato un po' a destra e sinistra e immettersi sul binario centrale. Ora sono incuriosita più che mai di Roth e non voglio assolutamente farmi mancare "Il teatro di Sabbath" - che dovrebbe essere un "Lamento di Portnoy" maturo - e "Pastorale americana".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

il delirante e il divertente me lo avvicinao un po' oltre allo stile fresco, sicuramente leggerò altro perchè con Roth ho un conto in sospeso dopo la delusione di Pastorale americana.
In risposta ad un precedente commento
Molly Bloom
18 Giugno, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Io la delusione l'ho sperimentata con "L'umiliazione", poi la mia stima per la sua penna è migliorata parecchio da "La macchia umana" e infine con questo che dire- è scattato l'amore. Te lo consiglio davvero.
Ciao Ioana.
Ho evitato questo libro.
L'autore, a mio avviso, è un maestro nella rappresentazione del dolore. Gli riconosco però dei difetti, tra cui quello di non saper rappresentare letterariamente l'eros : quando ci prova (troppo spesso) cade nella banalità convenzionale ; peggio, nella volgarità. Come scrittore non ha saputo emanciparsi su questo punto. Ovviamente, un parere personale di un lettore che ha saputo comunque scorgere il capolavoro in Pastorale Americana, libro letto e riletto.
In risposta ad un precedente commento
Molly Bloom
18 Giugno, 2020
Ultimo aggiornamento:
18 Giugno, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio! Sul fatto di non saper rappresentare letterariamente l'eros mi trovi concorde: sia in L'umiliazione ma anche in La macchia umana, quelle scene lasciavano un po' desiderare e le ho trovate un po' disturbanti ma per fortuna sono poche, una parte trascurabile se paragonata a tutto il resto, glielo perdono. Qui nel Lamento, invece, dove l'eros e l'autoerotismo abbonda, ci riesce benissimo nell'intento e- se posso permettermi- fossi in te una possibilità gliela darei perché è un Roth diverso da quel punto di vista. Provare per credere.
Ricordo di essermi alquanto divertito in molte sequenze dal sapore "alleniano". La scena in cui un'eiaculazione male indirizzata fa cadere il giovane Portnoy nel terrore di diventare cieco mi ha ricordato i grotteschi sensi di colpa di Arturo Bandini in "Chiedi alla polvere", il quale si riteneva responsabile di un terremoto solo perchè quando erano iniziate le scosse si trovava a letto con una donna sposata!
P.S. Anche per me il prossimo Roth sarà "Il teatro di Sabbath", di cui ho sentito parlare un gran bene.
In risposta ad un precedente commento
Molly Bloom
18 Giugno, 2020
Ultimo aggiornamento:
18 Giugno, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ah si, esilarante quella scena! Per non parlare delle sedute con "mal di pancia" in bagno e sua mamma alla porta che gli ordinava di non tirare la catena perché doveva "esaminarle" e il padre stitico quasi invidioso ahahaha e lui che schizza sul lampadario e le pareti...
Davvero? allora sincronizziamoci nella lettura, magari provando a proporre anche agli altri una mini-condivisa, anche se so che la lettura in solitaria è forse più gratificante :-).
La lettura mi sa che ti è piaciuta e ti sta pure viziando ahahahah, ma al momento Philip Roth per me può aspettare. Sento più nelle mie corde Joseph Roth, contesto diverso, eh lo so, ma non ho finito di leggerlo tutto! Ciao
In risposta ad un precedente commento
Molly Bloom
19 Giugno, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Si Marianna, decisamente una succulente lettura che ogni tanto fa bene, Certo che anche ora con Pnin il divertimento è alto. Buone letture!
In risposta ad un precedente commento
kafka62
19 Giugno, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Dopo agosto una mini-condivisa si potrebbe davvero fare, mi farebbe molto piacere :) Nel frattempo, buone letture!
Iniziato due o tre volte, ma non è scattata mai la scintilla. Nei commenti noto che lo accostate ad Allen e infatti non mi piace neppure lui ahah
11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Essere lupo
Certi sconfinamenti
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
La stella del mattino
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage