Dettagli Recensione

 
Lamento di Portnoy
 
Lamento di Portnoy 2020-10-21 09:55:09 Valerio91
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    21 Ottobre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lamento d'un represso

I miei giudizi sulle opere di Philip Roth sono sempre piuttosto com­plicati da articolare. Dopo "Nemesi" e “Pastorale americana" eccomi al mio terzo approccio con l'autore, eppure non sono ancora riuscito a farmi un'idea precisa riguardo al mio gradimento nei suoi confronti.
Rispetto agli altri due romanzi che ho letto, “Lamento di Portnoy" è certamente il più irriverente e senza filtri, considerato che è narrato in prima persona da un uomo che, sul lettino del suo psicanalista, sciorina come un fiume in piena quella vita che l'ha portato a essere un trentacinquenne erotomane e decisamente a disagio nel suo status d'ebreo americano, oltre che profondamente in conflitto con l'ambiente familiare in cui è cresciuto. Alexander Portnoy è infatti condizionato in ogni suo processo mentale dalla figura ingombrante di sua madre, che l'ha tormentato con la sua presenza ossessiva e coi suoi comportamenti iper-protettivi. Dall' altro lato suo padre è un uomo, almeno agli occhi del figlio, mediocre e costretto a portare avanti una vita senza prospettive né ambizioni, schiacciato dalla figura dominante di sua moglie che applica in casa una tirannia del tutto psicologica, che tiene sotto scacco l'intera famiglia (a parte, forse, la sorella di Alexander, vero corpo estraneo della vicenda).
Queste sono solo alcune delle cose che vengono fuori dai pensieri di Alex, che hanno come fulcro le sue fantasie sessuali su un numero indefinito di Shikse (ovvero donne non ebree): tutto, nella sua vita, è una ribellione a quei dogmi, religiosi e non, dai quali è dominato fin dalla tenera età. Sebbene la condizione mentale del protagonista sia ben resa dal suo stesso modo di esprimersi e alcuni dei temi (soprattutto il condiziona­mento mentale causato dalla crescita in un determinato contesto familiare) siano sviscerati in certi tratti molto bene e in maniera interessante, “Lamento di Portnoy" non mi ha folgorato. Sarà perché i temi non sono quelli che più mi toccano? Non saprei, in certi punti non li sentivo poi così lontani. Sarà perché Roth tende a sfociare un po' troppo nella volgarità, di lessico e nel racconto di dettagli un po' sudici? Forse, ma sebbene in questo libro siano presenti più che in ogni altra opera che io abbia letto, non sono cose che mi giungono nuove. E allora cosa? È davvero difficile da dire, ma credo da forse il problema stia nel fatto da Roth non riesce a emozionarmi: può partorire paragrafi che magari colpiscono nella forma, ma non t'abbagliano l'anima né ti spingono a scavare a fondo dentro te stesso.
Ecco. forse ci siamo: Roth è troppo pragmatico.
Sebbene si scenda a fondo nell'animo e nelle pulsioni del nostro Alexander Portnoy, sembra difficile empatizzare con lui, ma non perché i suoi pensieri siano del tutto assurdi (a volte lo sono) o perché io sia un santo beatificato, ma perché l'autore riesce magistralmente a caratterizzare un individuo e il suo animo, ma non riesce a essere universale. Mentre scrivo questo mi rendo conto che forse sto sparando delle boiate facilmente smontabili da una persona che conosca meglio l'autore, o con una capacità di critica letteraria superiore alla mia, e mi piacerebbe confrontarmi con una persona del genere perché su quanto dico non sarei disposto a giurare. Eppure quest'idea serpeggiava nella mia mente a ogni pagina, e credo che in essa stia la motivazione per cui non ho amato “Lamento di Portnoy" e di Roth dico, ancora una volta: Rimandato.

“La signora Nimkin piangendo nella nostra cucina: «Perché? Perché? Perché ci ha fatto questo?» Sentito? Non cosa, eventualmente, noi abbiamo fatto a lui, mai più: perché ha fatto questo a noi? A noi! Noi che avremmo dato la vita per renderlo felice, e un famoso concertista per giunta! Davvero riescono a essere così ciechi? Può la gente essere tanto abissalmente idiota e vivere? Ci crederebbe? Possibile che siano equipaggiati con tutta l’attrezzatura, un cervello, una spina dorsale, e i quattro buchi per occhi e orecchie - equipaggiamento, signora Nimkin, sbalorditivo quasi quanto la Tv a colori - eppure vivano la vita senza cogliere il minimo indizio dell’esistenza di sentimenti e desideri in altri che non siano loro?”

Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Tieni presente che Lamento è una sua opera giovanile, sfido a trovare nella letteratura opere giovanili di tale caratura. Io purtroppo non sono un critico ma semplice lettrice come te, ma spero ugualmente di esserti utile con il mio punto di vista. Al contrario di te ho trovato questa opera molto godibile e per niente volgare, ma spassosa e triste nello stesso momento perché le sue rocambolesche esperienze sessuali erano sempre bilanciate di un duro colpo introspettivo. Personalmente ho trovato Roth universale in questa sua opera magari non su tutto ma in molti tratti si, e seppur nascosta credo che ci sia anche una lettura psicologica tra le righe. Mi viene in mente il padre di Portnoy: io l'ho trovato universale, personaggio molto interessante e complesso e con tratti di universalità in termini causa-effetto è anche l'ultima ragazza di Portnoy con la quale ha avuto una quasi-storia a tutti gli effetti, della quale non ricordo il nome però, un personaggio abbastanza drammatico. Questo libro mi è sembrato un clown che dietro la sua maschera e dietro le sue esibizioni circensi nasconda una grande malinconia e solitudine. Leggi "La macchia umana", se non ha universalità quello... Pure io all'inizio ero scettica e mi sembrava sopravvalutato complice anche la lettura di una opera minore "L'umiliazione" che non consiglio, ma poi mi sono ricreduta. Infine può anche darsi che l'autore non entri in comunicazione con te, il che non vuol dire che Roth non è bravo o che il lettore non è perspicace, semplicemente non c'è chimica, e mi sa che è il tuo caso.
Valerio, anch'io da questo autore non riesco ad essere del tutto soddisfatto. Mi sa che questo libro abbia incuriosito per il tema che tratta, ma suvvia non siamo più dei ragazzini! Pertanto non ne sono incuriosito, e per tornare a leggere l'autore cercherei sicuramente un altro libro che mi dia più garanzie in partenza.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
23 Ottobre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Ioana,
e grazie per il tempo che ti sei presa per rispondermi! Credo sia il problema stia esattamente nel fatto che non c'è chimica: quell'aspetto del rapporto lettore autore che si fa fatica a descrivere o a esprimere oggettivamente. Non sapevo che fosse un'opera giovanile, e in effetti questo aspetto si sente abbastanza... sull'universalità dei suoi personaggi credo di essere d'accordo con te, è forse sulle riflessioni intime (soprattutto di Alexander) che ho trovato una specificità troppo marcata, come se i suoi problemi fossero così "suoi" da non permettermi di empatizzare. Ma rimane un giudizio soggettivo.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
23 Ottobre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio,
io proprio non saprei darti indicazioni in tal senso, perché dei tre romanzi di Roth che ho letto (compreso questo) non ce n'è stato nessuno che mi abbia letteralmente folgorato. Nel caso dovessi trovarne uno, troverai sicuramente una mia recensione qui su QLibri... anche perché, nonostante tutto, ho voglia di approfondirlo ancora.
Le tue recensioni, Valerio, sono sempre caratterizzate da schiettezza e onestà intellettuale, doti che io ammiro molto. Per quanto riguarda la pretesa scarsa universalità della prosa di Roth, ritengo che la tua impressione sia dovuta al fatto che "Portnoy" sia un'opera giovanile, esuberante, provocatoria e dissacrante (almeno per quei tempi), fondamentalmente individualista. Nelle opere più mature, Roth ha saputo nvece descrivere molto bene, con i suoi ritratti, la società americana del secolo scorso, andando ad affondare il suo bisturi nelle piaghe più nascoste del sogno americano. "Pastorale americana", con l'emblematico destino riservato allo Svedese, ne è l'esempio più lampante. Buone letture.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
28 Ottobre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Giulio,
ti ringrazio molto per le tue parole, ne sono lusingato.
Riguardo al fatto che "Lamento di Portnoy" sia un'opera giovanile, alla fine devo convenire con te e con gli altri che me l'hanno fatto notare. Sicuramente "Pastorale americana" è un'opera più matura e che riesce a fare un affresco del contesto americano. Pur non avendomi entusiasmato, è effettivamente un'opera di più ampio respiro.

02 Novembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Forse, per capire meglio e più a fondo questo Roth bisognerebbe partire da due punti: la psicanalisi freudiana e il ritorno del represso in letteratura. I meccanismi mentali di Portnoy che escono fuori dal romanzo sono esattamente quelli descritti da Freud: il rapporto con la madre e la libido esagerata su tutti. Del resto, quello che pian piano esce fuori dalla simulata seduta psicanalitica è proprio l'inconscio del protagonista. Nell'inconscio, infatti, sono contenute tutte le pulsioni che sono socialmente represse e la letteratura è uno dei luoghi in cui queste pulsioni possono ritornare. Lo spiega bene un critico italiano, Francesco Orlando, che si basa proprio sulla teoria di Freud. Credo, inoltre, che la più grande qualità di Roth sia quella di farci capire che le persone sono così come appaiono non perché ci sono nate, ma perché ci sono diventate.
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Essere lupo
Certi sconfinamenti
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
La stella del mattino
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage