Il settimo esorcista Il settimo esorcista

Il settimo esorcista

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Lisa Sarti ha un segreto. La morte l'ha sfiorata ma per qualche motivo non se l'è portata via. Un destino condiviso con altre persone, come lei sfuggite a una sorte in apparenza inevitabile, sopravvissute a eventi terribili: incidenti aerei, disastri naturali, tragedie famigliari. Ma a Torino qualcuno ha deciso di rimediare agli errori del fato e di sostituirsi alla morte stessa, qualcuno che sembra conoscere perfettamente la vita delle sue prede. Lisa è la prima a cadere sotto la sua furia omicida. Il vicequestore Andrea Castelli, chiamato a indagare, si getta sul caso cercando di non farsi coinvolgere dagli aspetti più oscuri della vicenda, ma sarà costretto a rivedere le sue convinzioni quando un nuovo elemento si aggiungerà all'indagine. L'assassino ha uno strano tatuaggio sul polso, una scritta che recita Non draco sit mihi dux. È l'incipit di uno degli esorcismi più famosi, il Vade retro Satana. Per la questura di Torino non c'è altra scelta che chiedere aiuto a un consulente esterno, un religioso che conosca a fondo la materia: uno dei sette esorcisti della città. La squadra di Castelli - un ispettore con la vocazione da badante, un agente valdese effeminato e schivo e un efficiente sardo di poche parole - non prende bene la notizia: ai poliziotti non piace dar la caccia a fantasmi che puzzano d'incenso. Il vicequestore Castelli, sentimentalmente legato a Georgine, una transessuale di Ipanema, e affetto da una sindrome bipolare che lo fa vivere e lavorare a singhiozzo, dovrà scavare tra le rovine di un monastero andato a fuoco sulle colline torinesi per scoprire la verità.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il settimo esorcista 2019-04-25 08:16:24 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    25 Aprile, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Torino tra preti esorcisti ed ex voto

Fabio Girelli, nato a Biella, è laureato in Lettere moderne. Ha pubblicato: Tutto il villaggio lo saprà, Marmellata di rose e L’autore. Ora con Piemme pubblica Il settimo esorcista. E’ tra i fondatori di Torinoir, un’associazione che promuove la diffusione e la conoscenza del genere noir legato al capoluogo piemontese.
Il settimo esorcista è ambientato a Torino, in quella Torino fascinosa e misteriosa che tanto ricorda i temi principi del libro Torino magica. A Torino esiste un Santuario, molto caro ai torinesi, ricco di simbologia intrinseca a se stesso, che è, appunto, il Santuario della Consolata:
“Poco lontano le forme maestose del santuario della Consolata dominavano il resto, come una montagna di pietre nere nel cielo più nero ancora. A Castelli venne in mente che al suo inerno si trovava una delle più vaste raccolte italiane di ex voto.”
Ed è in particolare la storia di questo luogo a colpire:
“C’era una leggenda legata alla nascita della basilica: durante i vari rimaneggiamenti della chiesa era andata perduta un’icona sacra che raffigurava la Madonna. La grande devozione della città medievale era rivolta proprio a quel dipinto. Sembrava che non ci fosse modo di recuperarla. Poi arrivò un pellegrino dalla Francia, un uomo cieco che sosteneva di aver ricevuto in sogno le indicazioni necessarie per individuare il luogo in cui l’icona si trovava. Le autorità vescovili decisero di far partire le ricerche e il quadro venne recuperato. A quel punto, si diceva, il cieco riacquistò la vista e a seguito del miracolo il clero stabilì di elevare di grado la chiesa e trasformarla in basilica.”
A poca distanza di un luogo così carico di significati, la morte inspiegabile di una giovane ragazza, Lisa Sarti. A prima vista pare essere un suicidio, ma presto si scopre che lei non si sarebbe mai, di sua spontanea volontà, avvicinata ad una vasca piena di acqua, come invece viene ritrovata cadavere. Perché? Perché lei aveva paura dell’acqua. Lei era una donna cosidetta facente parte “dei miracolati”, ovvero di quelle persone che si sono trovati a vivere eventi tragici a cui sono scampati per miracolo. E allora? Andrea Castelli, vicequestore, chiamato ad investigare, scopre che il presunto assassino è un uomo che ha sul braccio uno strano tatuaggio, che recita:
“Non sia il drago la mia guida”,
Cosa significa? E’ l’incipit di uno degli esorcismi più famosi:
“Vade retro Satana”.
Di qui inizia un’indagine difficoltosa, all’interno di uno dei riti più fascinosi e misteriosi della cristianità: l’esorcismo. E delle sue possibili deviazioni ed ambiguità.
Un libro stupefacente, ottimamente congegnato, che risente, pur nella differenza, dei thriller americani e delle loro caratteristiche. Un romanzo con un protagonista d’eccezione: il vicequestore Andrea Castelli, un uomo affetto da una sindrome bipolare, che lo vede per alcuni periodi molto attivo e presente, mentre per altri del tutto assente e malinconico. Un uomo che una sensibilità raffinata che gli permette, a volte, di vedere gli ultimi istanti di vita della vittima; ed in altre occasioni, invece, recitare poesie che gli sgorgano spontanee. Un’indagine pericolosa la sua che lo porta da Torino e i suoi misteriosi sotterranei, le ghiacciaie e le umide cantine, alle rovine di un monastero andato a fuoco sulle colline torinesi di Pecetto. Con lui un’insolita squadra di lavoro, e accanto a lui un’amante sui generis: una transessuale di nome Georgine, originaria di Ipanema. Un thriller dalle tinte fosche, ricco di colpi di scena, avvincente e molto intrigante, tra preti esorcisti ed ex voto in un crescendo di tensione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri