Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Il tortellino muore nel brodo
 

Il tortellino muore nel brodo Il tortellino muore nel brodo

Il tortellino muore nel brodo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Emilio Zucchini, proprietario della trattoria La vecchia Bologna, è uno scapolo impenitente, devoto alla gioia dei suoi clienti e al rispetto ortodosso delle ricette della cucina bolognese. Nicola Fini è il suo amico fraterno che è appena stato abbandonato di punto in bianco dalla moglie, ritrovandosi con due bambini a cui fare da papà single. Joe Solitario è un cantautore disperato che, dopo aver sprecato la sua grande occasione nella finale del più famoso talent show italiano, si improvvisa rapinatore per inseguire la sua ultima speranza: un volo di sola andata verso una nuova vita. Cico Pop e Mangusta sono gli scagnozzi di un boss della malavita locale incaricati di rubare per lui una moneta che non vale niente ma che ai suoi occhi significa tutto. Quando, in un campale venerdì mattina, le strade di questi cinque personaggi si incrociano, l'effetto non può che essere deflagrante. Quante possibilità ci sono che i tre criminali da strapazzo scelgano la stessa banca, lo stesso giorno e la stessa ora per mettere a segno il loro colpo? E quanta sfortuna deve avere Nicola per ritrovarsi a passare lì di fronte proprio durante la rapina, con in macchina quel poco che è rimasto della sua famiglia? Eppure, le coincidenze fanno parte della vita. E sono uno degli ingredienti fondamentali di questa rocambolesca storia. Insieme agli imprevisti, al buon cibo e a un'abbondante dose di umorismo.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.4
Stile 
 
2.5  (2)
Contenuto 
 
2.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il tortellino muore nel brodo 2018-09-11 14:23:52 FrancoAntonio
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    11 Settembre, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando l'ispettore Coliandro faceva il ristoratore

Emilio Zucchini, detto Zucca, è il proprietario de “La vecchia Bologna”, osteria tipica specializzata nella cucina regionale classica. Il suo amico Nicola Fini, detto Nick, è un padre disperato, abbandonato dalla moglie (che potrebbe essere pure morta!) senza un perché o un per come. Deve cercare di tenere insieme la famiglia e rincuorare i figli, Giulia ed il piccolo Tommaso. Giorgio Lodi, detto Joe il Solitario, è un fallito, che ha buttato alle ortiche l'unica occasione di fama mettendo in scena una lite furibonda a X-Factor. Ora è fuggito dal mondo e cerca solo l’occasione di rimettersi in piedi.
Sarà proprio questo desiderio di Joe a sconvolgere le vite di tutti e tre. Organizzerà la più bislacca delle rapine in banca sperando di dare una svolta alla sua vita. Sfortuna vuole che la stessa banca debba essere l’obiettivo di un paio di delinquenti abituali che debbono recuperare, per ordine del loro boss, un oggetto custodito in una delle cassette di sicurezza. Alla fine Joe riuscirà a sottrarre il “bottino” ai due mafiosi, ma per fuggire piglierà l’auto di Nick, dove, sul sedile posteriore, dorme Giulia.
Nei successivi giorni i tre protagonisti ed i comprimari di questa vicenda surreale saranno coinvolti in una girandola sempre più vorticosa di eventi, il più dei quali originati dalla dabbenaggine e dalla faciloneria con la quale si muoveranno tutti (polizia compresa) sino all'inevitabile, prevedibile esito finale.

Con un romanzo è possibile trasmettere mille messaggi: si possono analizzare i sentimenti umani, si può far rivivere la Storia o inventarla ex novo; si può fare un opera con intenti morali o provocatori; si possono evocare gesta epiche o si può comporre una sinfonia nella quale le parole prendono il posto delle note. Oppure si possono, banalmente, raccontare degli avvenimenti, snocciolandoli uno dietro all'altro, come grani di un rosario dove più ce ne sono e meglio è, o ameno così si suppone. Ahimè.
Purtroppo l’A. di questo libro non è andato più in là di quest’ultimo povero risultato. Con un ritmo degno delle slapstick comedy dell’epoca del muto, ha affastellato tutta una serie di avvenimenti, incastrandoli freneticamente gli uni negli altri senza concedersi un attimo per rifiatare, ma donando assai poco al lettore.
Ho comprato “Il tortellino muore nel brodo” perché m’incuriosiva il titolo (tipico mantra felsineo!) e l’idea stessa di un oste investigatore che s’aggirava tra le vie di una città a me cara. Purtroppo le aspettative sono andate tutte, tristemente, deluse. Come spesso mi è accaduto di notare, l’ambientazione bolognese serve solo ad imbastire un giro turistico per la città, inanellando i tipici luoghi comuni a cui neppure John Grisham con “il Broker" seppe sfuggire.
In uno stile svagato e leggero (troppo svagato e leggero, però), l’A. ha cercato di compensare il vuoto di contenuti moltiplicando le situazioni, spesso paradossali, e l’azione concitata. Purtroppo, per usare una analogia che sarebbe piaciuta al protagonista, Emilio Zucchini, il romanzo non è come una porchetta che acquista sapore quanto più aggiungi ripieno. Sarebbero stati sufficienti meno ingredienti, cercando però, di dare più gusto ad ognuno di essi; analizzando e curando più attentamente le descrizioni; rifinendo le personalità dei protagonisti. Se queste componenti fossero state ben dosate, non avrebbero tolto nulla all'ambientazione comica, ma ne avrebbero accresciuto il divertimento. Anche la ricerca spasmodica della battuta ad effetto ad ogni costo, del guizzo ironico anche se non è perfettamente efficace, alla fine stanca, come troppo zucchero nei dolci.
Insomma per quanto l’idea di base fosse simpatica e lo stile scelto per narrare azzeccato, alla fine ne è uscita un’opera solo parzialmente soddisfacente, a cui manca quello spunto in più per risultare veramente piacevole. Peccato!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Purtroppo (e mi dispiace parecchio riconoscerlo) non mi sento di consigliarlo. E' un operina troppo esile ed inconsistente, ma nutro la speranza che Venturi, curando di più la narrazione, potrebbe, in futuro, dare miglior prova di sé: la freschezza del linguaggio e l'inventiva non mancano.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il tortellino muore nel brodo 2018-09-08 07:44:41 ornella donna
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    08 Settembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Noir e cucina

Filippo Venturi pubblica per Mondadori Il tortellino muore nel brodo. Un noir enogastronomico in terra di Romagna tra manicaretti di ogni specie che hanno reso famosi nel mondo questi luoghi.

Noir e cucina: un connubio che va, attualmente, di gran moda: di cui il panorama letterario è molto ricco.

Riassumendo la vicenda vede tre personaggi: Emilio Zucchini, ristoratore, Nicola Fini, suo amico, padre separato in grande difficoltà, e Joe Solitario, un cantautore disperato, che nella stessa mattinata e alla stessa ora, progettano

“la rapina del secolo”,

in grado di mutare le loro grame esistenze. Ai tre si aggiungono, come se di per sé non fosse già sufficiente, due malviventi dai nomi curiosi: Cico Pop e Mangusta. Tali sono i presupposti che, ovviamente, prendono nell’immediato un risvolto imprevedibile.

La lettura e lo stile è giovane, fresco, ironico e procede speditamente. Tuttavia la vicenda narrata e costruita non ha attirato le mie attenzioni, provocando una lettura alquanto insulsa e banale. Uniche caratteristiche positive sono un’ironia tagliente e la considerazione del cibo come metafora del mondo. Per chi piacciono tali tematiche…

Metafora di un vivere positivo e godereccio. Ma non basta però a rendere più piacevole la narrazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Nel muro
Valutazione Utenti
 
1.8 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli squali
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andiamo a vedere il giorno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Crooner
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vincoli. Alle origini di Holt
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il Monaco di Mokha
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordi dormienti
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nemici. Una storia d'amore
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri