Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Il metodo del coccodrillo
 

Il metodo del coccodrillo Il metodo del coccodrillo

Il metodo del coccodrillo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Napoli, così, non l'avevamo vista mai. Una città borghese, inospitale e caotica, cupa e distratta, dove ognuno sembra preso dai propri affari e pronto a defilarsi. È esattamente questo che permette a un killer freddo e metodico di agire indisturbato, di mischiarsi alla folla come fosse invisibile. "Il Coccodrillo" lo chiamano i giornali: perché, come il coccodrillo quando divora i propri figli, piange. L'ispettore Giuseppe Lojacono è l'unico che non si ferma alle apparenze, sorretto dal suo fiuto e dalla sua stessa storia triste. È appena stato trasferito a Napoli dalla Sicilia.

Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 13

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.1  (13)
Contenuto 
 
3.9  (13)
Piacevolezza 
 
4.1  (13)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il metodo del coccodrillo 2018-09-17 14:13:27 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    17 Settembre, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il poliziotto paria ed il coccodrillo

L’ispettore Lojacono è un reietto. Un pentito di mafia ha indicato il suo nome come quello della talpa che, ad Agrigento, passava informazioni alla criminalità organizzata. Per questo motivo, senza avviare un’inchiesta formale, è stato isolato, trasferito a Napoli, all’ufficio denunce, e relegato ad una eterna sfida a scopa col computer. Tuttavia, quando cominciano ad essere uccisi alcuni giovani senza apparente motivo, il suo spirito investigativo lo spinge ad interessarsene, nonostante il suo superiore gli abbia formalmente vietato ogni coinvolgimento. Gli indizi trovati sui luoghi dei delitti (il bossolo di una pistola di piccolo calibro e fazzoletti intrisi di lacrime) lo portano ad escludere la matrice camorristica degli omicidi. Lo spirito deduttivo che dimostrerà nel cercare di capire chi è il Coccodrillo (nomignolo affibbiato dalla stampa al serial killer, per via delle lacrime), incuriosirà la dott.ssa Piras, giovane sostituto procuratore, incaricata di svolgere l’attività istruttoria. Assieme seguiranno una pista che si discosta molto da quella degli altri inquirenti. Alla fine sarà questa la strada giusta per individuare il Coccodrillo.

Per quanto sia un sincero ammiratore della prosa di De Giovanni e che ami particolarmente le storie del Commissario Ricciardi, ho esitato parecchio prima di affrontare la serie dei Bastardi di Pizzofalcone. Questa mia ritrosia in parte era giustificata dal fatto che ero restio a farmi impelagare nell'ennesima saga che, al momento, conta già più di sette romanzi. Ma la remora maggiore derivava dall'impressione che lo stile narrativo di De Giovanni, composto, attento ai sentimenti ed ai personaggi, talvolta sognatore e poetico, sia perfetto per l’ambientazione storica anni ‘30, quando la vita scorreva più lenta, pacata e meditativa e c’era più tempo per osservare le cose e riflettervi sopra. Al contrario temevo che lo fosse assai meno per una vicenda moderna. Nella realtà attuale, nella quale sembra che non ci sia neppure il tempo per pensare, ma solo quello di agire freneticamente, le accurate pennellate d’ambiente, la cesellatura dei personaggi, la scrupolosa analisi dei sentimenti, mi sembravano vagamente anacronistiche.
Tuttavia essendomi imbattuto, casualmente, in uno dei volumi al centro della sequenza, diligentemente ho deciso di ripercorrere in senso cronologico, tutto il ciclo.

Dalla lettura di questo romanzo d’esordio ho avuto conferme e smentite ai miei dubbi. Premesso che anche qui l’A. dimostra una ammirevole padronanza della lingua e dello stile narrativo, e la trama è oltremodo avvincente ed incalzante, mi è parso che l’esposizione sia un po’ troppo sgranata e frammentaria. Nel tentativo di rendere più dinamico il racconto si è proceduto ad una accelerazione quasi affannosa, che se, da un lato, dà ritmo al racconto, trascinando il lettore, dall'altro fa perdere il gusto di assaporare le singole frasi, le singole descrizioni, marchio di fabbrica di De Giovanni.
Si ha l’impressione di assistere alla proiezione di una serie di diapositive che mostrano piccoli squarci della vicenda, brevi lampi di luce che non consentono la visione complessiva. Solo a fatica e con il procedere della lettura, diviene via via comprensibile e palese la trama.
Assecondando il ritmo imposto, le digressioni, per così dire poetiche, tipiche nella serie di Ricciardi, sono qui meno frequenti e meno oniriche, e nonostante ciò, in alcuni casi appaiono fuor di luogo, poiché impongono un non desiderato iato all'incalzare delle vicende, quando, invece, sarebbe più opportuno calamitare ulteriormente l’attenzione del lettore.
In sintesi, comunque, si tratta di un ottimo romanzo anche se non perfetto e un gradino al di sotto di quanto siano abituati i fan di De Giovanni con la serie di Ricciardi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il metodo del coccodrillo 2017-01-04 08:57:36 Antonella76
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    04 Gennaio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Cinese e il Coccodrillo



Io vorrei sapere in quanti (come me) leggendo questo libro si sono emozionati, hanno pianto, si sono agitati, adirati ed amareggiati?
No, perché io tutto mi aspettavo quando ho deciso di iniziare a leggere questa serie (sí, lo confesso, ne subisco fortemente il fascino) tranne che raggiungere picchi di emozione così alti!!!
L'ennesimo ispettore? Sempre i soliti cliché? Sempre i soliti casi da risolvere?
No, non so, forse sì...ma la verità è che di fronte ad una lettura così coinvolgente, così ricca di sfumature, di luci e di ombre, di fronte ad una scrittura così piena di "anima", io non mi pongo proprio il problema se sia o meno da inserire in una tipologia ben definita di letteratura, io mi ci perdo e basta!
Mi lascio trasportare da chi, sapientemente, è capace di portarmi giù negli abissi della mente umana per poi farmi risalire in superficie a respirare.
Mi lascio guidare per le strade di una Napoli decadente, molto distratta, quasi assonnata...una Napoli dei giorni nostri che se ne frega di tutto.
Mi lascio confondere dal volto del "male" che, molto spesso, nasconde ragioni non troppo lontane da quelle del "bene"...e le due facce si invertono, si mescolano, si fondono, generando un mostro difficile da condannare.
Mi lascio conquistare da uno scrittore che mette la sua penna al servizio del "noir" senza però rinunciare neanche per un momento alla sua intensità, alla sua pienezza, alla sua profondità.
Pagine traboccanti di vibrazioni.
Non si dovrebbe piangere su questo tipo di libri.
Appunto, non si dovrebbe.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il metodo del coccodrillo 2015-05-03 14:39:32 Lonely
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Lonely Opinione inserita da Lonely    03 Mag, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La Napoli di Lojacono

Maurizio De Giovanni scrive per lo più gialli, scrive bene e ti fa evadere dalla realtà. E non è questo in fondo lo scopo di un buon giallo? Un lettore di gialli non vede l'ora di immergersi in un nuovo caso e dimenticarsi tutto il resto, e devo dire che allo scrittore, questo riesce molto bene.
Questo è il primo libro della serie del commissario Lojacono. La Napoli è quella di oggi, a differenza di quella del commissario Ricciardi, ambientata negli anni 30 in piena epoca fascista.
La struttura usata è la stessa, cambiano solo i personaggi, che però ancora (essendo il primo della serie) non hanno assunto una loro definita identità, ma promettono bene.
La trama è semplice, e forse anche un po' debole, ma il libro risulta piacevole.
Il personaggio di Lojacono è ancora in divenire, ma si capisce subito che anche lui è un uomo ammantato di mistero di cui le donne s'innamorano a prima vista. Anch'egli come Ricciardi sembra diviso tra due donne, ma rispetto a Ricciardi che è un solitario ,Lojacono ha una famiglia e una figlia, che ha dovuto lasciare perchè è stato trasferito dalla sua città, perchè sospettato di essere colluso con la mafia.E Il suo pensiero fisso è che la figlia possa dimenticarsi di lui. Rispetto a Ricciardi, che ha anche una connotazione soprannaturale, Lojacono è più reale, sembra un personaggio del tutto comune, dotato però di un grande intuito, che gli permette di arrivare, presto o tardi, alla verità.
Aspetto di vedere come si evolverà nel corso dei prossimi libri della stessa serie, ma per ora il mio modesto giudizio è positivo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi legge gialli
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il metodo del coccodrillo 2014-09-14 12:58:35 ferrucciodemagistris
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ferrucciodemagistris Opinione inserita da ferrucciodemagistris    14 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il metodo del coccodrillo

E' il primo libro che leggo di quest'autore. Devo dire di aver trovato una lettura avvincente e molto scorrevole, con un pathos in crescendo esponenziale. Un noir fin troppo noir! ma d'altra parte si poteva immaginare; in definitiva un bel romanzo, forse un po' troppo triste e di una drammaticità rara; la narrazione intrinseca, aldilà della storia struggente, non è molto complessa in relazione ai miei canoni di lettura...ma appunto sono modi e opinioni del tutto soggettive. Ribadisco e ricordo che si tratta di noir che colpisce nel profondo dell'animo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il metodo del coccodrillo 2014-02-12 11:11:50 diogneto
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
diogneto Opinione inserita da diogneto    12 Febbraio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il metodo del coccodrillo

Mentre Napoli sonnecchia tra pioggia e mare un vecchio è in cerca della sua vendetta. Il metodo del coccodrillo, scritto da Maurizio De Giovanni [Mondador 2012], è un giallo che riesce a catturare la tua attenzione attraverso una storia, comunque semplice e non eccessivamente "romanzata" e attraverso una serie di personaggi, principali e non, ben delineati con caratteristiche, certamente, non nuove ma che non stuccano e non hanno il profumo di qualcosa di già sentito.

La storia, come già detto, si svolge tra i vicoli di una Napoli che non assomiglia all'idea che abbiamo di lei... o meglio a quell'idea, edulcorata dai luoghi comuni, che presenta Napoli come città del sole, della spensieratezza, del buon cibo e dello splendido mare. Sembra che una cappa di tristezza e solitudine faccia da sfondo a questa storia dai caratteri noir che tocca argomenti molto sensibili e ti lascia a bocca aperta di fronte ad un finale veramente toccante.

Non ti puoi non affezionare a Lojacono, l'ispettore siculo trapiantato a Napoli, seguendo le sue vicende, lavorative e non, con il fiato sospeso.

Al termine non posso che consigliere la lettura a chi cerca un libro che lo faccia lavorare con la testa ma, nello stesso tempo, mantiene una semplicità che non a nulla a che fare con l'ovvio o il banale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il metodo del coccodrillo 2013-07-23 08:50:41 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    23 Luglio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il primo di una nuova serie

Si vede che cominciava a diventare imbarazzante scrivere solo del commissario Ricciardi e in verità non mi sento di dar torto al bravo de Giovanni: cristallizzarsi in una produzione con sempre lo stesso protagonista a lungo andare non solo rende difficile inventare nuovi episodi validi, ma anche il lettore, pure il più affezionato, tende piano piano a disamorarsi. L’autore napoletano, per variare, aveva due possibilità: scrivere romanzi del tutto autonomi l’uno dall’altro, come hanno fatto Andrea Camilleri e Georges Simenon, oppure dare vita a un nuovo personaggio protagonista di una serie del tutto diversa. Nel primo caso ci sarebbe stato il rischio di produrre opere di scarso interesse, ma personalmente credo che non sarebbe stato il caso di de Giovanni; nella seconda ipotesi il pericolo è rappresentato dal continuare a perpetuare, pur in forme diverse, la felice intuizione nata con il commissario Ricciardi.
La scelta è caduta su una nuova serie di episodi, in cui il dominus è un ispettore di polizia, di nome Lojacono, un personaggio assai diverso da Ricciardi, inserito pure in un contesto differente e in altra epoca (l’attuale), ferma restando la città (Napoli).
Devo dire che, almeno da questo primo romanzo, il tentativo appare apprezzabile, per quanto il risultato, nel complesso, sia a mio avviso non del tutto soddisfacente.
Maurizio de Giovanni si è sforzato di estraniarsi da quei personaggi che tanto gli hanno portato fortuna, ha pure tentato di cambiare lo stile, eppure si ritrovano certe caratteristiche dei romanzi con Ricciardi.
Per esempio, gli intermezzi, in cui dei protagonisti vengono portate le riflessioni, sono presenti anche qui, con una differenza: sembrano delle forzature, in contrasto con il ritmo dell’opera, peraltro altalenante, e comunque ben più veloce degli episodi con l’enigmatico commissario.
Inoltre, la trama gialla vera e propria, che prima faceva da sfondo a ogni opera, qui assume una maggiore importanza, ma se in precedenza la sua esilità veniva oscurata dalla bellezza dei rapporti interpersonali, ora purtroppo si dimostra fragile nel tentativo di darle un rilievo più importante.
In passato ho perdonato certi periodi in cui venivano espressi retoricamente i sentimenti, anche perché l’epoca (il famoso ventennio) era caratterizzato da questo modo di esprimersi, che ora invece, in un secolo in cui tanto si corre per mai arrivare, appaiono decisamente fuori tempo.
Nonostante queste stonature e pur in presenza di una certa artificiosità che tanto richiama i numerosi polizieschi che affollano le programmazioni televisive, Il metodo del coccodrillo è un romanzo che si lascia leggere, che può anche divertire, ma, almeno in questo primo episodio, resta un puro e semplice giallo, dalla trama nemmeno tanto originale, anche se ciò non toglie che possa costituire motivo per trascorrere piacevolmente alcune ore senza porsi tanti problemi.
Quanto sopra per concludere che del libro la lettura è consigliabile, ma i romanzi con il commissario Ricciardi sono tutta un’altra cosa, anche per qualità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il metodo del coccodrillo 2013-05-05 18:48:06 marlon
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
marlon Opinione inserita da marlon    05 Mag, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

mondo di ghiaccio

Napoli come tutte le grandi città è spietata e l'autore non manca nel ricordarcelo. Ma la città è composta dalle persone, quindi.... Comunque è il primo libro che leggo di De Giovanni e non sarà l'ultimo! Il romanzo narra di un ispettore di polizia siciliano che per punizione si ritrova in un commissariato sperduto di periferia a Napoli alle prese con colleghi ostili e una serie di omicidi anomali. L'assassino ( il Coccodrillo) freddo e calcolatore lascerà un segno indelebile agli inquirenti, ai cittadini e anche ai lettori....L'autore è abile a intrecciare il racconto e nella descrizione degli stati d'animo dei personaggi. C'è spazio anche per una Napoli positiva con la sua semplicità e i suoi sentimenti forti. Consiglio assolutamente questo libro cupo ma avvincente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il metodo del coccodrillo 2012-09-11 15:52:50 gabri
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da gabri    11 Settembre, 2012

napoli

non sono una lettrice di gialli, quindi non sono un'esperta del genere. Ho trovato comunque che la trama sia accattivante e da meno della metà in poi ci sia un buon ritmo con una crescente suspence. Non mi è piaciuto il modo in cui vengono trattati napoli e i napoletani, descritti come gente chiusa, incattivita e napoli come una città grigia brutta e addirittura "non di mare". Dall'odiosa oleografia di mandolini e pizza a questa dimensione post disastro ecologico ce ne passa. chi vive la città come De Giovanni sa benissimo che quelli da lui descritti sono aspetti che esistono ma come in tutte le metropoli, con la differenza che qui al contrario di quello che lui dice la gente tutto è tranne che invisibile e poco socievole e inoltre la città a differenza di molte altre sa ancora offrire momenti di pura bellezza e non solo per i panorami. Non è già odiata abbastanza? e qui non c'è neanche la giustificazione di una denuncia come in Gomorra...
e comunque il finale non mi è piaciuto è in linea con questa visione depressiva e angosciosa

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il metodo del coccodrillo 2012-08-29 09:22:05 fosforo
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da fosforo    29 Agosto, 2012

Uno dei thriller più brutti

Romanzo mediocre da ogni punto di vista. La storia è banale, il ritmo dell'azione continuamente spezzettata da pagine scritte con un insopportabile stilismo lirico fuori tema. I personaggi hanno psicologie elementari, reazioni finalizzate solo a sostenere lo svolgimento dell'azione letteraria ma a volte molto poco reali e comprensibili. Nulla da salvare, solo noia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il metodo del coccodrillo 2012-07-25 10:35:50 Fonta
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Fonta Opinione inserita da Fonta    25 Luglio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra i piú bei noir che abbia mai letto!

Giuseppe Lojacono era un ispettore di polizia brillante, caparbio ed intelligente. Dopo una confessione di un pentito di Mafia, che lo infanga di essere un collaboratore infiltrato, viene trasferito dalla sua amata Sicilia al distretto di Napoli, dove peró si ritrova a fare un lavoro di margine lontano ed allontanato da sua figlia, che su pressione della madre, lo considera un corrotto e non vuole piú vederlo!

Laura Piras ha studiato per soffocare una enorme voragine che le ha tolto il terreno da sotto i piedi in giovane età, fino ad arrivare in un posto di lavoro snobbato da molti per la sua pericolosità: sostituto procuratore di Napoli!.

Tre violenti omicidi mettono in relazione l'ispettore Lojacono ed il procuratore Piras. Uccisioni compiute dalla stessa mano, che rilascia poi a terra un fazzoletto di carta con delle lacrime: da qui il killer viene soprannominato il Coccodrillo!

Il Coccodrillo che attende le sue vittime per ore, quasi invisibile, sopperisce ai suoi difetti fisici come i corti arti con l'astuzia, cosí questo animale antichissimo, nel corso dei secoli non si é evoluto fisicamente ma ha affinato il suo metodo di caccia: il metodo del coccodrillo!

Lo ammetto, era da un sacco di tempo che non mi capitava tra le mani un libro cosí ben scritto ed avvincente. Capitoli brevi che invogliano il lettore a divorarli, suspance e colpi di scena dietro ad ogni pagina, mai prolisso ma esaustivo nelle descrizioni, il linguaggio semplice dei borghi napoletani si sfuma delicatamente nell'italiano "sicilianizzato" del commissario Lojacono, ma mai incomprensibile anche per chi come me vive dall'altra parte dello Stivale!

Non conoscevo De Giovanni e devo dire di aver trovato uno scrittore bravissimo ed abilissimo! Il finale del libro L'ho trovato da pelle d'oca! Provare per credere.

Se dovessi consigliare un giallo a chi non ne ha mai letto o a chi ne ha letti un sacco e vuole immergersi in una lettura veloce ma, carica...beh, la risposta sarebbe la stessa: "il metodo del coccodrillo" di Maurizio De Giovanni!

Buona lettura! =)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Michele Giuttari, Claudio Paglieri, Fabrizio Carcano e noir/polizieschi/gialli in generale
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caldo in inverno
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Ah l'amore l'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza nuova
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'angelo di Monaco
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Universum. Cronache dei pianeti ribelli
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle voci
Valutazione Utenti
 
3.4 (4)
Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'avvocato degli innocenti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quantum
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
1.8 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri