Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Delitto al Festival di Sanremo
 

Delitto al Festival di Sanremo Delitto al Festival di Sanremo

Delitto al Festival di Sanremo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Sono le cinque di una domenica mattina. Il vicequestore di Sanremo Francesco Orengo è nel suo alloggio di servizio, in pieno riposo dopo un’intensa giornata lavorativa. Di colpo viene svegliato dal suo primo collaboratore, l’ispettore capo Dario Canevari: hanno trovato un cadavere nella toilette del teatro Ariston. L’omicidio è avvenuto poche ore prima, al termine della serata finale del Festival della Canzone Italiana presentata da Amadeus, con la partecipazione di Fiorello. Uno choc terribile per Sanremo: la capitale italiana della musica e del turismo, la città della Liguria più famosa in tutto il mondo. Per il commissario Orengo, tornato nel suo ponente ligure da poche settimane, dopo parecchi anni di esilio volontario tra la Lombardia e il Piemonte, è l’inizio di un turbine infernale. Al suo fianco, la squadra investigativa lavora a ritmo convulso, tra documenti raccolti, ricostruzioni del passato della vittima, un noto imprenditore nel settore delle calzature in provincia di Caserta, nonostante intoppi e boicottaggi, e numerosi risvolti nascosti che si agitano attorno a Sanremo e alla kermesse festivaliera. Ben presto, Orengo dovrà pure fare i conti con il suo difficile passato e un nemico che agisce per metterlo costantemente in difficoltà. Nel frattempo il giovane commissario ritroverà le sue radici nel paese nativo, il suggestivo borgo medievale di Castel Vittorio, nell’estremo entroterra della Val Nervia, suggellate dal ritrovato incontro con la bella ristoratrice Martina Rebaudo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Delitto al Festival di Sanremo 2021-03-14 13:59:59 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    14 Marzo, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Miseria umana e canzonette

Achille Maccapani inizia un nuovo ciclo di libri con protagonista una nuova figura letteraria : il commissario Francesco Orengo. Il primo dei quali si intitola Delitto al festival di Sanremo.
Come si evince dallo stesso titolo un fatto anomalo avviene proprio all’interno del teatro Ariston di Sanremo durante la serata del festival: un uomo, Anton Giulio, viene trovato morto nei bagni. Chi ha potuto commettere un tale atto? Con sprezzo del pericolo e di venire scoperti dalle imponenti misure di sicurezza, l’assassino compie il suo lavoro con freddezza e determinazione. Ma chi era l’uomo ucciso? Sicuramente un uomo metodico, amante del festival e della musica, pertanto abbastanza prevedibile. Forse nel passato della vittima a Caserta, da cui proveniva, c’è qualcosa di oscuro, da tenere nascosto? Inoltre quali sono i motivi che lo hanno condotto a spostare la sua attività di calzaturificio da Caserta in Liguria? Tutto è oscuro e misterioso.
Ad indagare Francesco Orengo, vicequestore, appena giunto in Liguria dopo un lungo esilio, scelto da lui stesso. All’apparenza è:
“Giovane sbirro un po’ più alto di lei, capelli castani, occhi verdi , fisico slanciato e ben curato, pelle chiara. E un sorriso smisurato. “
Il vicequestore rifletterà a lungo sull’indagine , tornando nei suoi luoghi di origine, con affetto e malinconia:
“E si ritrova nel territorio di Castè, il luogo delle sue radici, di ciò che gli è rimasto, da quando i suoi genitori sono mancati pochi anni prima, mentre lavorava presso la Questura di Torino. Alle prese con le piccole e grandi battaglie di ogni giorno. (…) quel borgo arroccato sulla collina che da vicino appare ancora più affascinante, inaccessibile e incontaminato nel suo vissuto rurale.”
Un giallo avvincente, ambientato in una Liguria di ponente con i suoi misteri e le sue zone d’ombra. Caratterizzato da una prosa lineare, fresca e precisa, il romanzo è ben congegnato ed elaborato. L’ambientazione è descritta con toni di ricerca e di precisione, i personaggi, ben caratterizzati, conquistano il lettore più esigente per le loro caratterizzazioni vivide e decise. Una lettura classica per gli amanti di genere, ricca di fascino e di mistero, contrapposta alle miserie umane di una società corrotta ed ambigua.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri