Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror La strategia del gambero
 

La strategia del gambero La strategia del gambero

La strategia del gambero

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Corrado Genito è un ex agente per la sicurezza dello stato finito in prigione “per aver voluto salvare con tutti i mezzi, soprattutto quelli illeciti, l’ostaggio di un sequestro e, diciamolo, per scoparsi alla grande la moglie del rapito, l’ex Miss Sorriso Maretta Zara. Per lei, e per i soldi in ballo, una montagna di soldi, s’era lanciato in una strategia sbagliata”. A farne le spese, il vecchio collega ispettore della Omicidi, nonché suo migliore amico, Francesco Bagni, che era rimasto a terra condannando Genito a lunghi anni di galera e a un indomabile “corpo a corpo con la tristezza”.I servizi segreti, però, lo fanno evadere perché solo lui è in grado di portare a termine una missione: deve infiltrarsi all’interno dei due clan ’ndranghetisti che detengono il potere in un paesino fra Milano e Varese, Ranirate. Per tutti gli anni ottanta e novanta gli Spanò e i Corallo si sono combattuti a suon di brutali omicidi, ma da qualche tempo sembrano volere la pace – e l’imminente matrimonio fra “Kurt” Spanò e la bella Ada Corallo dovrebbe sancirla. Una pace cercata in nome degli affari che contano, e naturalmente tocca a Genito scoprire quali siano. Per riuscirci i servizi gli danno carta bianca, così lui si inventa un metodo di infiltrazione inedito: la strategia del gambero.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La strategia del gambero 2017-12-18 18:19:50 ornella donna
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    18 Dicembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una strategia "'ndranghetista"

Piero Colaprico torna negli scaffali delle librerie con La strategia del gambero, un romanzo autonomo dalla serie del commissario Pietro Binda, senza perdere nulla nel confronto in quanto a potenza narrativa e nella capacità di svelare le caratteristiche precipue, spesso molto attuali, della criminalità a Milano.
Un romanzo criminale avvincente, in cui la penna dello scrittore noir si intreccia a quella del grande giornalista per dare vita, in un crescendo di azione e di pericoli, di colpi di scena e di intrecci sotterranei, a una storia di luci ed ombre dal fortissimo sapore di verità.
L’autore è giornalista di cronaca giudiziaria e di nera per La Repubblica, ricordando che proprio lui ha coniato il termine “Tangentopoli”, mostrando così già allora una grande conoscenza per quelli che sono i meccanismi e gli scenari della Milano criminale. A questo aggiungiamo che ha vinto un Premio Scerbanenco, con La trilogia della città di M., e il quadro delle capacità e delle potenzialità di Colaprica sono così ben evidenziate.
E’ sulla presenza nel territorio della ‘ndrangheta che l’autore pugliese, trasferitosi nel capoluogo milanese, ha sempre avuto una conoscenza particolare e brillante, e quest’ultimo libro lo conferma in modo particolare.
Buona parte del romanzo narra le gesta del suo azzeccato protagonista, Corrado Genito, tutore dell’ordine che sa che non esistono Male o Bene, ma solo la fragilità umana e l’umana responsabilità. Infatti lui ha conosciuto entrambi i fronti: è stato capitano del Carabinieri, nonché agente segreto, ma ora si trova in carcere, in mezzo a quelle persone che ha sempre cercato, con ogni mezzo, lecito ed illecito anche, di contrastare. Ma quale è stata la colpa che lo ha portato fin lì? Aver gestito in modo alquanto maldestro un sequestro nel quale era troppo coinvolto, sia da un punto di vista personale che emotivo: una grossa somma di denaro e l’interesse erotico per la moglie del rapito hanno condotto alla morte di Francesco Bagni, che di Genito era non solo collega ed Ispettore della Omicidi, ma anche il suo migliore amico. Per Corrado, quindi, i lunghi anni di prigione che lo attendono sono affollati dai ricordi, dai rimorsi e dai sensi di colpa, ma non avrà molto tempo per crogiolarvisi dentro all’infinito. I servizi segreti lo mettono in libertà con un patto preciso: se saprà fornire un aiuto concreto in una indagine difficile, i suoi crimini saranno dimenticati per sempre. Genito deve infiltrarsi in due clan della ‘ndrangheta che, dopo decenni di guerra spietata, che ha condotto ad inutile spargimento di sangue, sembrano ora avviati verso una pace che non convince nessuno, ma che garantisce spartizioni ed enormi quantità di denaro per tutti. Simbolo di questa pacificazione non può che essere un matrimonio tra due giovani dei due opposti clan, Ada Nirchemi e Kurt Stringoli, due persone che nulla hanno in comune, se non che l’obbedienza cieca e dittatoriale al volere dei rispettivi capoclan. A Genito aspetta un compito rischioso, se non impossibile, in un ambiente ricco solo di spregiudicatezza e di violenza, dove la soluzione, per non morire, sembra essere solo quella di seguire la “strategia del gambero”, per cui:
“Vola leggero come una farfalla, pungi forte come un’ape, ma non farti avanti, cammina all’indietro come i gamberi.”.
Un’avvincente e fascinosa lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto ed amato i libri con protagonista il commissario Binda, quali La primavera di maimorti, La nevicata del '85, Quattro gocce di acqua piovana.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Morte accidentale di un amministratore di condominio
Appuntamento mortale
Chiedi al portiere
La vita paga il sabato
La Svedese
Scripta manent
Un volo per Sara
Undici morti non bastano
Una stella senza luce
Il tessitore
Il gigante e la Madonnina
Terrarossa
Se son rose moriranno
Rancore
Racconti sull'innominabile
Una piccola questione di cuore