Gotico rurale Gotico rurale

Gotico rurale

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Ma che è successo a Eraldo Baldini? Prima faceva soltanto paura, ora fa anche ridere. In effetti tra i registri dell'horror, del noir e del giallo - tutti riassunti assieme ad altro in quella geniale intuizione del "gotico rurale" - c'è sempre stata una vena di umorismo, nero, sulfureo e grottesco. Eraldo ci aveva già dato esempi di ironia e anche comicità, ed è un mae stro nel suonare e fondere assieme tutti i registri narrativi, per cui in questi racconti, assieme a punte di malinconia e vette di orrore, c'è un umorismo a cui brividi di tensione e di sgomento non impediscono di diventare sfrenato. Ma non lasciatevi ingannare. Anche se adesso fa anche ridere, Eraldo Baldini continua a fare paura». Carlo Lucarelli

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Gotico rurale 2014-07-15 15:23:50 Donnie*Darko
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    15 Luglio, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Orrori dal mondo contadino

Ottima questa raccolta di racconti in cui Eraldo Baldini, come sua abitudine, riesce a fondere il meglio delle più inquietanti tradizioni agresti con una realtà immota ed atavica, associabile all'apparente quieto vivere di piccoli paesini di campagna, di minuscole comunità dimenticate dai più.
Qui l'orrore prende vita: antiche leggende, superstizioni, piccole e grandi crudeltà prettamente umane, oltre che una strenua chiusura verso chi quel microcosmo non può comprenderlo -rischiando tra l'altro di comprometterlo- stanno alla base dei brevi scritti.
E' un po' come ascoltare vecchie storie di paura per bocca di qualche parente o conoscente anziano avvezzo alla vita di campagna, novelle alle quali non crede nessuno eppure hanno uno strano potere perturbante. Il tutto magari la sera durante l'infuriare di un temporale, seduti davanti a una camino: ecco l'apprensione montare, nonostante la compagnia rassicurante e il luogo accogliente. Allo stesso modo le parole dell'autore scavano nell'inconscio facendo affiorare paure sconosciute, facendo cozzare al meglio la bellezza di quei panorami incontaminati con qualcosa di estremamente pericoloso strisciante sotto la radiosa superficie.
Baldini è antropologo oltre che romanziere, conosce bene la gente e il folklore dei luoghi presentati, è nato in quella zona a cavallo tra il mare della Romagna e la pianura padana, qui immerge i protagonisti in incubi ancestrali utilizzando argomenti a lui cari: ci sono l'incapacità di comprendersi di due mondi separati solo da pochi chilometri, la crudeltà infantile e l'ingiustizia nei confronti del "diverso", l'amore negato. Sono i misteri di zone un po' magiche e al tempo stesso rese difficilmente addomesticabili per via di una natura rigogliosa, depositaria di non detti che è meglio restino tali.
Interessante notare il legame tra la terra e la mitologia rurale: troviamo La Borda (già presente in "Mal'aria") ma anche altre presenze come La Vecchia nel Pozzo o il Gorgo nero, tutte strettamente legate al lavoro nei campi, capaci di influenzare in negativo la mente degli uomini raggiungendone il lato più oscuro.
Lo stile di scrittura asciutto e preciso fa la differenza, regalando compattezza ad un tema variato su più fronti (non manca un racconto piuttosto divertente).

Ne esistono due edizioni: la prima contiene dodici episodi, la seconda diciotto, entrambe vedono la postfazione di Francesco Guccini.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri