Dettagli Recensione

 
La fornace
 
La fornace 2022-10-21 19:05:08 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    21 Ottobre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ossessione inafferrabile…

Ossessione protratta, omicidio efferato, verità acclarata, ricerca delle cause, tortuoso cammino nella mente di un uomo singolare, profondo e geniale, disturbato e maniacale.
La Fornace e’ un luogo abbandonato, tetro e inospitale, senza futuro, una dimora perfetta per gli intenti di Konrad, il protagonista, per anni ossessionato dall’idea di scrivere un saggio dal titolo “ L’ udito” che non ha mai iniziato, accusato dell’ omicidio della moglie con una carabina la vigilia di Natale.
Un uomo solo percorso e percosso da un sentimento di dedizione assoluta nei confronti della consorte che ritiene ostacolo invalicabile alla composizione di quel saggio da lei sempre osteggiato.
Voci, testimonianze. tesi che corrispondono, perché e come l’ ha fatto, cosa è successo lì dentro, chi è realmente Konrad? La sua lucidità e sensibilità intellettiva paiono evidenti, la sua follia anche, e allora che cosa sottendono la composizione del saggio e il trasferimento alla fornace?
Di lui si parla come di un uomo profondamente schivo, una persona eccentrica e insignificante a cui tutti hanno progressivamente voltato le spalle, inizialmente attratti dal suo denaro, un uomo da sempre fanatico della verità.
Per anni il grande sogno di Konrad e’ stato l’ acquisto della Fornace ma sua moglie e’ sempre stata contraria fino a ridursi al silenzio, accettando uno stato di fatto, imprigionata dalla necessità, dalle ossessioni del coniuge, dall’ avanzare inesorabile di una malattia invalidante.
Konrad si occupa di lei, la riempie di attenzioni e la tiranneggia, un sadico pieno di attenzioni, da lei definito uno psicopatico di intelligenza superiore.
Un luogo trasformato in una fortezza inespugnabile, invisibile dall’ esterno, dove stare in completo isolamento, talmente silente da affinare l’ udito, in cui risiedere in funzione del saggio, nessun imprevisto a ostacolare una sensibilità assoluta, esercizi di ascolto del silenzio, letture ripetute ossessivamente, una dimora svuotata di tutto, la menzogna come sopportazione per non sprofondare nella disperazione.
Di fronte alla possibile scelta, se’ o il saggio, Konrad sceglie il saggio e ricorda un passato di sofferenze tuttora vivido, osteggiato dai genitori, allontanato dai fratelli più piccoli, non assecondato nei suoi progetti, senza la possibilità di studiare.
Lì, alla Fornace, non sarà mai raggiunto dall’ infernale macchina della società dei consumi, ma continua a essere infastidito dalla curiosità della gente vittima, come tutti, di un processo di rimescolamento sociale .
Oggi non ha ancora scritto una singola parola di quel saggio che è solo nella sua testa, non si tratta di un semplice testo medico e filosofico, è molto di più, custodisce il senso di una vita intera.
E allora la Fornace diventa meta di vita e di morte e il saggio cuore pulsante di un desiderio irrealizzabile a cui sacrificarsi, in attesa di quel momento agognato, la scrittura, che mai si compirà, un’ idea che dia senso ai propri giorni.
“ La Fornace “ di Thomas Bernhard ( 1970 ) è uno scritto intenso che, nonostante una scrittura precisa, centellinata, lineare, da subito trasmette un senso di asfissia in una quiete apparente figlio di un’ ossessione protratta, fatti e concetti ripetuti all’ eccesso in un vortice di inquietudine manifesta.
Un luogo silente, rumori inafferrabili, ascolto, denuncia di una società omologante che trasforma l’ individuo in una macchina dai connotati mostruosi, inscenando una vita svuotata e vuota come la Fornace stessa.
Isolamento, incubo, desiderio, dedizione, follia, tirannia, inganno, sopraffazione, amore per la musica, per la lettura, una vita scarna, inafferrabile, intollerabile, interiorizzata, anaffettiva, destinata a una caduta rovinosa, all’ inconcludenza, al delirio di onnipotenza, a quel cortocircuito mentale che sa di egocentrismo delirante.
E allora il saggio, tutte le voci e le testimonianze, il flusso di coscienza, esulano dalla narrazione di una vita e di un omicidio efferato per racchiudere ed esprimere altro, un urlo nel silenzio della solitudine più estrema.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

interessante e utile recensione, Gianni.
La scrittura dell'autore mi piace, ma non so se questo libro sia nelle mie corde.
siti
22 Ottobre, 2022
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie per il contributo, a me invece interessa parecchio.
In risposta ad un precedente commento
68
26 Ottobre, 2022
Segnala questo commento ad un moderatore
Credo di no, Emilio..
In risposta ad un precedente commento
68
26 Ottobre, 2022
Segnala questo commento ad un moderatore
Intenso, cupo, profondo, di sicuro interesse
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Genitori cercasi
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel che ci tiene vivi
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Café Royal
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Freddo nelle ossa
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
Il passeggero
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Città di sogni
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Una brava ragazza è una ragazza morta
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Piero fa la Merica
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Vecchiaccia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Dipendenza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'assassino è tra le righe
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Capolinea Malaussène
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Più profondo del mare
Giochi da ragazzi
Capolinea Malaussène
Gli amanti della notte
Metodi per sopravvivere
Pioggia sottile
Lezioni
Ci vediamo per un caffè
Un giorno di festa
Essere lupo
Certi sconfinamenti
L'ultimo uomo bianco
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro