Morte a Porta Venezia Morte a Porta Venezia

Morte a Porta Venezia

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Milano, marzo 2020. Anche il vivace quartiere di Porta Venezia cambia volto, dopo le disposizioni governative che invitano la popolazione a restare chiusa in casa. Le strade si svuotano, le convivenze forzate mettono a dura prova i rapporti di coppia e le persone faticano a imparare le regole per contrastare il nuovo virus. Con le saracinesche dei negozi che si abbassano, solo la vecchia e bizzarra magliaia Delia rimane arroccata nel suo laboratorio di via Lecco. Il momento è difficile per tutti. E quando un mattino, all'interno di un appartamento che ha tutto il sapore di una "garçonnière", viene ritrovato il cadavere di un uomo impiccato, si pensa subito al suicidio. La vittima è un pubblicitario di successo, Mirco Ferretti, che abitava con la moglie Bianca nella lussuosa Casa della Fontana. Ma niente è come sembra. A indagare sul caso è il commissario Attilio Masini, uomo malinconico e amante di Schopenhauer, nelle cui pagine cerca conforto all'infelicità che lo affligge. Ben presto verranno alla luce segreti scabrosi: una torbida relazione della vittima con una giovane cinese chiamata Jasmine, conosciuta in un centro massaggi, e il sospetto che la ragazza sia stata segregata in quell'appartamento, che risulterà essere di proprietà del suocero Ludovico Romei. A ingarbugliare la vicenda, lo strano comportamento e le reticenze di ogni personaggio coinvolto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Morte a Porta Venezia 2021-05-31 13:31:10 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    31 Mag, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

delia e il delitto alla garçonniere

Torna il bel personaggio della magliaia Delia, felice creatura di Mauro Biagini, ne Morte a Porta Venezia. Siamo nel pieno della pandemia, Milano è deserta in pieno lockdown. La magliaia Delia è sconcertata come tutti,
“a dispetto delle mille rughe che decoravano il volto e delle mille ferite nascoste dentro e mai cicatrizzate, di una salute incerta e delle stampelle che l’accompagnavano ovunque, a causa di un’artrite che degenerava ogni giorno”.
Ma lei non si perde d’animo e cerca di vivere la sua solita vita. Fino a quando apprende dello strano suicidio di Mirco Ferretti, marito di Bianca Romei, sua intima conoscente. Lui pubblicitario di successo, genero del notaio Romei, abitava in una illustre casa, molto nota a Milano, della la Casa della Fontana. Un
“bellissimo palazzo. Mi ha sempre affascinato. E ci ha vissuto a lungo uno scrittore importante. Al decimo piano mi pare. Si , Dino Buzzati. Esattamente . un amore …. Che splendido romanzo . l’ho letto tanti anni fa, dovrei riprenderlo in mano uno di questi giorni.”
Perché un uomo all’apparenza di successo, appagato, si è suicidato in un anonimo quanto squallido appartamento? Suicidio che si comprende immediatamente essere camuffato. Così diviene un delitto che potrebbe definirsi:
“il delitto alla garçonniere”.
Di qui l’intervento a supporto della magliaia Delia al commissario Attilio Masini, un uomo il cui mestiere era rappresentato
“dalla capacità di non farsi toccare troppo nell’intimo dalla sensibilità degli altri, morti o vivi: questo, si disse, Masini, era il suo vero mestiere.”
Un’indagine difficile, che si rivela ben presto essere una tipica storia di serpi:
“Masini non potè fare a meno di pensare alle serpi all’interno della famiglia di Bianca, che avevano reso un inferno la sua esistenza.”
Una storia intrigante, dove nulla è come appare. Una trama ben costruita, la raffigurazione intima ed intimistica dei personaggi che costituiscono l’ossatura del romanzo, e una indagine efferata, frutto dei tempi moderni, sono i punti salienti del romanzo. Una lettura di genere, per gli amanti del giallo classico, con una protagonista d’eccezione: la magliaia Delia , donna dall’acume fervido e dall’intelligenza fuor del comune, che si accompagna ad una rara sensibilità nel comprendere il genere umano e le sue debolezze. Il tutto scritto e concepito con rara maestria narrativa dall’autore Mauro Biagini, a cui va il merito di aver scritto un ottimo ed imperdibile romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri