La sposa scomparsa La sposa scomparsa

La sposa scomparsa

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La misteriosa scomparsa di Carmen, poco prima delle sue nozze, è rimasta a lungo senza risposta e la polizia ha archiviato il caso. Ma c’è chi non si dà per vinto e vuole seguire le esili tracce che la vittima ha lasciato dietro di sé. Nel generale scetticismo delle autorità, un singolare trio di improvvisate investigatrici si impegna a dissipare la nebbia che circonda quella storia. Sono Vittoria, Libera e Iole, rispettivamente figlia, madre e nonna che abitano, tutte insieme, in un quartiere popolare vicino ai Navigli di Milano. A dispetto delle stridenti diversità generazionali e dei bisticci che ne seguono, le tre intraprendenti signore riusciranno a trovare, in modo originale, il bandolo della matassa.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La sposa scomparsa 2019-04-08 12:30:39 luvina
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
luvina Opinione inserita da luvina    08 Aprile, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La fioraia e il cold case

“La sposa scomparsa” è il primo di tre romanzi gialli dell’autrice Rosa Teruzzi; tutti e tre i romanzi hanno come protagonista una famiglia di sole donne Libera, Vittoria e Iole, rispettivamente mamma, figlia e nonna. Abitano a Milano in un vecchio casello ferroviario ristrutturato dove Libera ha anche la sua attività di creatrice di bouquet da sposa; Vittoria è invece una poliziotta scontrosa e difficile che non ha mai elaborato la morte violenta del padre; la vera perla di questa strana famiglia è Iole, mamma di Libera, un personaggio anticonformista, esuberante, leggero, una hippie della prima ora, seguace dell’amore libero, dell’amicizia, frequentatrice e creatrice di corsi di yoga e autocoscienza e molto smart fra cellulari, social e tablet. Il caso che si troveranno loro malgrado a risolvere è un “cold case” del 1988, la storia di una ragazza scomparsa e mai ritrovata. Il romanzo ha una trama molto convincente, ben delineata anche nel riportarci indietro di trent’anni nell’era pre internet, la scrittura è fluida e scorrevole, si legge con piacere. E’ un libro anche un po’ furbo, ci descrive una Milano insolitamente piovosa nel mese di luglio, i suoi quartieri, i navigli e i dintorni ma ci delizia anche con veri manicaretti assolutamente vegetariani che ogni giorno Libera porta in tavola apparecchiata come se fosse festa. Speciale è la soluzione del caso, veramente inattesa la soluzione, mentre il finale rimane aperto proprio perché le nostre tre protagoniste possano tornare a farci compagnia. L’ultimo consiglio è un avvertimento: Attenzione dà assuefazione!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Bisognerà leggere gli altri due romanzi della serie
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
La sposa scomparsa 2016-09-19 07:53:21 Amante di Libri
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Amante di Libri Opinione inserita da Amante di Libri    19 Settembre, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La ricerca di un riscatto

Il libro intitolato “La sposa scomparsa” ruota intorno alla vicenda di Carmen Minardi, una donna in procinto di sposarsi di cui viene dichiarata la scomparsa. Esso era un caso ormai chiuso di cui si era occupata Vittoria, giovane agente di polizia, che per mancanze di prove aveva ritenuto irrisolvibile. Tuttavia, la madre della ragazza non si rassegna e si presenta alla porta della casa dell’agente, avendo l’opportunità di fare la conoscenza della madre Libera e della nonna Iole. Le due donne impietosite dalla storia della signora cercheranno di aiutarla, riapprendo un caso ormai sepolto da anni.

“Rosalia chiuse gli occhi e si concentrò, come se non volesse dimenticare nemmeno una sillaba: Vado a vincere la mia guerra”

Indagini, intrighi e misteri sono alla base di questo romanzo scritto da Rosa Teruzzi. Attraverso uno stile semplice e melanconico, l’autrice ha tracciato una storia di cronaca nera intrecciata alle vicende di tre donne: Vittoria, impavida e severa agente di polizia che non si arrende alla morte del padre Saverio, caso rimasto irrisolto; Libera, madre apprensiva e preoccupata per la vita della sua giovane figlia ma anche una donna intimidita e impaurita di rifarsi una vita dopo la morte del marito ed infine abbiamo Iole. Iole, madre di Libera e nonna di Vittoria, è il personaggio più particolare del libro. Briosa, attiva e curiosa spingerà Libera tra le braccia dei pretendenti e ad aiutarla nel caso di cronaca. La storia non appare mai banale nè scontata, anzi è piena di colpi di scena. Lo stesso finale appare sconvolgente ed improvviso, io stessa non sarei mai arrivata a tale conclusione. Tuttavia, avrei trattato di più il caso della morte di Saverio, visto che è una vicenda che sta molto a cuore alle protagoniste, anche perché rimane un punto interrogativo su tutta la vicenda. Appassionante, coinvolgente ed intrigante questo romanzo terrà incollato il lettore alle pagine sino alla fine di esso. Inoltre una cosa che mi ha colpito molto è l’importanza che Libera da ad ogni singolo fiore. Infatti i suoi bouquet vengono considerati dei portafortuna, proprio per la cura che lei riserva nella cura e realizzazione.

Consiglio vivamente la lettura piacevole di questo romanzo giallo. Si presenta come un misto tra un libro di cronaca contornato da battute ironiche che smorzano la drammaticità dell’accaduto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per chi ha letto Sherlock Holmes o libri di casi di cronaca o di investigamento
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
La sposa scomparsa 2016-09-08 04:40:45 Pupottina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    08 Settembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due Miss Marple a Milano

Dalla redazione di Quarto Grado alle commedie in giallo, ROSA TERUZZI è una esperta di cold case e in LA SPOSA SCOMPARSA ce ne propone uno davvero molto interessante ed attuale, tanto verosimile da farcelo sembrare autentico. Il merito è anche nella caratterizzazione a tutto tondo dei suoi riuscitissimi personaggi: tre donne con un intuito particolare, ma in possesso anche di sensibilità e ostinazione.
Niente può fermare Libera, Iole e Vittoria. Tre personaggi che ti entrano nel cuore e, da donna, non puoi non ritrovarti nelle loro riflessioni sulla vita, l'amore, il lavoro e le vicissitudini della vita.
Libera è una donna appassionata di romanzi gialli, proprietaria di un casello ferroviario, dove ha ricavato un negozietto di fiori per realizzare i suoi, tanto pubblicizzati e controversi, bouquet nuziali. Libera è anche la vedova di un poliziotto, Saverio, morto in circostanze misteriose, quando la figlia, Vittoria, era ancora una bambina. Intrappolata tra le pagine dei suoi gialli preferiti e nel dolore per la perdita del marito, Libera ha rinunciato a indagare per scoprire tutta la verità sulla dipartita di Saverio. Si è rassegnata e ha imparato a convivere con tutti i perché di cui non saprà mai la risposta. Questa sua rassegnazione la porta ad avere un rapporto conflittuale con la figlia, Vittoria, la quale, ormai cresciuta, ha seguito le orme paterne. È una poliziotta con un alto senso del dovere. A completare l'allegro trio, c'è la madre di Libera e nonna di Vittoria, Iole, una quasi settantenne, disinibita e con la passione per gli uomini e le discipline tantriche. Insolitamente, è l'unica del trio a non avere problemi di cuore e quella che strappa ai lettori non pochi sorrisi.
E così che Libera si trova a convivere tra "sua madre, la sfacciata, e sua figlia, la sfinge, che si tengono testa reciprocamente: due autentiche femmine alfa, ognuna a suo modo."
In una, stranamente piovosa, giornata di luglio, Libera e Iole, conosciuta Rosalia, la donna vestita interamente di nero, non possono fare a meno di provare compassione per lei e volerla aiutare. Il lutto, ormai perpetuo, di Rosalia è dovuto al dolore per la misteriosa scomparsa, di sua figlia Carmela, avvenuta ventisei anni prima. La donna non ha mai scoperto la verità. Il caso è ormai archiviato, ma Rosalia, da madre, non si rassegna a non poter più riabbracciare sua figlia o, almeno, a poterla seppellire in un'urna confortata dal pianto. Libera non può smettere di chiedersi cosa farebbe se fosse al posto di Rosalia e sua figlia Vittoria scomparisse misteriosamente. Lei ha già una spina nel cuore, quella che le si è conficcata dopo la morte di Saverio, e non potrebbe sopportarne un'altra. Per questo motivo, Libera intercede con Vittoria in favore di Rosalia e riesce a far riaprire il caso, ma anche a far luce sulle misteriose vicende legate alla sua scomparsa.
Per risolvere un caso, impronte digitali e dna non bastano, se manca un po' di intuito femminile.
"Come avrebbe agito, al posto suo, uno degli investigatori dilettanti dei romanzi che amava?" Libera, troppo platealmente sosia di Julianne Moore, non passa inosservata. Si pone tante domande, cui dare risposte, che trova grazie alla collaborazione di sua madre Iole e dei suoi personalissimi metodi d'indagine.
LA SPOSA SCOMPARSA è un giallo che ho amato dalla prima all'ultima pagina e, visto gli indizi disseminati nel finale, spero vivamente che ci sia presto un seguito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri