Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Assassinio a Villa Borghese
 

Assassinio a Villa Borghese Assassinio a Villa Borghese

Assassinio a Villa Borghese

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Walter Veltroni esordisce nel giallo con un romanzo brillante e pieno di suspense che è anche una lettera d’amore alla Capitale e al più bello dei suoi parchi. Villa Borghese – un enorme parco nel centro di Roma, grande più della Città del Vaticano e poco meno del principato di Monaco – è un luogo meraviglioso. Ci sono musei, teatri, la Casa del Cinema, ludoteche, chiese. E poi le mille piante, i corsi d’acqua e le tante specie animali ospitate al Bioparco. Un’isola di verde incantevole. Affascinante, colta, misteriosa. Il sindaco, malato d’amore per la Villa, muovendo mari e monti riesce a far aprire un commissariato al suo interno. Per la gestione del nuovo ufficio, i vertici della polizia decidono di radunare un gruppo di soggetti che altrove non hanno certo brillato. Come i magnifici sette, ma al contrario. A guidarli viene chiamato Giovanni Buonvino, ispettore superiore che, quindici anni prima, è stato condannato alle retrovie da un bruciante errore. «Occhio ai palloni Super Santos» ironizzano i colleghi, «possono contenere esplosivo.» Pochi giorni dopo l’inaugurazione del commissariato, però, il pacifico tran tran viene interrotto dalla scoperta di un cadavere orrendamente straziato. Da quel momento a Villa Borghese – insanguinata da una lunga scia di morte – nulla sarà più lo stesso.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Assassinio a Villa Borghese 2020-06-05 21:56:40 Bruno Izzo
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    05 Giugno, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Touring club

Sono un grande ammiratore di Walter Veltroni: del politico, dell’uomo, del regista e dello scrittore.
Tra l’altro, ho avuto modo di conoscerlo personalmente, di incontrarlo in varie occasioni, in vesti e funzioni differenti: sempre però, in tutte le circostanze, ho avuto modo di costatare di persona che mantiene intatte, ovunque e sotto ogni funzione, le sue caratteristiche di persona intelligente, tranquilla, tollerante.
Un uomo di pace e di concordia, cresciuto con certi valori ben precisi, e a quelli è sempre rimasto fedele, un uomo coerente come pochi, veramente una brava persona, un gentiluomo, educato, rispettoso dell’altro, mai prevaricante, una persona perbene.
Come soggetto politico, ho apprezzato i suoi modi semplici, cordiali, pragmatici, alla continua ricerca di condivisione, di ciò che unisce e non di quanto divide, mirato al bene comune.
Umanamente parlando, possiede con evidenza una notevole sensibilità, un’empatia istintiva per il prossimo, perciò sa instaurare rapidamente un civile dialogo con chiunque.
È persona portata alla riflessione, un intellettuale con poliedrici interessi, ama da sempre, spassionatamente, il cinema, si è cimentato con fortuna con quanto sa fare meglio, i documentari, ritratti di cose, persone e realtà sociali visti in presa diretta, e di cui ha curato magistralmente la regia. Mi hanno enormemente colpito i suoi lavori come “I bambini sanno”, “Gli occhi cambiano”, “Indizi di felicità”, “Tutto davanti a questi occhi”.
Veri e proprie testimonianze della realtà sociale e umana del nostro Paese, con riguardo per quelli che si mostrano senza riserve più spontanei e genuini davanti alla macchina da presa.
Veltroni fa parlare visibilmente, senza artifizi, i fatti sociali, quelli che in ogni luogo d’Italia si succedono sempre uguali, anche se appaiono tutti diversi.
Non solo, l’occhio della telecamera segue i diretti, reali protagonisti del costume italiano, e senza costrizione neanche occulta, li fa parlare a ruota libera, così che essi rivelano spontaneamente se stessi, come sono cambiati e cosa sono diventate le persone e le tradizioni nel nostro paese.
Documentando gioie, dolori, problemi, sacrifici, allegria, pianti sorrisi, da una parte all’altra del Paese. Con una incursione anche nel tragico, riportando per esempio la diretta testimonianza di un sopravissuto ai campi di concentramento.
Non ultimo, Walter Veltroni è anche scrittore.
Ha una curiosità intellettuale, e un debole per la Storia, convinto che le azioni degli uomini determinano i fatti storici, e questi a loro volta innescano altre azioni, talora conflittuali, tal altra uguali e contrari, a volte tragici, altri lieti, costituendo il cerchio della vita, quel gran libro dell’esistenza da cui ha tratto spunti. Ha scritto libri per raccontare fatti che lo hanno colpito, ne ha fatto romanzi, secondo il suo estro artistico: ho apprezzato così alcuni piccoli gioielli frutto della sua penna, come “Noi!, “L’inizio del buio”, “Ciao”, “Quando”, ho seguito con interesse e partecipazione anche quel saggio intenso e delicato che è “Odiare l’odio”.
Perciò, potevo mai non leggere la sua incursione in un genere tanto gettonato quanto il giallo?
Perché il suo: “Assassinio a Villa Borghese” questo è, un giallo, un intrigo, un thriller che racconta di misteriosi omicidi e di poliziotti che indagano infaticabili con acume e intelligenza per risolvere il mistero e assicurare alla giustizia l’assassino.
Un classico, quindi, e niente di strano, l’autore si è adeguato ai tempi, basta pensare alla fortuna che arride negli ultimi anni al genere e ai suoi autori che vanno per la maggiore, Camilleri, De Giovanni, Manzini, Malvaldi, anche ex magistrati come Carofiglio, finanche un fine intellettuale come Umberto Eco scelse il genere per il suo esordio nella narrativa con “Il nome della Rosa” .
Walter Veltroni immagina in questo libro la costituzione di un commissariato di polizia all’interno del più grande parco pubblico della città, il polmone verde di Roma, il Central park italiano, Villa Borghese. Un parco immenso nel centro di Roma, più grande di Città del Vaticano e di poco più piccolo del principato di Monaco. Ci sono musei, teatri, la Casa del Cinema, ludoteche, chiese, migliaia di piante, corsi d’acqua e le svariate specie animali ospitate al Bio-Parco.
Trattandosi di un posto di polizia tranquillo, anche monotono, dove il massimo che può accadere è un bambino che, intento ai suoi giochi, finisce per sperdersi, non è molto ambito, per cui a esso è destinato una mal assortita combriccola di poliziotti in disgrazia, se non proprio inetti, elementi raccogliticci dei vari distretti di polizia della Capitale.
In un certo senso le riserve, per non dire gli scarti, quelli che nessuno vuole in organico nella propria squadra o commissariato, destinati quindi a vivacchiare, possibilmente senza fare danni, sono letteralmente un eterogeneo gruppo di soggetti “sfigati”. A guidarli è chiamato Giovanni Buonvino, ispettore superiore che, quindici anni prima, è stato condannato alle retrovie da un bruciante errore. Pochi giorni dopo l’inaugurazione del commissariato, però, manco a farlo apposta, accade un fatto inaudito, si trova un cadavere, per di più anche orrendamente straziato.
Ne seguirà, con alterne vicissitudini, un’indagine che riabiliterà il commissario, il commissariato e la sua squadra restituendo a tutti loro onore e prestigio, venendo a capo del macabro mistero.
La costituzione originaria di tale malridotto posto di polizia richiama subito alla mente analoga organizzazione di forze con cui sono stati creati i “Bastardi di Pizzofalcone”, l’abile squadra investigativa di Napoli creata da Maurizio de Giovanni.
Solo che, ci spiace dirlo, Walter Veltroni non è De Giovanni, direi di più, non è un autore di gialli.
Credo che Veltroni si sia cimentato nel genere quasi per sbaglio, non è cosa sua, francamente.
La storia, e il mistero attorno a cui dovrebbe ruotare, è bislacca, non sta in piedi, manca di sostanza, anche i personaggi sono appena tracciati, poco delineati nelle loro caratteristiche, pur avendo più di un particolare che si presta allo scopo.
Intendiamoci Veltroni è una buona penna. È la storia, non chi la racconta.
Non è nelle sue corde; può essere anche una lettura distensiva, anche divertente, e istruttiva per chi non conosce Roma, e tutti i gioielli contenuti a villa Borghese.
Diciamo che Veltroni ci ha messo tutto il suo amore per la sua città, descrivendo uno scorcio tra i più belli della Capitale, e infatti ci parla, e li descrive mirabilmente, di posti come la Casina Veladier, il Parco dei Daini, la Casina delle Rose, la Casa del Cinema, i luoghi dove Ettore Scola girò il suo capolavoro “C’eravamo tanto amati”, con il famoso ristorante mezza porzione, la Casina dell'Orologio, la Meridiana, il Giardino del Lago, insomma ci fa fare un giro turistico meglio di una guida del touring, ci parla dei suoi miti ed eroi come Dario Argento, Dalla, De Andrè, Nick Novecento…ecco, questo sì.
Ma come giallo, questo libro non funziona. Non è cosa sua, non va bene per Walter Veltroni, non è nelle sue corde, e capacità, che pure sono notevoli. Come dire…a ciascuno il suo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Walter Veltroni, come scrittore e come regista di documentari, a prescindere.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri