Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Il cimitero dei cuori battenti
 

Il cimitero dei cuori battenti Il cimitero dei cuori battenti

Il cimitero dei cuori battenti

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di Il cimitero dei cuori battenti, opera di Gianni Vullo edita da Cantelli. Siamo a Ricàsola, un paesino immaginario di una Sicilia simpaticamente provincialotta che ironizza su se stessa e sulle sue abitudini convenzionali. Il giorno di Santo Stefano, viene rinvenuta cadavere la novantenne baronessa Mariannina Gallo del Bosco. La trovano nel suo letto, come se la morte l’avesse colta nel sonno, tant’è che anche i Carabinieri, nel loro rapporto, parlano di decesso naturale. Gli unici a non vederci chiaro in questa morte sono il pettegolo barbiere di Ricàsola Cantatutto ed il suo amico Totò Calandro, uno sfaccendato fotografo. Coinvolti loro malgrado nella vicenda, entrambi decidono di iniziare un’indagine casalinga che li porterà a scontrarsi in prima persona con morti violente e scomparse improvvise di persone apparentemente insospettabili. I due, scoprendosi detective acuti e caparbi, non possono immaginare la cruda e impietosa tragedia che si sta consumando in quello che fino ad allora era stato un tranquillo paesino siciliano. Un giallo, un noir che affronta una tematica drammaticamente attuale, che brucia per le sue implicazioni emotive.

Gianni Vullo è nato a Cleveland nel 1965, ma sin da bambino ha sempre vissuto a Modica. Nel 1997 vince il concorso giornalistico nazionale indetto dall’ENCI e patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole. Sempre nel 1997 è finalista del concorso letterario Città di Castellana-Grotte. Nel 2001 pubblica con Alveria Editrice la monografia sul Cane da Pastore Maremmano-Abruzzese. Il cimitero dei cuori battenti è il suo primo romanzo.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il cimitero dei cuori battenti 2012-01-26 12:23:26 graziellabusso
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
graziellabusso Opinione inserita da graziellabusso    26 Gennaio, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sullo scaffale “Il cimitero dei cuori battenti”

Intrigante, coinvolgente, appassionante l’opera prima dello scrittore Vullo, scritta in chiave semplice e scorrevole tale da agevolare la lettura fino ad arrivare, tutto d’un fiato, alla conclusione. Un fluire di parole che si districano tra le viuzze della misteriosa Ricasola snocciolando, pian piano, l’intrigo che avvolge tutti i personaggi ognuno per il proprio ruolo.
Preciso e meticoloso nella descrizione dei suoi personaggi, ci conduce per mano all’interno della Santo Spirito, la clinica fiore all’occhiello dei ricasolani, dove operano eccellenti medici. Tuttavia, a volte dietro le apparenze, crudeli realtà si alimentano della bontà e della fiducia che alcuni ripongono su altri.
Indiscussi protagonisti de “Il cimitero dei cuori battenti” il fotografo Totò Calandro e il barbiere Cantatutto, gli improvvisati investigatori che, con la maestria propria dei migliori professionisti, riescono a sbrogliare una matassa “inturciniata assai”, scriverebbe il Vullo, fino alla scoperta della triste verità.
E mentre Cantatutto parla al suo amico fotografo davanti ad un piatto d’alici, assorta ascoltatrice, stavo lì accomodata sul divano del simpatico barbiere ad osservare la scena.
Per quanto concerne lo stile, sono convinta che non vada paragonato a quello di alcuno. Ognuno si accosta alla scrittura come per richiamo gettando le parole sul foglio bianco d’istinto pensando solo alla propria storia, ignorando quasi il pacchetto finale. Il libro nasce da solo, con una forma e un linguaggio che sono propri, lo scrittore si preoccupa solo di trasmettere pensieri, emozioni. In breve, non ho avuto l’impressione di leggere pagine già vissute.
La scelta, poi, di intercalare alla lingua italiana battute e dialoghi in dialetto siciliano è propria di un uomo chiaramente innamorato della sua terra, orgoglioso di essere siciliano.
La conclusione, infine, lascia un po’ l’amaro in bocca. Troppo brusco il risveglio di Cantatutto: rimane la curiosità di proseguire la lettura per rivivere ancora fatti e personaggi che animano quel piccolo paesino ragusano.

Graziella Busso

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Un cuore tuo malgrado
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Rien ne va plus
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
Serotonina
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Missione Odessa
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Il tunnel
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco del suggeritore
Valutazione Utenti
 
3.3 (4)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
Il delitto di Agora. Una nuvola rossa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jesus' son
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (5)

Altri contenuti interessanti su QLibri