L'estate degli inganni L'estate degli inganni

L'estate degli inganni

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Rischiare la pelle non è mai stato un problema per l'ex colonnello dei carabinieri Annibale Canessa, fin dai tempi in cui era ai vertici del Nucleo antiterrorismo, durante gli anni di piombo. Sguardo obliquo che incenerisce o seduce, implacabile charme da eroe solitario, "Carrarmato Canessa" sembra cambiato, adesso che divide la sua vita con Carla Trovati, la giovane, irresistibile giornalista capace di stregargli il cuore. Ma per chi, malgrado tutto, continua a credere nella giustizia, niente può cambiare davvero. E quando il Mossad gli fornisce la prova per riaprire il caso dell'attentato alla stazione, la strage consumata in una torrida estate d'inizio anni Ottanta, Canessa decide d'investigare. In principio con ritrosia, poi con la testarda determinazione che l'ha reso una leggenda. Oscure presenze del passato stanno tornando per ingaggiare una partita letale. Così Annibale si lascia coinvolgere in un intrigo che rimanda ai segreti della guerra fredda e al conflitto invisibile combattuto, tre decenni prima, dalle grandi potenze nei cieli del Mediterraneo. Al suo fianco, i "soci" di sempre: il fidato maresciallo Ivan Repetto, l'eccentrico miliardario Piercarlo Rossi, detto "il Vampa", e il prefetto Calandra, dirigente dei Servizi con la passione per la buona cucina e le belle donne. Mentre indaga sugli enigmi dell'estate di sangue, stagione d'inganni, depistaggi e tradimenti che ha spazzato via l'ultimo resto di innocenza in Italia, Canessa finirà per mettere in gioco ciò che gli è più caro in nome della verità.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'estate degli inganni 2018-02-21 10:16:33 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    21 Febbraio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Verità o depistaggio?

Roberto Perrone, dopo aver scritto La seconda vita di Annobale Caness, propone ai suoi lettori una seconda avventura, dal titolo: L’estate degli inganni, sempre con protagonista assoluto l’ex colonnello in congedo dei Carabinieri, Annibale Canessa detto “Carrarmato” proprio per la sua peculiare capacità di prevedere in anticipo le mosse degli avversari, in modo da essere pronto ad affrontare gli altri. Lui è un uomo particolare, tutto azione, nitido nelle soluzioni, a volte un po’ cinico e privo di sentimenti.
In questo caso il colonnello è con la cognata e la nipote in vacanza ad Israele quando viene avvicinato da agenti dei Servizi Segreti, che lui aveva già ampliamente notato in precedenza. Il colloquio è tragico: riguarda rivelazioni stupefacenti su un tragico evento avvenuto in Italia tanti anni prima: lo scoppio di una bomba in una stazione in estate. La memoria del lettore non può che riavvolgere il nastro della memoria e pensare alla strage della stazione di Bologna del 2 agosto del 1980. Nel romanzo il riferimento non è mai esplicito, ma c’è quella che alcuni critici hanno definito come “una assonanza di eventi”. Lo stesso autore lo precisa nella conclusione, lui prende un evento tragico ed oscuro della Storia italiana, e ne costruisce una trama perfetta e precisa per un libro. Lo stesso Annibale lo spiega bene:
“Ai tempi in cui vestivo la divisa non mi sono mai occupato di stragi. (…) Era un tipo di inchieste che mi provocavano inquietudine. Non sopportavo il doppio gioco di tanti membri dello Stato, dai livelli più alti ai più bassi, non comprendevo che strategia ci fosse dietro le bombe. Qual era il vero scopo di chi le metteva? Ogni volta mi sfuggiva il senso e le risposte che davano in molti non mi hanno mai convinto. E in tragedie come queste non capisci dove sono gli amici e dove sono i nemici. (…) C’è chi ha giocato sporco nelle indagini all’attentato alla stazione. E si tratta di quadri dello Stato. “.
Con un commento, finale, amaro, ma alquanto realistico sul nostro Bel Paese:
“questo Paese non sa accettare la verità, preferisce crogiolarsi nell’idea del complotto. Tanti morti, tanto dolore, anche nostro, personale, per tirar fuori questa storia, e la maggioranza degli italiani pensa che sia l’ennesimo depistaggio, per celare chissà quali oscure trame.”.
Tornato in Italia, infatti, Annibale Canessa è costretto ad occuparsi di risolvere una specie di mistero italiano, che ben presto assume le caratteristiche dell’intrigo internazionale, che tocca la Germania, il Mediterraneo, la Gran Bretagna. La verità ha un prezzo. Un prezzo, anche personale, troppo alto per il nostro protagonista, che lui non esita, comunque, a raggiungere. Infatti lo stesso approccio risolutore Canessa lo ha nella vita privata: la relazione sentimentale con Carla, una giornalista, vive di una intesa sessuale molto forte, solida, si amano “ogni volta come se non ci fosse un domani”.
La storia si sviluppa tra un “prima”: gli anni della Prima Repubblica, e della vecchia politica animata da personaggi brutti, squallidi, e senza scrupoli e un “dopo” che è l’oggi, in cui si muovono Canessa e i suoi collaboratori. Il romanzo ha una doppia struttura: i due filoni narrativi accolgono poi all’interno storie, episodi fini a se stessi, ritratti di personaggi che prendono vita con uno stacco veloce: accade per il ragazzo che sognava di diventare pilota d’aereo, per il burocrate soprannominato “il topo” o per la giornalista Pina Colombo. Nessun episodio particolare, tutti elementi inseriti nel quadro più ampio della trama, che la arricchiscono e la completano. In questo l’autore conferma, ancora una volta, “la padronanza dei meccanismi narrativi”, come affermava Antonio D’Orrico, per il precedente testo.
Ne scaturisce una lettura perfetta, intrigante e misteriosa, che conduce il lettore, sicuramente, a domandarsi quale sia il confine tra la finzione letteraria e la dura realtà. Che penso sia molto labile, purtroppo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto di Roberto Perrone, La seconda vita di Annibale Canessa
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dove c'è fumo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il settimo peccato
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A bocce ferme
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La morte mi è vicina
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sotto il falò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La famiglia Aubrey
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sbirre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Le sorelle Donguri
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il purgatorio dell'angelo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.7 (3)
Corpus Christi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni respiro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ospite
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri