Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror A chi appartiene la notte
 

A chi appartiene la notte A chi appartiene la notte

A chi appartiene la notte

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Irene Fontana è una giornalista d'inchiesta, messa fuori gioco dalla sua ostinazione a svelare corruzioni e tutelare i diritti dei cittadini. La Contessa è la casa di sua nonna, la casa delle sue vacanze di bambina. Due piani in sasso e una mansarda, in cima a una delle colline dell'Appennino reggiano. Su tre lati, ettari di campi a coltivazione. Sul quarto, il bosco, l'unica terra che non le appartiene. E tornata a vivere lì. Tutto il suo mondo era crollato in meno di un mese e in quello che restava non c'era nulla che le interessasse. Così, ha ricominciato dall'inizio. Filippo cade dalla Pietra di Bismantova una notte d'estate. Irene è lì, per puro caso, il giorno dopo, quando rimuovono il suo corpo. La madre del ragazzo non crede al suicidio e chiede aiuto a Irene. Lei parte dalla vita di Filippo, dai suoi amici, dalle sue frequentazioni. Scopre un locale, lo Snoopy, dove nel giorno di chiusura si organizzano festini piuttosto estremi. Incontra un uomo, il Pittore, un artista che vive isolato in una casa museo, in compagnia delle sue sculture da incubo. Questa è, in verità, solo una parte di un quadro ben più complesso che parte da lontano. Un patto fondato nel dopoguerra per garantire prosperità. Cinque famiglie, in cinque frazioni diverse dell'Appennino, giovani vite in cambio di un futuro più saldo. «Uno per generazione, perché il patto si trasmette e si eredita. Una vita per la vita di tutti. Bisogna prenderli giovani, quando hanno tutta la vita davanti, il potenziale integro.» Inseguire la vita di Filippo si trasforma in una discesa all'inferno. Ma ciò che appartiene alla notte, appartiene alla notte, le illusioni durano un istante e quando se ne vanno non sono mai esistite. Come i sogni, i miraggi, i miracoli, i demoni.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
A chi appartiene la notte 2018-04-12 08:06:04 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    12 Aprile, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La notte oscura

Patrick Fogli, bolognese, dopo aver scritto Io non voglio il silenzio e Io sono Alfa, torna a stupire i suoi lettori con A chi appartiene la notte. Un libro intriso di mistero, buio, profondo, dove

“ciò che appartiene alla notte, appartiene alla notte, le illusioni durano un istante e quando se ne vanno non sono mai esistite. Come i sogni, i miraggi, i miracoli, gli incubi, i demoni.”

Il nemico è il Male che serpeggia, strisciando, per tutto il testo. Ma è un nemico che non si conosce, è indefinito, attrae e respinge, colpisce senza struttura e pianificazione semina paura e terrore ovunque. E’ una storia che collega Storia, le storie, e il Territorio, perché:

“Le storie vanno raccontate fino in fondo. (…) Ogni storia inventata contiene una storia vera. Tutte, senza eccezioni. Ogni amore, ogni personaggio, tutte le descrizioni e i luoghi inventati, nascondono un frammento piccolo o grande di un equivalente reale. Chi scrive lo sa, lo sa anche chi legge. “.

E la storia qui è quella di Filippo, giovane introverso, taciturno, che un giorno viene trovato morto ai piedi de “La Pietra”. La Pietra è un luogo speciale, è

“una scogliera di terraferma alta trecento metri, (…) al centro il riflesso del sole, in un lato del parcheggio. Formiche indaffarate, nel presepe sterminato in cui l’altezza trasforma il mondo. C’è un alone di umidità, una nuvola più bassa”.

Ma Filippo si è suicidato, è stato spinto giù? Qual è la verità? Cosa nascondeva la sua vita, all’apparenza così innocente e tranquilla?

“Filippo era un bravo ragazzo.(…) Filippo ha cambiato di colpo, quindi è successo qualcosa. Filippo amava i borghi abbandonati. (…) E se ha cercato, di sicuro ha trovato le stesse storie che ho sentito. Ognuna di quelle storie ha una spiegazione plausibile. E altrettanti buchi. Filippo non ha subito violenze di alcun genere. E’ morto per la caduta, il suo corpo non ha tracce di torture, sevizie, nulla di nulla.”

Ma … Sua madre Dorina, già così duramente provata dalla vita, chiede a Irene Fontana di aiutarla, per dare un senso alla tragedia. Irene è una ex giornalista, una donna che si è confrontata con le tante facce del potere, ed ha perso. Ora è sola, con i suoi incubi, con i suoi demoni. Vive e lavora alla Contessa,

“La Contessa siede sulla collina e ci protegge tutti. La Contessa è la casa di sua nonna. Due piani in sasso e una mansarda su di una pianta rettangolare enorme, in cima a una delle colline che spuntano come bernoccoli in quella parte di Appennino. “.

Lei tornata all’indietro in un passato variegato, scoperchia un vaso di Pandora: dalle feste allucinanti, dove chiunque può fare dell’altro ciò che vuole, senza limiti né regole, al fascino misterioso dei borghi abbandonati, alle sette mistiche, al un patto risalente al dopoguerra, una sorta di rito che attraverso il sacrificio di qualcuno, concede agiatezza agli altri…

La lettura di un thriller che avvince e convince, che coinvolge l’attenzione del lettore in un vortice frenetico. Una commistione di thriller, horror e noir per la ricerca costante di una verità a lungo agognata, che assume un caleidoscopio di toni e che non è mai intrinsecamente univoca.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha amato i precedenti libri di Patrick Fogli, come: Dovrei essere fumo, il tempo infranto, oppure L'ultima estate di innocenza.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il settimo peccato
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A bocce ferme
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto il falò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sbirre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Le sorelle Donguri
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il purgatorio dell'angelo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Corpus Christi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni respiro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ospite
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Anatomia di uno scandalo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni coincidenza ha un'anima
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Del resto e di me stesso
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri