Il fuggiasco Il fuggiasco

Il fuggiasco

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Premiato da Carmen Covito, Laura Grimaldi, Rosaria Guacci, Marisa Rusconi e dagli altri diciannove giurati del Premio del Giovedì – 1996, questo romanzo è stato pubblicato per la prima volta nel 1995 con una quarta di copertina firmata da Grazia Cherchi, dove si diceva: «Nel Fuggiasco Carlotto, proprio lo stesso Carlotto che ha dato il nome a uno dei casi giudiziari più allucinanti del dopoguerra, ci narra le sue peripezie nel periodo della latitanza, prima in Francia e poi in un Messico horror e canagliesco. (...) Come ci si comporta da latitanti? Come ci si muove, si cerca lavoro, si evitano i poliziotti, si dà appuntamento ai parenti? Il racconto è vivace, appassionato, ricco di incontri amicali e amorosi, ironico e, cosa rara, autoironico».



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il fuggiasco 2016-11-23 14:05:37 Belmi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    23 Novembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un latitante per caso

Per chi come me che negli anni ’70 non era ancora nato, il “Caso Carlotto” non è qualcosa che si può ricordare, pur essendo stato uno dei casi più controversi e lunghi della giustizia italiana. L’unico modo per poterlo affrontare e capire, può essere quello di leggere “Il fuggiasco” che non parla del processo in se, ma delle conseguenze che ha causato a chi l’ha dovuto subire.

Doverosa è una premessa, che viene proprio dalle parole dell’autore:

“Queste note autobiografiche non riguardano comunque il processo, ma raccontano come il sottoscritto abbia vissuto per alcuni anni una sua diretta conseguenza – la latitanza – e il ruolo che ha ricoperto negli ultimi mesi della vicenda giudiziaria”.
E in particolare:

“Queste note.. vogliono descrivere la vita, i comportamenti e la quotidianità di chi latitante lo è diventato per caso. Un particolare tipo di fuggiasco che non è assolutamente pericoloso e pensa solo a sopravvivere e a conservare la propria libertà, giorno dopo giorno”.

Carlotto parla di se, di come la sua vita in poco tempo sia completamente cambiata e di come la decisione di diventare latitante lo abbia mutato profondamente. Anche perché Carlotto diventa sì un latitante, ma un latitante per caso, ovvero “La caratteristica del latitante per caso è di non disporre di mezzi e protezioni e di non sapere assolutamente nulla di come si fa a latitare”.

Con ironia ci presenta i travestimenti, gli spostamenti, le abitazioni, gli amori e le amicizie di un latitante per caso.

È il terzo libro di Carlotto che leggo (gli altri sono “Le irregolari” e “Il turista”) e ogni volta quest’autore mi sorprende per la capacità di trattare argomenti così diversi gli uni dagli altri. Questa volta ci ha donato molto di se e l’ha fatto con una genuinità e schiettezza che mostra come una giovane vita abbia combattuto, sofferto, perso la speranza e poi ritrovata.

Sotto tutta quell’ironia, non è facile celare il dolore di un uomo e di una famiglia che ha vissuto un’esperienza tale e che sa che quegli anni non potranno ritornare.

Questo libro permette di conoscere un aspetto dell’autore che non potevo minimamente immaginare; non è stato facile accostare l’uomo che vediamo oggi con l’immagine del ragazzino diciannovenne che si è visto crollare il mondo addosso.

Lo consiglio.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il fuggiasco 2016-07-25 19:55:51 pierpaolo valfrè
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
pierpaolo valfrè Opinione inserita da pierpaolo valfrè    25 Luglio, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un giorno dopo l'altro

“Un giorno dopo l’altro” è (anche) il titolo di un romanzo di Carlo Lucarelli, quando ancora si divertiva con gli abbinamenti tra romanzi e canzoni.
Ma non sto recensendo Lucarelli, bensì Massimo Carlotto, e “Il fuggiasco” è il racconto, un giorno dopo l’altro, di come vive un “latitante per caso”.
Non stiamo parlando di un criminale incallito, un membro di qualche associazione a delinquere o gruppo terroristico, che deve mettere in conto lunghi periodi di vita clandestina, in perenne stato di allerta, braccato da forze dell’ordine e bande rivali. Come” il fuggitivo” cinematografico, il fuggiasco di cui si parla è un uomo normale a cui capita di vivere una storia che a raccontarla sembra un film.

In questo suo primo “romanzo”, che romanzo non è, ma ne ha tutto il profumo, Carlotto non segue un ordine cronologico, ma procede per temi e argomenti: i travestimenti, il cibo, il lavoro, la polizia, i rapporti con il variegato mondo degli esuli, dei clandestini, degli “irregolari”, gli amori, il carcere, i processi.
Per chi conosce “il caso Carlotto”, uno dei più incredibili e stupefacenti casi giudiziari della Repubblica Itaiana, una volta iniziato a leggere questo libro non sarà facile smettere. Almeno per me è stato così.
A tutti gli altri consiglio di informarsi un minimo prima di iniziare. Però mi chiedo anche l’effetto che può fare questa lettura a coloro (quanti?) che alla voce “Massimo Carlotto” abbinano esclusivamente la definizione di “principale esponente del noir mediterraneo”.
Lo stile spumeggiante dell’autore ci sostiene nel proposito di leggere a oltranza, fino ad uno sfinimento che tarda ad arrivare. Più leggere, ironiche e forse anche un po’ di maniera le pagine “parigine” della storia, e più cupe, gravi, drammatiche, le parti ambientate a Città del Messico. Molto può dipendere dalle personali esperienze e conoscenze, ma per quel che mi riguarda, il Messico di queste pagine difficilmente lo dimenticherò.

Infine, è’ molto difficile commentare questo libro senza parlare della vicenda giudiziaria del suo autore, mi sembra anche un tantino ipocrita. Eppure me ne astengo, perché questo non è un sito di dibattito politico, bensì letterario. Dico soltanto che per me questa vicenda giudiziaria è stato un pensiero fisso, che non mi ha mai abbandonato per tutte le pagine, pur essendo citata marginalmente (il tema è l’esperienza di un latitante, più che di un imputato).
Qualsiasi siano le tue idee sul “caso Carlotto”, dopo questa lettura saranno rafforzate. Se prima eri indignato, lo sarai ancora di più, se eri dubbioso, sarai ancora più perplesso, se provavi disgusto, compassione, angoscia, sconforto, il tuo stato d’animo si ripresenterà più acuto di prima. Non è libro scritto per convincere, semmai per dividere.
Chi considera la lettura parte della vita e non un modo di evaderne, in queste pagine troverà pane per i suoi denti.

“Non mi interessa una nuova vita, Bulmero. Mi interessa quella che avevo prima”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri