Dettagli Recensione

 
La promessa
 
La promessa 2022-02-25 17:03:14 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    25 Febbraio, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una promessa di ardua realizzazione

«Sì, di già. La scomparsa inizia subito e per certi versi non finisce mai»

Con le pagine de “La promessa” torniamo a scoprire di un paese a noi notoriamente lontano e sconosciuto, un luogo che generalmente rientra in una narrativa se vogliamo spesso di nicchia. Rilegata agli autori più noti ma in ogni caso prevalentemente focalizzata sull’Africa in generale che sul Sudafrica inteso come Stato e realtà economico-sociale-culturale. Ecco a maggior ragione perché tra queste pagine non manca la curiosità. Una curiosità che spicca e si protrae nella lettura e che consente di aprire gli occhi su dinamiche che possono risultare incomprensibili per un lettore esterno, occidentale.
Ad aprire le porte dell’opera vi è la famiglia Swart. Bianchi in quel di una terra di neri, questa è composta dai genitori e tre fratelli. La narrazione relativa a siffatta famiglia ha luogo in quattro grandi capitoli che suddividono dunque le decadi e che si focalizzano su un funerale diverso. Esatto, un funerale. Perché il funerale non è certo un momento allegro ma può comunque diventare e trasformarsi in un momento di ritrovo in cui i “superstiti” tornano a incontrarsi. A far da filo conduttore una promessa richiesta dalla signora Swart al marito affinché la casa di proprietà della famiglia al momento della morte sia donata alla governante di colore Salome. Un atto di riconoscimento, un piccolo grande gesto per riconoscere a questa figura l’impegno e l’aiuto dato. Ma come fare se è contro la legge. Come esaudire un qualcosa che per dettato normativo è impossibile.
Galgut, vincitore del Booker Prize 2021, unisce anche più periodi storici partendo dall’Apartheid e giungendo sino al nostro presente. In quest’ultimo senso un’ulteriore riflessione che colpisce il lettore in quanto, nonostante gli anni passati, ancora oggi è percepibile quello strato di razzismo che sembra non riuscire a liberarsi dei retaggi di un tempo trascorso. Da qui il peso di una promessa che si incastona in anni dove un semplice gesto di gratitudine, come anzidetto, era vietato dalla legge.
Cos’è alla fine “La promessa” se non un romanzo corale, una storia che per mezzo di una famiglia ci ricorda il volto di un Sudafrica che al mondo appare così lontano e spesso indecifrabile.
Uno scritto avvalorato ancora da uno stile narrativo mutevole che cambia voce narrante a seconda del racconto, che passa dalla terza alla seconda persona, che si rivolge anche direttamente ai propri personaggi. Certamente si tratta di una prova di grande padronanza della lingua scritta ma per il lettore ciò si traduce in battute d’arresto, ritmi altalenanti di lettura, perdita di interesse e soprattutto difficoltà ad entrare davvero in empatia con i protagonisti e le situazioni. A ciò si aggiunga anche la suddivisione della storia in quattro macrocapitoli che se sommati a una penna altalenante non facilitano la componente simbiotica.
Nel complesso resta un romanzo piacevole e da scoprire ma difetta di capacità coinvolgente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Per questo autore da Nobel, certo le aspettative sono alte, per cui sono rimasto sorpreso che il libro (che io non ho letto ; è in lista) che non ti sia piaciuto più di tanto, soprattutto che la scrittura non sia entusiasmante. E' bene però saperlo.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
26 Febbraio, 2022
Segnala questo commento ad un moderatore
L'idea è davvero geniale, io per paradosso il tema funerali lo sento anche vicino come momento di incontro ma sono onesta, troppo disarmonica. Non è simmetrica, non coinvolge come dovrebbe ed è un peccato. Grazie come sempre, Emilio.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa