Dettagli Recensione

 
Abbacinante. L'ala sinistra
 
Abbacinante. L'ala sinistra 2020-09-17 17:28:29 archeomari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    17 Settembre, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La metamorfosi della vita

“Il passato è tutto, l’avvenire è niente, non esiste un altro senso del tempo. Viviamo su un pezzetto di calcare della sclerosi multipla del cosmo”.

Uno dei pochi autentici, e purtroppo quasi sconosciuti, capolavori della letteratura mondiale degli ultimi decenni, viene dalla Romania, ed è firmato da Mircea Cartarescu.
“Abbacinante” è una trilogia, imponente e geniale, che riproduce nel titolo, e ripropone in più parti, come motivo mistico-simbolico, il corpo di una farfalla: ala sinistra, corpo centrale e ala destra. Proposto in Italia da Voland, il primo volume in italiano è apparso nel 2008 e l’ultimo nel 2016.
Se dovessi delineare in poche parole che impressioni ho avuto nel leggere questo libro, direi che si è trattato di un abbagliante spettacolo di psichedelia e allucinazioni, simmetrie ed iper-simmetrie, una batteria di fuochi d’artificio con i suoi passaggi più esaltanti, i momenti dal ritmo più piano e poi una corposa terza parte che riprende il vortice allucinato di sogni e sensazioni delle prime pagine e confluisce in un finale che rimette a posto tutto le tessere e il cerchio si chiude. Ma non del tutto...la lettura del secondo e del terzo volume, ne sono sicura, renderà più chiare certe scelte narrative e i motivi della storia, la storia di Mircea Cartarescu, “questo libro illeggibile” cui ha dedicato ben 14 anni!
‘Ala sinistra’ comprende gli avvenimenti principali della sua infanzia e prima adolescenza, narrati in prima persona dal protagonista, lo stesso Mircea Cartarescu, in un lungo, ininterrotto flusso di coscienza, con notevoli salti temporali, in cui inserisce i personaggi reali dei suoi ricordi ed altri surreali, dei suoi sogni. Tra le pagine compaiono sempre delle farfalle, ora piccole, ora mostruosamente giganti, ora disegnate, ora incastonate in anelli, ora impresse nella pelle come la grande macchia rosa-violacea, un lupus eritematoso che sua mamma aveva sul fianco. La farfalla è un simbolo mistico, perché

“La mia memoria è la metamorfosi della mia vita, l’insetto adulto di cui la mia vita è la larva. E se non mi tuffo nell’abisso di latte che la circonda e la cela nella crisalide della mente, non saprò mai se sono stato o se sono una mantide vorace, un opilione sognante sulle sue zampe interminabili o una farfalla di bellezza sovrannaturale”.

“Il passato è tutto” si diceva all’inizio, citando un passo, ed è lì che bisognava investire le proprie energie, indagare come archeologi, perché “ogni scoperta è un ricordarsi”, uno scoprire se stessi. Attraverso quel continuum realtà-allucinazione-sogno- ricordo è possibile sperare di avvicinarsi ad un’altra dimensione, non meno reale della realtà presente. “Quella che chiamiamo comunemente ‘realtà’ non è che la superficie delle cose. La vita allucinatoria è vera quanto la vita ‘reale’”dice l’autore in una intervista raccolta da Vanni Santoni nella postfazione dell’edizione Voland.

Mille richiami ai grandi classici della letteratura di ogni tempo: Dante, Kafka, Proust. Un edificio di ricordi dai particolari vividi, ma inseriti in contesti allucinati, la stessa Bucarest, le cui viscere ammuffite, le cui gallerie sotterranee dove avvengono fatti surreali, non è quella reale, se non in parte. Bucarest è spesso la protagonista indiscussa delle notte allucinati del piccolo e malaticcio Mircea: seduto sulla cassapanca, coi piedi sul termosifone, dalla tripla finestra panoramica la città appare come in un trittico. Luci al neon che si accendono e si spengono, i fari dei tram e delle auto, talvolta la città con quelle luci colorate si trasforma in un enorme acquario, come la stessa stanza di Mircea.
Altro motivo narrativo e simbolico di questo libro è la costruzione per cerchi concentrici , il mise en abyme come notevole illusione ottica. Nelle sue visioni Mircea immagina il suo cervello inserito in una scatola cranica, che al suo interno ne contiene un’altra, e così via, tante scatole craniche quanti i gradi di conoscenza e consapevolezza raggiunti negli anni. Ed anche i ricordi funzionano come matriosche: la borsetta rossa della mamma, che funzione come archivio di famiglia, innesca tutta una serie di ricordi involontari, odori, sensazioni, luoghi, colori. Ancora:

“Il me di oggi ingloba il me di ieri, che comprende quello di ieri l’altro, e così via a ritroso, sicché non siamo altro che un’immensa sequenza di bambole russe celate l’una nell’altra, ognuna gravida di quella che l’ha preceduta (...). L’io di ogni attimo è legato a quello precedente tramite un vigoroso cavo ombelicale, con due arterie e una vena, trasportando gli ineffabili eritrociti della causalità”.

Un linguaggio sofisticato, immaginifico, ricco di termini scientifici. Un’opera monumentale di grande bellezza, arrivata in Italia con vergognoso ritardo e che merita di essere conosciuta da un pubblico più vasto.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama leggere libri dallo stile particolare, visionario, sofisticato, ricco di immagini e termini scientifici.
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Gran bella esperienza Mari, che ho condiviso con te, Molto bella la tua recensione e sei riuscita ad abbracciare l'essenza nonostante sia molto difficile parlare di questo libro, complimenti! Conto anche io di finirlo presto. E' stato un vero piacere questa lettura condivisa con te!
In risposta ad un precedente commento
archeomari
18 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ti ringrazio io per prima, Ioana, era da tempo che avevo nella libreria questo libro ed anche l'intenzione di leggerlo presto, ma la tua compagnia mi ha dato l'incentivo che ancora mancava! È stato un vero piacere! Aspetto anche la tua recensione!
kafka62
18 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Complimenti Marianna (e Ioana). Ho seguito in queste settimane le vostre appassionate annotazioni nel Gruppo di lettura e confesso che mi avete fatto venire l'acquolina in bocca. Cartarescu è entrato direttamente ai primissimi posti nella mia lista di attesa (mi sono già procurato i tre volumi), e credo che nel 2021 mi immergero' anch'io in questa prosa ipnotica e surreale, in questo incredibile e misconosciuto libro- mondo. Per il momento - è quasi superfluo dirlo- complimenti per la recensione.
In risposta ad un precedente commento
archeomari
18 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Che bella notizia, Giulio! Conoscerai anche tu questa prosa meravigliosa e un'opera così ricca che non c'è commento all'altezza. Lo so bene, perché ad ore di distanza ho in mente mille altre cose, citazioni, pensieri che non sono riuscita ad inserire. Ma tu sei sempre gentile. Intanto aspetto il tuo prezioso commento sul libro di Powers!
Lo leggerò sicuramente, ne parlate in modo così entusiastico che non si può resistere ahah
siti
21 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Marianna, ampiamente soddisfatta dunque. Sono ora molto curiosa...
C.U.B.
21 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Mai sentito prima :-|
In risposta ad un precedente commento
archeomari
22 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille Dany, Laura e Cubotta!
Io ve lo consiglio, se amate una lettura veramente particolare e, per questo, rischiosa. Ma alla fine capirete ogni passaggio che prima vi aveva lasciato interdetti. Ciao!
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri