Dettagli Recensione

 
L'arte di dimenticare
 
L'arte di dimenticare 2020-12-21 15:27:27 Angelica
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Angelica    21 Dicembre, 2020

Perdonare?

Mira , perfetta moglie aziendale, viene abbandonata dal proprio marito durante un party . Ad riaccompagnarla a casa sarà Jack, uno sconosciuto professore di origini indiane da poco arrivato dall' America.
Su questi due personaggi si costruisce tutto il racconto .
Mira deve fare i conti con un marito che non la vuole più e in una società che non offre molte possibilità di riscatto alle donne . L' autrice si sofferma a descrivere qual era stata fino a quel momento la sua vita . Innamorata del marito è sempre vissuta alla sua ombra e ha fatto di tutto per compiacerlo . Perderlo vuol dire anche perdere se stessa, quella che si riconosceva in lui.
Jack ha alle spalle un passato doloroso, il padre ha abbandonato lui e la madre per interprendere la vita religiosa e questo ha segnato la sua infanzia perché ha accumulato dentro odio e rancore per l' indifferenza del padre e per la non rassegnazione della madre.
Jack ha giurato a se stesso di essere un padre presente , ma anche lui con il divorzio dalla moglie ha finito per fallire . Adesso sta cercando di scoprire cosa è accaduto alla figlia rimasta paralizzata per via di quello che hanno definito un incidente.
E proprio per trovare qualcuno che lo aiuti a sistemare il suo lavoro di studioso dei cicloni , mentre lui si occupa delle sue indagini ,che incontra di nuovo Mira...
Se dovessi spiegare cosa mi è piaciuto di questo romanzo divorato in tre giorni inizierei dal raccontare cosa mi ha deluso: la storia tra jack e mira. L' ho trovata troppo da romanzo rosa e un po' scontata, sebbene abbia apprezzato l' idea di mostrarci la loro personale maturazione interiore e poi il loro avvicinamento . Ma a parte questo mi piace lo stile dell' autrice e la sua capacità di farci conoscere, nei suoi romanzi ,alcuni degli spaccati della società indiana, quali le conseguenze del divorzio per una donna,l' aborto delle figlie femmine ( che è vedremo legato all' incidente della figlia di jack) , la sottomissione della donna e l' idea che suo unico compito sia quello di compiacere il marito e la sua famiglia .
C'è una storia che ho trovato affascinante ed è quella della zia di Jack . Donna che aveva fatto innamorare il marito grazie ai lunghi capelli corvino ( c'è tutto un paragrafo sulla cura estrema a cui doveva sottoporre i suoi lunghissimi capelli per compiacere il marito. )
Questa donna, che non ha il diritto di tagliarsi i capelli senza chiedere il permesso, è un simbolo di una società legata ancora alle tradizioni e che considera la donna inferiore, ma la zia è anche simbolo della ribellione a regole assurde anche se la scelta di lasciare il marito la condannerà alla solitudine. Mi è piaciuto molto questo personaggio , ne ho apprezzato la dignità . Direi che è la figura femminile che mi è piaciuta di più in mezzo alle tante altre donne che popolano sempre i romanzi della Nair . Sono donne diverse, alcune emancipate, altre sottomesse ma alla fine sono donne di una società ( e non solo indiana) che le considera inferiori . A differenza dell' altro romanzo letto ( Cuccette per signora) qui troviamo anche un vero e proprio protagonista maschile che però è lontanissimo dalle tradizioni indiane e dalla visione che hanno gli altri uomini sulle donne. L' ultimo riflessione riguarda il titolo , che mi ha incuriosito e spinto a leggerlo. Credo che abbia a che fare con il perdonare se stessi e gli altri... dimenticare però non come azzerare tutto ,ma come consapevolezza del dolore, dell' errore per poter andare avanti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Tutti
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri