I cariolanti I cariolanti

I cariolanti

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Campagna toscana, 1918. Per non partire soldato nella Prima guerra mondiale, un uomo nasconde suo figlio di nove anni e sua moglie in un buco scavato nel bosco. Lì dentro la famiglia passa quasi tutto il tempo, il padre esce solo per prendere l'acqua e per cacciare, ma a volte il cibo non si trova e allora bisogna affondare le dita nella terra umida per vedere se salta fuori un baco o una radice da masticare, oppure rassegnarsi a mangiare carne umana. Inizia così l'avventura di Bastiano, che cerca di riscattare la sua vita solitaria e animalesca innamorandosi di Sara, la figlia del padrone per cui va a lavorare come aiutante stalliere. Ma il fango quasi mai incontra la luce, e allora finirà per sporcarsi totalmente, uccidere colpevoli e innocenti, scappare, trasformarsi in un animale da preda, perdersi, per poi ritrovarsi anni dopo in quella tana in mezzo al bosco, la sua vera casa.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.0  (4)
Contenuto 
 
4.5  (4)
Piacevolezza 
 
4.0  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I cariolanti 2020-03-16 16:57:54 ferrucciodemagistris
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ferrucciodemagistris Opinione inserita da ferrucciodemagistris    16 Marzo, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La fame che annebbia la mente

Chi sono i “cariolanti”?; secondo la definizione presente nel romanzo tale sostantivo è, in sintesi, indirizzato a persone scavate fino all'osso, con le braccia lunghe e secche, i capelli appiccicati alla faccia, che vagano strascicando le gambe in maniera distratta ma pronti a mangiare qualsiasi cosa che incontrano. Insomma persone o meglio personaggi tra l'horror e il fantastico facilmente mescolabili a realtà nascoste che si insinuano nelle menti lesionate dai fardelli della miseria e, principalmente, della fame.

E' proprio la “Fame”, con la F maiuscola, la cornice che contorna una trama cruda, con situazioni al limite della ragione ma anche al di là dell'umanità, dove i più rivoltanti pensieri della nostra anima vengono a galla in circostanze sconvolgenti, devastanti, dove l'istinto prevale in maniera feroce, massacrante senza freni inibitori.

Un protagonista, tra altri coprotagonisti minori, è Bastiano: nato in una famiglia a dir poco strana, bislacca, i cui genitori lo costringono a vivere, fin dalla prima guerra mondiale, in un ambiente malsano, lurido, una buca nascosta in un bosco dove la bestialità si eleva in una spirale attonita, sferzante che si prende gioco della razionalità.

La narrazione si esplica in tredici istantanee temporali dalla fine della prima guerra mondiale, quando Bastiano ha solo nove anni, fino alla sua età adulta di oltre i 50 anni, in accadimenti caratterizzati dalla crudeltà, l'irragionevolezza, la perdita dei valori umani e di civiltà; gli episodi narrativi si susseguono in modo galoppante e atroce, e non c'è scampo nell'insana evoluzione del percorso di vita del protagonista.

Un romanzo duro, non facilmente accettabile, che mette in luce tutto ciò che l'essere umano, quando privato dei bisogni primari, è capace e anche costretto, forse, a fare per non soccombere. Prevale l'istinto di sopravvivenza allo stesso livello dell'animale randagio o selvatico che agisce per la propria autoconservazione.
 
 
 

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
I cariolanti 2017-10-12 10:39:11 Antonella76
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    12 Ottobre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fame, fame, sempre fame...



Sapete chi sono i "cariolanti"?
Avete sempre mangiato tutto quello che c'era nel piatto da bambini?
Bastiano sa bene che deve farlo, altrimenti...arrivano loro, con le braccia secche e lunghe fino alle ginocchia, il carretto sgangherato con il lenzuolo tutto sporco da cui spuntano due piccoli piedini...e lo portano via.
I cariolanti hanno sempre fame, sempre.

Attenzione, questo non è un horror, non è un thriller, assolutamente...
Questo è solo un romanzo feroce il cui protagonista ti uccide con la sua brutalità e ti commuove per l'ingenuità.
Un romanzo che, quando lo chiudi, ti ritrovi con le mani sporche di terra, i vestiti luridi che puzzano di marcio, le orecchie piene dei latrati dei cani e un sapore dolcemente metallico in bocca...
Un romanzo circolare che nasce e muore in un buco, sottoterra.

Questa è la storia di Bastiano, nato di traverso e cresciuto nella profondità della terra, in un buco scavato nel bosco, nella miseria, con un burrone nella pancia e una fame appiccicata addosso da sempre.
Quella fame nera che non ti dà pace, che te la sogni di notte, che ti fa mangiare anche un pezzettino della mamma...
Fame, fame, sempre fame...che è anche fame d'amore, di vita, di libertà.
Una vita da bestia, nel senso letterale della parola...dove bestiale diventa la necessità di sopravvivere, a discapito di tutto e tutti.
Bastiano lavora, si spacca la schiena, ama, odia, paga colpe non sue, fa la guerra, patisce, ferisce, uccide, mangia per non essere mangiato.
Bastiano è come un animale, gli è stata sottratta la possibilità di relazionarsi col prossimo, non sa gestire la rabbia, non sa uniformarsi, non conosce l'empatia, la compassione, non comprende gli uomini e non trova un posto nel mondo e nella società civile.
Vorrebbe l'amore, ma le donne che avvicina sono tutte destinate a soccombere sotto la ferocia dei suoi istinti animaleschi, lui è capace solo di un amore randagio, affamato anch'esso, che possa riempirgli la voragine che ha nella pancia.
Naspini ci presenta un "mostro"...che è tale non per nascita, né per scelta, ma per necessità.
Una cattiveria inconsapevole nata dalla privazione, cresciuta nella disperazione e destinata a morire nella solitudine.

Straordinario.
Sacha Naspini è, nel panorama della letteratura italiana, una voce strepitosa.
La scrittura è viscerale, cruda, ma anche naif.
Mi è sembrato di leggere un giovane Holden deformato da una vita molto, molto, molto, ma molto più "schifa" di quella che è toccata a lui.
Sincera e "sgrammaticata", innocente nella sua ferocia.
Un libro forte per stomaci forti, di una bellezza agghiacciante.

Non mi è piaciuto moltissimo, di più!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
I cariolanti 2015-01-09 12:57:52 Donnie*Darko
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    09 Gennaio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nato di traverso

Tredici capitoli, tredici istantanee da brivido per l'animalesca vita di Bastiano.
A nove anni rinchiuso in una buca nel terreno assieme ai genitori, nascosto affinchè il padre eviti di partire soldato. Costretto ad alimentarsi con ciò che capita: larve, radici, qualche bestiola, anche con una fettina di mammà all'occorrenza. Forzato ad ingurgitare di tutto, altrimenti arrivano i cariolanti, esseri deformi divoratori di bimbi inappetenti o schizzinosi.
Usciti dal nascondiglio i tre imboscati assumono Cariolante come nuovo cognome di famiglia.
Una stimmate inequivocabile, emblema di un'esistenza che si rivelerà tanto avventurosa quanto disgraziata, in cui il nostro sopravviverà come un animale selvatico guidato unicamente dall'istinto di sopravvivenza, incapace di gestire le più elementari emozioni, orientato a gettare via il surplus e a tenere solo ciò che l'impulso gli suggerisce.
Bastiano è lo strano per eccellenza, il tocco, lo scemo del villaggio; però non è mansueto, è sospettoso, schivo, per necessità o difesa è pronto ad uccidere senza rimorso alcuno.
Non ha amici, gli uomini lo emarginano e lui non li comprende, ancora meno quando parte per la guerra, dove finirà prima disertore in terra ellenica poi stipato in un campo di concentramento nazista dove mostrerà tutta l'insensibilità verso i suoi simili.
Il protagonista si racconta quasi sempre in prima persona: Sacha Naspini utilizza un linguaggio semplice, in cui si percepisce l'odore della campagna, dei boschi, di un mondo agreste all'interno del quale l'antica saggezza contadina si fonde con le aspre leggi della natura; Bastiano è mosso da una furbizia efficacemente primitiva, tanto da ingraziarsi la devozione di un ferocissimo branco di cani randagi capaci di aggredire e straziare parecchie persone, improvvide nell'avventurarsi nel regno incontrastato del protagonista.
Dalla natura gli giungono gli insegnamenti per sopportare gli stenti e le privazioni della guerra e della prigione, non la scaltrezza del confondersi, uniformarsi, amalgamarsi con la società, nonostante eserciti un certo fascino sulle donne regolarmente rovinate dalla sua vicinanza malsana.
Naspini definisce con durezza la brutalità di un mostro che è diventato tale per esigenza e non per scelta o deviazione, un romanzo che si chiude in maniera circolare facendo combaciare partenza e arrivo.
Del resto il posto per uno nato "di traverso" è lontano dagli uomini, a contatto con la terra e con il buio, all' interno dei quali strisciare in attesa di nuove prede.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
290
Segnala questa recensione ad un moderatore
I cariolanti 2010-11-22 09:18:29 gracy
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
gracy Opinione inserita da gracy    22 Novembre, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

...la fame arriva sempre un pelo prima...

Bastiano ha gli occhi verdi, Bastiano è bello, Bastiano ha fame, Bastiano mangia poco, Bastiano non mangia perchè non c'è cibo, Bastiano cresce, Bastiano si spacca la schiena, Bastiano ama, Bastiano uccide, Bastiano fa la guerra, Bastiano prega la sua mamma, Bastiano prega il suo papà, Bastiano è triste, Bastiano non ride mai, Bastiano odia, Bastiano fa i conti con l'istinto e con la ragione....lui è un cariolante, Bastiano invecchia ed è felice perchè è come ritornare bambini, ha paura dell'orco che mangia i bambini, sa di essere nato di traverso ed alla fine questa è una consolazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
42
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita alla finestra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri