Dettagli Recensione

 
La casa dell'oppio
 
La casa dell'oppio 2022-09-23 18:31:46 silvia71
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    23 Settembre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Decadenza

La casa dell'oppio è un romanzo breve ambientato nella Cina nella prima metà del Novecento, periodo che precede la fondazione della Repubblica Popolare.
Il nucleo narrativo ruota attorno alle vicissitudini e al declino di una famiglia di latifondisti, intenti allo sfruttamento delle proprie terre convertendole dall'agricoltura alla coltivazione del papavero da oppio. L'autore ne racconta fortuna e declino, meschinerie, miserie e crudeltà sia tra le mura domestiche sia verso braccianti e contadini.
Un mondo gretto, sordido, ingiusto e anche immorale, dove oltre alla fame, regna violenza e indifferenza nelle relazioni sociali e umane.
Il villaggio seppur immaginario di Fengyangshu diviene microcosmo per rappresentare l'intera Cina rurale, arretrata e depressa dove i contadini perdono i connotati umani per assumere la valenza di strumenti di lavoro, da usare e di cui abusare senza il minimo sentore di pietà.
Decadenza morale che mette le radici nel profondo, tra coniugi, tra genitori e figli e tra fratelli.

Il filone letterario percorso dallo scrittore Su Tong appartiene alle cosiddette avanguardie che oltre a mettere a nudo la complessità delle situazioni sociali, scoperchiando pentole che il governo voleva blindate, fanno ricorso ad un nuovo linguaggio crudo senza orpelli stilistici.
I personaggi sono molteplici, appena abbozzati ma delineati con pochi tratti forti che ne rendono nell'immediato lo spessore psicologico. La scena è data da un groviglio di volti e voci che si accavallano e dialogano sovrapponendosi, generando un flusso narrativo ininterrotto che mescola all'interno della stessa frase il discorso diretto e indiretto.

Una scrittura fatta di immagini, di oggetti simbolici, di tanti personaggi che rappresentano ciascuno un punto di vista, nessuna strada tracciata da percorrere, anzi ciò che sembra un percorso di vita già compiuto, viene travolto e annientato.
Una lettura pertanto non agevole, complessa ma ricca di spunti di grande interesse.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

C.U.B.
27 Settembre, 2022
Segnala questo commento ad un moderatore
Riappaio dopo mesi e mesi e ti ritrovo ad affondare nell'oppio...
:-)

Mi piace questo titolo!
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Essere lupo
Certi sconfinamenti
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
La stella del mattino
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage