L'ombra del viandante L'ombra del viandante

L'ombra del viandante

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Di fronte a quella morte, catalogata come suicidio, il vicequestore Milena Costa sente subito suonare, forte, un campanello d'allarme. Le sue ricerche si focalizzano su una tesi di filosofia e sulle parole l'ombra del viandante, che ricorrono durante le primi indagini. E quando appare chiaro che ci sono alcune persone coinvolte e tutte sono legate in qualche modo a lei, decide di andare fino in fondo. Scavare nel passato può riservare però sorprese poco piacevoli e Milena si trova a dover fare i conti con una realtà molto differente da quella legata ai suoi ricordi. E l'ombra del viandante si rivela qualcosa di molto diverso da una citazione filosofica, ma soprattutto qualcosa di estremamente pericoloso.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'ombra del viandante 2019-05-02 14:45:24 Mian88
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    02 Mag, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una nuova indagine per Milena Costa

«Accettiamolo e non pensiamoci oltre, tra un’ora sarà tutto finito»

Alcun dubbio cela la dinamica del fatto: nel caos più totale dell’ufficio di Elsa solo quel corpo riverso sull’elegante scrivania pare avere una collocazione precisa. Si tratta di un uomo di circa sessant’anni, piccolo ma con un addome prominente, dagli occhi ceruli, affetto da calvizie con guance incavate e naso sottile a sovrastare un pizzo ispido, incolto e grigio, che giace con il braccio sinistro piegato ad angolo retto sopra il tavolo mentre il destro, penzola giù, con le dita che sembrano indicare una pistola e più precisamente una calibro 22 finita sul pavimento. Dalla tempia, un rivolo di sangue scende sino all’occhio così da mostrare il percorso compiuto dal proiettile. A completar la scena, una stanza chiusa dall’interno, dosi di tranquillanti assunte, l’inequivocabilità dell’atto suicida compiuto da Michele Buontempo. Eppure, eppure, eppure, qualcosa proprio non torna nella ricostruzione della dinamica e del fatto a Milena Costa, che in quella scena così accuratamente predisposta non fiuta un suicidio quanto una discreta e ben operata messa in scena. Che si sia sbagliata? Oppure, davvero vi è altro dietro quello che sembra essere un semplice caso di dipartita volontaria? Ed Elsa? Qual è il suo ruolo in tutta la vicenda? Affiancata dai suoi fedeli uomini il vicequestore Milena Costa si ritroverà a dover fare i conti con un caso ben più grande di lei, dalle fattezze inaspettate e dalle mille sfaccettature; un’indagine che la porterà a far i conti con l’ombra. Perché Michele Buontempo «aveva semplicemente intuito la presenza imprescindibile di quell’ombra in ogni esistenza, in ogni viandante» e ne aveva pagato le conseguenze.
Con una penna arguta, ben calibrata e con un ritmo serrato che accompagna il lettore pagina dopo pagina senza mai mollare la presa e senza mai concedere pausa alcuna tra un avvenimento e l’altro, Mariella Sparacino torna in libreria con un secondo capitolo dedicato alle avventure della sua protagonista d’eccellenza. Il risultato è quello di un giallo in perfetto stile poliziesco che spazia dal delitto, alle vite quotidiane e al come il passato possa irrompere nel presente senza remore, a tematiche di grande attualità che non solo inducono alla riflessione ma che fanno anche stringere il cuore. Particolarmente toccanti e degni di nota sono alcuni passaggi sulla volta del finale che ci mostrano una eroina dotata di siffatta umanità da esser tangibile con mano e non solo godibile su carta.
Come da consueto la penna dell’autrice non tarda a farsi apprezzare e se già ne “L’estate dei dieci temporali” aveva colpito per l’eleganza, la precisione, la cura e la ricercatezza con cui accompagnava passo passo nella risoluzione dell’enigma e ricostruiva e intesseva la trama, in questo secondo volume siamo colpiti dalla profonda maturazione della narratrice che mantenendo gli standard a cui ci ha abituati, si eleva ulteriormente e soprattutto a livello di intreccio narrativo, nettamente più complesso e stratificato, veloce e ritmato. Altro tratto distintivo che ne comprova la crescita è la caratterizzazione della protagonista che trova in questo episodio ancora più spazio e riguardo. Non mancano nemmeno gli altri fedeli personaggi conosciuti in precedenza a cui se l’aggiungono di nuovi altrettanto piacevolissimi.
Un poliziesco da non sottovalutare, godibilissimo, avvincente, con momenti di suspence e altri sinceramente divertenti che allentano la tensione, con una protagonista concreta che per la sua normalità non si può non amare, un testo capace di far riflettere per le tematiche toccate e tutto da scoprire perché mai scontato e banale e perché in esso nulla è come appare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri