Dettagli Recensione

 
Il libro dell'inquietudine
 
Il libro dell'inquietudine 2020-08-25 07:40:12 Molly Bloom
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Molly Bloom Opinione inserita da Molly Bloom    25 Agosto, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un mondo di sensazioni

"Vivere è morire, perché non abbiamo un giorno in più nella nostra vita senza avere, al contempo, un giorno in meno. Popoliamo i sogni, siamo ombre che errano attraverso foreste impossibili i cui alberi sono case, abitudini, idee, ideali e filosofie. E non trovare mai Dio, non sapere addirittura se Dio esiste! Passare da un mondo all'altro, da un'incarnazione all'altra sempre nell'illusione che lusinga, sempre nell'errore che conforta. Mai la verità, mai la quiete! Mai l'unione con Dio! Mai la pace vera, ma sempre un brandello di pace, sempre un desiderio di essa!"

Questa meraviglia di libro è come una pregiata bottiglia di rum invecchiato, lo si legge a sorsi, in quei momenti solenni, importanti per noi, e ci ubriaca con la sua poesia di altissimo livello artistico e filosofico, prosa densa, ambrata, che prima di trovarsi davanti ai nostri occhi è maturata dentro il poeta ma anche nel tempo e che possiamo apprezzare solo ed esclusivamente in determinate occasioni. Sono quelle volte in cui ci sentiamo fuori dal coro, malinconici, solitari e in cui tendiamo a sfogliare il passato facendo una chiacchierata intima con noi stessi, che la lettura di questo libro da il meglio di sé e parla letteralmente al lettore, in quanto diventa un dialogo - da un lato la poesia di Pessoa dall'altro la nostra esistenza che viene continuamente agganciata come all'amo dai suoi argomenti che risuonano dentro di noi con l'eco delle nostre esperienze. Parlo di poesia ma in realtà è un libro in prosa, suddiviso in frammenti più o meno brevi, come se fosse un diario di sensazioni e di osservazioni, del resto considerato il mio paragone iniziale, un libro del genere non poteva avere struttura diversa per poter essere fruibile al massimo. Certo, si può anche finire la bottiglia d'un fiato in una notte insonne ed angosciosa, ma probabilmente al mattino saremmo sbronzi e ricorderemo ben poco della nottata. Il rum non è veleno, allevia l'esistenza e migliora l'umore, non la uccide, ecco perché considero propizio questo libro in quei momenti no, perché nella sua malinconia e pessimismo si trova sempre coraggio e conforto, un balsamo che ammorbidisce le asperità dell'inquietudine, un inno alla bellezza e alla normalità della tristezza che fa parte di noi. Siamo esseri superiori ma nello stesso tempo molto limitati e frustrati perché una prodigiosa mente pensante e piena di ambizioni infinite mal si sposa con le limitazioni di un corpo materiale destinato a dissolversi nel tempo e che contrario dei nostri impalpabili pensieri esso non può tornare indietro, non può sostare ma corre verso una sconosciuta ma certa fine. Probabilmente la tragedia più grande dell'uomo. Pessoa ama la vita, nonostante tutta l'angoscia che prova, aborra il suicidio perché ama la vita ma la stessa esistenza gli grava e l'arma che ha a disposizione per alleggerirne il peso è scrivere: come tanti altri grande scrittori sente la necessità fisica di tirare fuori i pensieri e liberarli dalla prigione del corpo umano, renderli eterni e indipendenti.

"Con quale vigore della mia anima solitaria ho scritto le mie esiliate pagine, vivendo sillaba per sillaba la falsa magia di ciò che credevo di scrivere e non di ciò che effettivamente stavo scrivendo! Con quale incantesimo di un'ironica stregoneria ho creduto di essere il poeta della mia prosa, nell'aureo momento in cui essa nasceva in me, più veloce della penna, come una riparazione fallace agli insulti della vita! E alla fine, oggi, rileggendo, vedo i miei pupazzi che si rompono, vedo la paglia che esce dai loro strappi. Ed essi si svuotano senza essere esistiti..."

Oltre alle profonde descrizioni introspettive c'è anche una particolare cura e dedizione verso le descrizioni di Lisbona e del clima - nello specifico predomina la pioggia che fa da colonna sonora ai suoi pensieri, tutte descrizioni altamente poetiche e suggestive. Libro da maneggiare con cura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
archeomari
25 Agosto, 2020
Ultimo aggiornamento:
25 Agosto, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
La vita complotta oggi contro la mia volontà di commentare la tua recensione, Ioana! Sono stata interrotta quattro volte.
Bando alle futilità bentornata anche a te e alle tue recensioni! bella lettura, è uno di quei libri da rileggere e da tenere sul comodino, perché non si legge tutto d'un fiato. Certi pensieri sono un pò scomodi da accettare, ma sono autentici e profondi. Tabucchi aveva visto giusto, un grande scrittore. In giro ci sono tantissime sue citazioni estrapolate spesso a casaccio. È una ingiustizia, un torto che si fa al libro che non è frammentato, ma organicamente rispondente in ogni sua parte.
Bell'invito alla (ri) lettura!
In risposta ad un precedente commento
Molly Bloom
25 Agosto, 2020
Ultimo aggiornamento:
25 Agosto, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Marianna, assolutamente concorde con te, seppur la struttura sia frammentata, c'è sempre armonia e una certa continuità, seppur lieve, dei concetti espressi. Per la rilettura non lo so, forse in futuro...Restando più o meno nel genere sul comodino credo che metterò "Il mestiere di vivere" di Pavese, altro libro di cui sono innamorata e che trovo molto profondo e che da molto tempo voglio leggere. E' un diario ma molto molto intimistico e riflessivo.
Ciao Ioana: complimenti, bellissimo commento! È proprio come hai scritto tu, nella malinconia e pessimismo di Pessoa si possono trovare coraggio e conforto, "un balsamo che ammorbidisce le asperità dell'inquietudine": bravissima!
In risposta ad un precedente commento
Molly Bloom
26 Agosto, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Chiara, grazie per la tua attenzione e apprezzamento! Buone letture!
Indubbio che ti sarebbe piaciuto, Ioana, un testo ricco di suggestioni che per fortuna la scrittura ha sigilllato per sempre permettendonci di condividere "un brandello di pace".
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri