Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Le ombre non lasciano tracce. La croce capovolta
 

Le ombre non lasciano tracce. La croce capovolta Le ombre non lasciano tracce. La croce capovolta

Le ombre non lasciano tracce. La croce capovolta

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Afghanistan, zona di guerra, notte. Il capitano Daniel Drago sta per entrare in azione. Appartiene a un commando speciale per operazioni di guerra non convenzionali che ha ricevuto l'ordine di eliminare un pericoloso capo talebano. Lo scontro è cruento e alla fine la missione si rivelerà un insuccesso, così Daniel farà rientro a Roma per ricongiungersi alla donna che ama. Per i due, però, le cose, stanno per prendere una piega orrenda. Sofia verrà brutalmente violentata da una banda di stupratori seriali e all'uomo non resterà altro che il corpo di lei e pochissimi indizi. Sarà l'inizio di una caccia senza pietà e quartiere. Ma Roma non trova mai pace. La città è allo stesso tempo sconvolta da un altro gravissimo fatto di cronaca nera: i corpi senza vita di due giovani donne vengono ritrovati in strada orrendamente mutilati. Addosso, gli inconfondibili segni di Satana. Dopo il rapimento di altre ragazze e in un crescendo sempre più esplosivo di colpi di scena, Daniel e il vice sovrintendente Rebecca Rei si troveranno segretamente uniti a condurre le indagini. Ma qualcosa continua a turbare la poliziotta. L'uomo porta con sé terribili segreti: segreti che non lasciano tracce.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le ombre non lasciano tracce. La croce capovolta 2018-01-30 09:08:11 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    30 Gennaio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un vendicatore "ombroso".

Un romanzo tra le ombre, nelle ombre più assolute, quello che porta la firma di Luca Improta, vincitore assoluto del concorso letterario La Quercia del Myr 2017, dal titolo: Le ombre non lasciano tracce. La croce capovolta, ed. Youcanprint 2016. Luca Improta, classe 1964, romano, avvia la sua carriera nel settore televisivo e cinematografico, diventando in breve tempo Organizzatore Generale delle più importanti Soap Opera italiane e film per il cinema. Nel 2013 esordisce nella narrativa con Il colore delle lacrime, presentato al Salone Internazionale del libro di Torino. Questo è il suo secondo, riuscitissimo ed intrigante, romanzo.

Narra la storia del capitano Daniel Drago, che è:

“un’ombra, e nessuno può sapere niente di te E questo deve valere anche per le cose che appartengono ai comuni mortali.”,

un uomo con alle spalle anni di duro addestramento militare, componente degli Snakes, un corpo decisamente particolare, che:

“Tutti gli Snakes erano preparati a questa evenienza, ma nessuno poteva prevedere come sarebbe andata a finire. Il dover soffocare le proprie emozioni nelle situazioni più estreme e per lunghi periodi, equivale a tenere una bestia al proprio interno pronta a svegliarsi e a divorare di getto l’intero sistema nervoso come una cancrena famelica. Questi uomini non erano dei combattenti catapultati nel campo di battaglia sospinti dal cieco ardore guerriero, quanto delle macchine in grado di mantenere la mente lucida e razionale anche con il soffio della morte che spirava tra i loro capelli.”.

Tornato, dopo lo speciale personale successo nella cattura di un capo talebano, a Roma in licenza, ne approfitta per godersi l’amore puro ed incondizionato di Sofia, la donna a lui molto legata. Ma Daniel è in preda a strane premonizioni, per cui:

“Rivede il serpente emergere dalla sabbia e avvinghiarsi alle sue gambe, salire fino al collo e penetrargli dentro il corpo attraverso le narici e la bocca. I suoi denti avevano già cominciato a trafiggergli gli organi che incontrava lungo la strada. Erano lunghi e affilati come lame di rasoio. E facevano male.”.

Infatti la violenza si abbatte su di loro, implacabile e senza speranza: in una notte Sofia viene aggredita e violentata. Daniel la soccorre, ma ormai è troppo tardi: per Sofia non c’è più nulla da fare, è sopravvissuta fisicamente, ma ormai è solo un involucro di carne, vuoto e privo di emozioni e sentimenti. A Daniel non resta che ricoverarla in una struttura specializzata, l’Istituto delle Piccole Ancelle del Sacro Cuore. Ma la sua rabbia va a confluire in un desiderio di vendetta, che non lascia scampo alcuno. Diventa:

“un vendicatore che non lascia tracce”,

un investigatore impagabile e terribile, che non si ferma davanti a nulla e senza pietà. Che incute timore.

Parallelamente un altro grave evento turba Roma e i suoi abitanti: un Killer senza volto uccide giovani donne, orribilmente mutilate. Alle vittime viene estratto il pube e cavati gli occhi, abbandonata accanto a loro una croce capovolta, dai profondi significati mistici. E’ una messinscena orribile quella che si trova ad affrontare il sovrintendente Rebecca Rei. Lei, donna dal passato segnato da un terribile segreto,

“ha delle zecche gigantesche piantate nella testa e nel cuore che mi succhiano il sangue che non riesco a strappare via in nessun modo.”

Daniel e Rebecca, due anime sofferenti, due ombre che lasciano brevi tracce nell’investigazione, non possono che convergere in una caccia senza limiti al male in assoluto.

Un giallo intenso e coinvolgente, preciso e ricco di dettagli simbolici e storici. Una lettura frizzante e trascinante per un testo scritto con una prosa precisa ed attenta, che non indugia mai in inutili orpelli dilettantistici. Un romanzo dal taglio e dal ritmo fortemente cinematografico, con personaggi finemente delineati ed avvincenti. In particolare la figura del protagonista mi ha ricordato, con un parallelismo del tutto personale, la creatura uscita dalla penna di Roberto Perrone: Annibale Canessa, ex carabiniere, in prima linea nella lotta al terrorismo degli anni ’70, primo attore de La seconda vita di Annibale Canessa e L’estate degli inganni. Inoltre la trama è curiosa e fascinosa, per un giallo che non trascende mai in una violenza truculenta e sanguinolenta. Un ottimo elaborato.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto: Luca Improta, Il colore delle lacrime, e Roberto Perrone, L'estate degli inganni e La seconda vita di Annibale Canessa.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri