Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror I sette peccati capitali e le sette virtù capitali
 

I sette peccati capitali e le sette virtù capitali I sette peccati capitali e le sette virtù capitali

I sette peccati capitali e le sette virtù capitali

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Questa è la versione «alla Scerbanenco» della Divina commedia, un viaggio dall'inferno dei vizi al paradiso delle virtù (con qualche deviazione e imprevisto). In 14 quadri, troviamo il bene e il male, e personaggi memorabili che parola dopo parola, gesto dopo gesto, sembrano balzare fuori dalla pagina per diventare creature vive. Siamo testimoni di delitti efferati ma ci colpiscono anche i sentimenti più generosi e toccanti. Manca però il purgatorio: per Scerbanenco, magistrale e spietato radiografo del crimine, esistono solo il bene e il male, che accendono narrative perfette, che agganciano il lettore dall'inizio e lo travolgono con una irresistibile sequenza di emozioni, adrenalina e sorprese.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
1.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I sette peccati capitali e le sette virtù capitali 2012-01-13 07:36:30 Pelizzari
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    13 Gennaio, 2012
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il nero e il bianco

Il libro è una raccolta di racconti, aventi ciascuno, come titolo, o un peccato o una virtù capitale. L'idea è molto bella, una sorta di mini Divina Commedia (anche se il paragone è una vera eresia!) con un'ambientazione molto milanese. Le strutture dei racconti sono particolari, così come i personaggi, con le loro ferite e i loro sogni, le loro debolezze e le loro qualità, le loro passioni e i loro segreti. Quello che proprio non mi è piaciuto e che mi porta a dare un giudizio negativo, è lo stile, che ho trovato freddo. Fa correre troppo il lettore, non fa entrare in simbiosi con i personaggi, non fa essere partecipi, non crea empatia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri