Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror La squillo e il delitto di Lambrate
 

La squillo e il delitto di Lambrate La squillo e il delitto di Lambrate

La squillo e il delitto di Lambrate

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Milano, 1951. Margherita, una bella ragazza poco più che ventenne, è una 'squillo' di alto bordo in una casa d'appuntamenti milanese. Un giorno viene a sapere che un'amica d'infanzia è accusata dell'omicidio del suo fidanzato, il capo di una banda della ligera - così era detta la malavita milanese - di Lambrate. Incredula, Margherita è certa della sua innocenza e si improvvisa detective per scoprire il vero colpevole e togliere così dalla galera l'amica del cuore. Rubando il tempo all'esercizio della professione, che svolge con fantasia e notevole successo, la ragazza si imbarca in una personale e solitaria indagine clandestina, senza poter usufruire dei mezzi e dell'autorevolezza delle forze dell'ordine. Contando dunque solo sulla sua intelligenza e un naturale intuito investigativo, passo dopo passo, fra mille difficoltà, Margherita imbocca la strada giusta e scopre alla fine il vero assassino, che consegna su un piatto d'argento alla polizia. In questo romanzo il lettore incontra personaggi davvero memorabili: accanto alla bella Margherita c'è l'astuta contessa che gestisce la casa d'appuntamenti di via Monte Rosa dove la nostra protagonista esercita la professione e i suoi altolocati clienti; ma anche Leonardo, il capo della banda della ligera di Porta Venezia, e poi una bellissima, giovane donna, sosia dell'attrice Silvana Mangano, pericolosamente attratta da chi lambisce la 'cattiva strada'...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La squillo e il delitto di Lambrate 2018-03-20 08:45:57 ornella donna
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    20 Marzo, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

1951: una investigatrice "speciale"

Dario Crapanzano, dopo aver narrato per molte volte le avventure del commissario Arrigoni nella Milano degli anni Cinquanta, ora muta personaggio e immette nel vasto panorama letterario una nuova investigatrice, anche se un po’ sui generis: Margherita Grande. Protagonista assoluta de La squillo e il delitto di Lambrate.

Siamo nella Milano del 1951, il ricordo drammatico della guerra, la fatica della ricostruzione è ancora ben presente in tutto il Paese. E Margherita è orfana, con una nonna anziana e due fratellini, vive in una casa di ringhiera, barcamenandosi alla meno peggio con il suo salario da cameriera in una trattoria. Ma:

“aveva un viso dai lineamenti fini, illuminato da due intensi occhi castani e incorniciato da lunghi capelli dello stesso colore, faceva pendant un corpo alto e slanciato dalle forme provocanti, che nemmeno il più modesto dei vestiti, come un grembiule da cameriera, riusciva a mortificare. Una voce dal timbro profondo dava il tocco finale al fascino della giovane. Che era dotata di una vivace intelligenza, di una spontanea carica di simpatia e di un carattere deciso e volitivo.”.

Ed ecco che l’occasione della sua vita si presenta con una strana, quanto affascinante, contessa Giulia Vergani. Lei la nota e le propone di lavorare nella sua raffinata casa di appuntamenti. Il cambiamento è radicale, e la ragazza vende, anche ad un ottimo prezzo, la sua verginità. Diventa una squillo di alto bordo, che affronta il mestiere con candido cinismo, ed approfitta della situazione per elevarsi anche culturalmente: legge il Corriere della Sera, libri come Anna Karenina, Guerra e pace, e si gode il benessere trovato. Fino a quando viene a sapere dell’accoltellamento di Valerio Bongiovanni,

“il capo di una banda di fuorilegge. Un bellissimo ragazzo e un inguaribile dongiovanni.”.

Dell’assassinio viene accusata l’amica Ines, nonché fidanzata ufficiale della vittima. Così la bella Rita, seguendo gli insegnamenti tratti dalla lettura di Maigret, inizia a:

“Secondo Maigret quando si inizia l’inchiesta su un omicidio, bisogna prima di tutto mettere sotto la lente di ingrandimento la vittima, scavare a fondo nella sua personalità e ripercorrerne vita morte e miracoli. Certo, poi ce n’è ancora di strada da fare per arrivare a formulare le prime ipotesi sulle cause dell’omicidio e sull’identità dell’assassino. (…) C’è un’altra abitudine del buon vecchio Maigret che dà sempre ottimi frutti: una chiacchierata con la portinaia! Quella ne sa una più del diavolo, non gli sfugge niente!”.

Un giallo insolito, sia per i personaggi che per l’ambientazione. Qui ci sono i ladri di quartiere, che paiono quasi dei gentiluomini, detti la “ligera”, ovvero:

“erano nate formazioni banditesche composte da giovani, poco più che ragazzi, senza troppa voglia di sgobbare tutta la giornata per quattro soldi come i loro padri o i loro nonni: preferivano campare con i ricchi introiti provenienti dai furti in appartamenti privati, o dalle rapine in strada, in banca o in alberghi e negozi dalla cassa ben fornita, lasciando alla malavita di basso livello i borseggi sui tram e i furti di biciclette.”.

Si parla di Lambrate, oggi quartiere di Milano, all’epoca un quartiere molto antico delle cui discendenze si arriva fino ai tempi dei romani e che ispirò il nome della famosa “Lambretta”.

Tra peripezie e stratagemmi investigativi il bandolo della matassa si scioglie, e il libro diventa un giallo dei tempi andati, che non ci sono più. Un testo raffinato, di facile e frizzante ma curiosa lettura.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri