Dettagli Recensione

 
Nella casa del pianista
 
Nella casa del pianista 2020-09-13 06:34:33 siti
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    13 Settembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Genio e sregolatezza

“Pàffete! Ho rovesciato il bicchiere!
E tutto ciò che non vedeva l’ora di riversarsi ,
Tutto il sale dagli occhi, tutto il sangue dalle ferite,
Dalla tovaglia sulle assi del pavimento.
E niente bara! Niente separazione!
La tavola è sciolta dal suo incantesimo, la casa
destata,
Come la morte a un pranzo di nozze,
Io sono la vita, venuta a cena.

Sono le ultime righe dell’ultima poesia scritta da Marina Cvetaeva, la sfortunata poetessa morta suicida, versi che Youri Egorov conosceva a memoria come tantissimi altri di sfortunati connazionali. Versi che suggellano alla perfezione la breve parabola di vita vissuta da questo artista, genio e sregolatezza, versi che tornano prepotenti alla memoria, appena terminata la lettura della sua biografia romanzata dedicatagli da uno dei suoi più cari amici, lo scrittore Jan Brokken.

È il caso ad avvicinarlo al giovanissimo esule russo nel 1980, sono vicini di casa ad Amsterdam, lo sente esercitarsi al pianoforte quotidianamente ma non sa che è un astro nascente, un nome che si imprimerà nella memoria di tanti sulla scia di quelli dei più noti pianisti che lo hanno preceduto. In seguito alla sua prematura morte, l’amico, raccolta un’eredità di appena dodici fogli strappati da un taccuino, contenenti la memoria sotto forma di diario, della primavera del 1976, quella della sua fuga dall’URSS, decide di dedicargli un intero romanzo, memore dell’insegnamento più prezioso che l’amico gli ha lasciato: osannare la vita con il proprio talento evitando di sprecarla in attività poco edificanti, a volte travianti e latrici perfino di sventura mortale. L’esatto opposto di quanto abbia in realtà fatto lo stesso Egorov. A nulla valgono, alla fine della sua vita, le tenere parole di un amico, a cercare di convincerlo che la sua condotta di vita non è da condannare ma da accettare come riflesso della sua complessa identità.


Una lettura completa, ricca, stimolante, ha il dono di avvicinarci alla figura di Youri Egorov, di seguire la sua triste vicenda biografica di essere umano, di godere del palco di un grande artista, di calarci nella fatica del concertista oltre che dell’uomo, di entrare dentro l’universo musicale tra infinite partiture tutte doviziosamente citate da Brokken , esperto conoscitore della musica classica. A ciò si aggiunga la possibilità di acquisire un fermo immagine su un’epoca storica neppure così lontana, dagli ultimi anni della guerra fredda al crollo del muro di Berlino, un viaggio nel piano degli intensissimi anni ’80 preludio dionisiaco al cupo sentore di morte degli anni ’90, quelli dell’AIDS. Una testimonianza di prima mano che un lettore amante delle biografie ma anche estimatore della scrittura fluida, netta e sincera di Brokken, il cui taglio giornalistico e documentaristico non è per niente inficiato dal coinvolgimento personale, non potrà perdersi.

Non ho raccontato chi è stato Youri Egorov? A voi scoprirlo con infinito piacere.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
archeomari
13 Settembre, 2020
Ultimo aggiornamento:
13 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Che bello, lo hai letto anche tu! Sai che a me manca ancora Anime Baltiche, credo che sia il migliore dell'autore a giudicare dalle vostre stelline. Io sono stata colpita al cuore da questa storia, soprattutto perché è vera, vero il talento, vero quel ragazzo magro al pianoforte! Bella recensione, Laura.
Che belli i versi della Cvetaeva! Libro interessante devo dire, bella presentazione.
Laura, anche a me questo libro è piaciuto molto . D'altronde tutti i libri libri di Brokken mi sono molto piaciuti ; ormai è diventato uno dei miei autori di riferimento.
Ho associato quest'opera a "Il rumore del tempo" di Barnes, testo che volentieri ti segnalo, sui difficilissimi rapporti tra arte e potere in URSS.
In risposta ad un precedente commento
siti
14 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Marianna, dopo Anime baltiche non potevo perdere questo, devo dire che ora sono curiosa di leggere gli altri suoi scritti proprio in virtù di questa biografia romanzata che spesso ha fatto riferimento al'attività di Brokken, in qualità di scrittore, parallela a quella di Egovor, pianista. "Anime baltiche" apre un mondo; ti piacerà!
In risposta ad un precedente commento
siti
14 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
C'è stata tanta poesia, Daniele nella vita di Egorov, ora vorei proprio conoscere questa produzione da Mandel'stam alla Achmatova.
In risposta ad un precedente commento
siti
14 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Emilio, segno subito. Se leggerai questa risposta, mi potresti indicare, per cortesia altri titoli di Brokken da non perdere?
In risposta ad un precedente commento
siti
14 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Il rumore del tempo di Mandel stam lo hai letto?
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
15 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Volentieri, Laura. Al momento mi vengono in mente solo "Anime baltiche", bellissimo, e "Il giardino dei cosacchi", Con Dostevsjij nel periodo siberiano; sorprendente la documentazione che l'autore si è trovato in mano.
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
15 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Non conosco questo autore, Laura. Mi informerò.
In risposta ad un precedente commento
siti
15 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Io spero in una ristampa di Conversazione su Dante, al momento non disponibile!
11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri