Dettagli Recensione

 
Musica
 
Musica 2022-01-06 21:27:54 Valepepi
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valepepi Opinione inserita da Valepepi    06 Gennaio, 2022
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SULLA PSICANALISI E DINTORNI

Non tra i libri più noti di Mishima, ma tra quelli più godibili, questo romanzo ha il doppio pregio di esprimere da un lato la cifra stilistica dell'autore, fatta di una prosa raffinata e di una sostanza pregna di riflessioni profonde ed elaborate, dall’altro di stemperare il tono greve, il lato cupo di questa anima inquieta che ha fatto del tormento la sua condizione estetica-esistenziale.
Il tema centrale è la psicanalisi che attraverso il personaggio di Reiko, Mishima demolisce e consacra al tempo stesso, rimarcando che tale disciplina non è una scienza esatta con valore oggettivo, perpetuo e universale, bensì legata a variabili soggettive e fortuite afferenti alla sfera dei singoli individui e alla reazione chimica che scaturisce dal loro incontro. E tuttavia, se l’indeterminismo del risultato rappresenta il limite della psicanalisi, ne costituisce altresì l’attrattiva che spinge ad addentrarsi nei labirinti della mente ed esplorare. Se non altro per vedere ciò che ne vien fuori.
Tale tesi appare scontata, ma è interessante il modo in cui Mishima la declina nel rapporto tra la paziente Reiko e il dottor Shiomi Kazunori.
La rivelazione del proprio malessere tramite una trasposizione metaforica, sancisce sin da subito il criterio attraverso cui Reiko si apre alla terapia: un dire mascherato, a volte al medico, altre persino a sé stessa. Tale approccio mette a dura prova le capacità di analisi del terapeuta che, muovendosi tra personaggi insidiosi, pseudo-confessioni e piani reali e fittizi, cerca di far luce sugli inganni dell’inconscio, di interpretare simboli, di mettere ordine a ruoli, di far affiorare traumi sedimentati nel profondo della sua giovane paziente, per poi da essi liberarla.
È una vera e propria partita a scacchi giocata sul filo dell’intelligenza, della scaltrezza, della simulazione, dei bluff, e su cui riveste un ruolo fondamentale la fascinazione suscitata dall’uno sull’altra e viceversa. Aldilà della storia, comunque, le pagine più belle riguardano le interpretazioni dei sogni: arzigogolate, acute, cervellotiche. Un caleidoscopio di ribaltamenti e cortocircuiti che mettono in risalto la maestria di Mishima nell’arte di elucubrare.
Tradisce un po’ il finale che, rispetto ad una intera trama tutta spiegata attorno agli arcani misteri che regolano gli ingranaggi della psiche, risulta scemare per adagiarsi su una conclusione risolutiva. Un peccato che, nel giudizio complessivo di quest’opera, si può perdonare.

Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
siti
08 Gennaio, 2022
Segnala questo commento ad un moderatore
Ottima recensione! Grazie per la proposta.
Valentina, certo anche qui la scrittura dell'autore è assai bella. Mi è parso però un romanzo veramente minore; l'approccio psicoanalitico, poi, è decisamente fuori dai canoni freudiani.
Mah...!
In risposta ad un precedente commento
Valepepi
10 Gennaio, 2022
Segnala questo commento ad un moderatore
I sogni e la sessualità sono di matrice freudiana, l'approccio dell'analista probabilmente non lo è.
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai
Gli ansiosi
Il guardiano notturno
Le vie dell'Eden
La lingua perduta delle gru
Tomas Nevinson
La promessa
L'uomo che amava i bambini