Il passaggio Il passaggio

Il passaggio

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


L'Arno è un confine invalicabile, la città è tagliata in due, mentre gli Alleati preparano con calma l'offensiva finale. La popolazione vive sotto la minaccia dei cecchini fascisti annidati sui tetti. E ai caduti per cause belliche si aggiungono morti di tutt'altro genere, vittime di omicidi efferati. Un gruppo eterogeneo, nonostante tutto, attraversa quel confine tra due mondi. Utilizza il Corridoio Vasariano, l'unico passaggio risparmiato dalla furia dei nazisti in ritirata. Chi o che cosa cerca? La sua missione, come nel gioco delle scatole cinesi, ne contiene altre, personali e non necessariamente "pulite". A uno a uno, i morti senza perché riveleranno l'esistenza di un progetto diabolico.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il passaggio 2007-11-26 12:36:30 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    26 Novembre, 2007
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Caccia al tesoro in corso di guerra

Questo romanzo è l’ideale continuazione del precedente Nero di maggio.

Infatti il teatro di scena è lo stesso (Firenze) e ritroviamo due personaggi di particolare spessore (il capitano dei Reali Carabinieri Bruno Arcieri, ora dei Servizi Segreti e aggregato agli alleati, e la sua fidanzata Elena Contini, ebrea nascosta per sfuggire alle deportazioni).

Cambia, tuttavia l’epoca: ora siamo nell’agosto del 1944 durante la battaglia per la liberazione di Firenze.

In Gori apprezzo molto la capacità di descrivere ambienti e situazioni con immediatezza, al punto che si ha l’impressione di assistere a una successione di immagini in movimento, proprio come in una pellicola cinematografica.

Avevo rilevato questa dote già in occasione della lettura di Nero di maggio, romanzo che mi ha notevolmente impressionato. Ebbene, ne Il passaggio, questa capacità si è ulteriormente evoluta, direi perfezionata e sembra proprio di vedere una città storica in pieno scontro bellico, direi che si avverte l’atmosfera tipica di morte e di paura in una serie di quadri di grande impatto emotivo.

La trama è imperniata intorno alla ricerca di un autentico tesoro, quel dipinto della battaglia di Anghiari di Leonardo da Vinci perso irrimediabilmente per la fretta di asciugare i colori. Sono in tanti e per diversi motivi impegnati in questa caccia, ricca di colpi di scena e di non pochi morti ammazzati, in una tensione che non viene mai meno dalla prima all’ultima pagina.

Certo che è naturale chiedersi come sia possibile sperare di trovare un dipinto su muro ormai irrimediabilmente perso, ma c’è una risposta logica e inconfutabile, pure nell’ambito della fantasia creativa dell’autore. Al riguardo non intendo rivelare nulla, perché mi sembra giusto che la ricerca in cui viene di fatto coinvolto anche il lettore non gli pregiudichi il piacere di esserne partecipe.

C’è un altro elemento, peraltro innovativo, rappresentato alla fine di ogni capitolo dalle riflessioni di un giovane fascista, un irretito da Pavolini, che dai tetti, in una sorta di delirio mistico e politico, spara agli alleati, ai partigiani e anche a ignoti cittadini. La sua lucida follia si inserisce come un tassello determinante nel mosaico degli eventi che riguardano la città e anche la caccia di cui ho detto.

In quella sorta di soliloquio si ritrovano tutte le caratteristiche di un regime irreale, retorico e sfrenato, in netto contrasto con le speranze di una nuova epoca, rappresentata dall’avvento degli alleati e dei partigiani. Eppure anche questo cecchino non è lì per caso e nell’epilogo dell’intricata vicenda sarà determinante.

Trecentoquarantasei pagine non sono poche, ma assicuro che si leggono quasi d’un fiato, a dimostrazione della valenza di questo romanzo, per certi versi migliore del già eccellente Nero di maggio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Nero di maggio, di Leonardo Gori
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stelle minori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il cuoco dell'Alcyon
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Tutto sarà perfetto
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bugie e altri racconti morali
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ninfa dormiente
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La scuola
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al Tayar
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Delitti senza castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Persone normali
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel silenzio delle nostre parole
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
L'estate dell'innocenza
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri