Fantasmi del passato Fantasmi del passato

Fantasmi del passato

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Firenze, dicembre 1967. Il commissario Bordelli è appesantito dai rimorsi di una faccenda non lontana nel tempo e dal desiderio struggente di una donna che ha perduto. Il ricordo di sua madre, scomparsa ormai da diversi anni, lo avvolge di dolce malinconia. Nel freddo di dicembre, in una villa sulle colline, un uomo molto ricco e benvoluto da tutti viene ucciso con un fioretto, e l’assassino non lascia nessuna traccia. Alle prese con questo difficile caso, Bordelli cercherà di scovare un minimo indizio che possa metterlo sulla buona strada per inchiodare il colpevole, ma nel frattempo si troverà a vivere situazioni del tutto inaspettate.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.2
Stile 
 
3.8  (4)
Contenuto 
 
3.0  (4)
Piacevolezza 
 
3.0  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Fantasmi del passato 2018-11-03 17:50:02 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    03 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ieri, oggi.

È il 1967 a Firenze. L’alluvione è passata da oltre un anno eppure quella riga nera di nafta sui palazzi ne rende indelebile il ricordo. La vita ha ricominciato a scorrere regolare, anche Bordelli è tornato nella sua questura ed è chiamato ad indagare su un nuovo caso di omicidio essendo stato rinvenuto in una villa sulle colline toscane il corpo privo di vita di un uomo ucciso con un fioretto. Le indagini faticano a decollare, l’omicida non ha lasciato traccia alcuna del suo passaggio e del suo operato, Franco è sovraccaricato dai rimorsi per quel che ha fatto e per quel che è capitato ad Eleonora e ancora il ricordo di sua madre, scomparsa da molti anni oramai, accentua la sua già acuita malinconia.
In questo nuovo capitolo delle avventure del Commissario ispirato a un personaggio realmente esistito, Marco Vichi pone il suo protagonista e il lettore in una profonda ambivalenza. Perché, infatti, se da un lato chi legge è spronato a conoscere l’identità dell’assassino, dall’altro, è coinvolto in questi ricordi e in questi fantasmi che ben si uniscono e fondano con la trama principale finendo addirittura col sovvertirla, ovvero con finendo l’assumere le caratteristiche del filone conduttivo dell’intero scritto. Non stupisce quindi che il Bordelli/lettore sia costretto a confrontarsi con quel che è stato, con un passato che torna a farsi presente con tutta la sua forza disarmante.
Il tutto avviene con lo stile narrativo e con l’impostazione solita a cui lo scrittore ci ha abituato. Pertanto, se cercate un giallo potreste restare delusi da questa serie perché il toscano narratore delinea quelli che sono casi concreti senza tanti colpi di scena, senza tanti intrighi o fronzoli e con trame molto lineari (come nella realtà accade) ma lascia anche molto spazio all’aspetto umano e introspettivo dei suoi personaggi cosa che se mixata con il fatto che in questo particolare capitolo delle vicende, il passato è veramente molto presente, potrebbe annoiare, rendere la lettura più farraginosa. Personalmente, l’ho apprezzato proprio per questa sua atipicità e proprio per quella genuinità e semplicità e per quelle riflessioni e quei valori oggi perduti che in questa serie non mancano mai di essere ricordati.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Fantasmi del passato 2017-11-25 10:37:16 Lia
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Lia    25 Novembre, 2017

Bello

Sono una lettrice di gialli, adoro Agatha Christie, Maigret, Joe Nesbo. Sono una lettrice di romanzi, adoro Zola, Verga, qualche romanzo di Ken Follet; mi piacciono I promessi sposi, La casa degli spiriti, Lessico familiare, Via col vento e La buona terra.
E mi è molto piaciuto Fantasmi del passato che non è né giallo né romanzo ma un po’ di tutti e due o forse, meglio, un tuffo nella vita di un fiorentino di mezza età di fine anni sessanta che ti fa respirare tante atmosfere diverse. La suspence riesce a permeare tutto il romanzo dove però a mio parere i sapori più graditi e forti sono quelli dell’amicizia, dell’ospitalità, della fragilità di essere giovani anziani. Mi piace il sapore del bosco, del fuoco del caminetto, del bicchiere di vino apprezzati accanto a persone che contano. Consiglio questo libro a chi non è in cerca di atmosfere da film americano o romanzo alla Lee Child o alla Agatha Christie ma piuttosto a chi apprezza l’immersione nella vecchia Firenze, nella campagna toscana e nei romanzi di suspence. Bello l’intreccio col colonnello Arcieri, che non conoscevo e che è stato preso in prestito dallo scrittore Gori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Morte a Firenze
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Fantasmi del passato 2015-05-18 10:33:23 Pelizzari
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    18 Mag, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Viaggio nei ricordi

D’accordo che già dal titolo ti aspetti qualcosa di evocativo, di nostalgico. D’accordo che conoscendo piano piano il personaggio del commissario Bordelli, ti rendi conto che ci sono cose che non riesce a dimenticare. D’accordo che ti accorgi che tanto di questo libro si appresta ad essere un viaggio nei ricordi. D’accordo che l’autore non ama essere definito un giallista, ma preferisce essere uno scrittore a 360°. Però il libro è veramente infarcito di talmente tanti riferimenti nostalgici ad Eleonora ed alla madre, al punto da essere eccessivi e dal mio punto di vista dannosi alla struttura del libro stessa. La figura della madre ed i riferimenti alle sue poesie, che sono anche un importante elemento autobiografico dell’autore, chiudono quasi ogni capitolo e rallentano moltissimo, fin troppo il ritmo della storia, ti restituiscono l’immagine di un uomo che non riesce ad andare avanti nella propria vita, rimanendo troppo ancorato al passato. Forse è un effetto voluto dall’autore, fatto sta che questi numerosi riferimenti nostalgici alla madre, pieni di dolcezza e di affetto, distolgono l’attenzione dalla risoluzione del giallo, che, di per sé, risulta una storia fragile. Il punto di forza del romanzo è veramente tutto il contorno: tutti i particolari dell’ambientazione fiorentina, i ricordi, i riferimenti all’alluvione, i personaggi minori, come il colonnello Arcieri, i dialoghi del protagonista con se stesso. Alla fine ti rendi conto che lo scoprire chi è l’assassino è l’ultimo dei tuoi pensieri.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Fantasmi del passato 2014-11-28 15:46:54 violetta89
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
violetta89 Opinione inserita da violetta89    28 Novembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Stavolta non ci siamo...

Ho letto vari libri di Vichi con protagonista il commissario Bordelli e li ho sempre apprezzati, ma stavolta non ci siamo proprio, ho durato fatica ad arrivare in fondo, ed alla fine ce l'ho fatta solo perché ho saltato varie pagine (sì, lo ammetto ma non ne potevo più!).
La trama del giallo è veramente insulsa, non sa proprio di niente, avevo capito chi fosse l'assassino sin da subito, non perché io sia un genio, ma perché è veramente banale e non si capisce perché invece lui non ci arrivi, mah.
Oltre a questo ciò che ha contribuito a rendere il libero veramente NOIOSO è il fatto che ogni volta che va/torna da lavoro, per non parlare di ogni sera a cena con l'amico, finisca a ripercorrere il suo passato: la guerra, la madre, le donne, ecc. Va bene che il libro si chiama "fantasmi del passato", però può essere una cosa carina e interessante da leggere 4-5 volte in tutto il libro ma non ogni singolo capitolo, a quel punto diventa insopportabile. Per concludere mi è rimasto veramente indigesto questo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli squali
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andiamo a vedere il giorno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Crooner
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vincoli. Alle origini di Holt
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordi dormienti
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nemici. Una storia d'amore
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Finché morte non sopraggiunga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'angelo di vetro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri